Suggerimenti

Aglaonemi: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Innanzitutto Aglaonema è un genere composto da 21 specie di piante della famiglia delle Araceae .

Alcune delle specie più coltivate sono A. commutatum Schott, A. crispum Nicolson e A. nitidum Kunth.

Queste piante provengono dalla Cina sudorientale e dall’India nordoccidentale fino alla Nuova Guinea. Sono stati introdotti in Occidente alla fine del XIX secolo e da allora sono state coltivate numerose specie ibride .

Gli aglaonemi hanno guadagnato popolarità grazie alla sua capacità di purificare l’aria all’interno e sopravvivere in condizioni di scarsa illuminazione. In alcune regioni si crede addirittura che siano piante che attirano la fortuna.

Punti importanti quando si semina un aglaonema:
  • Nome scientifico: Aglaonema commutatum.
  • Nome comune: Aglaonema, dollaro, lancia d’argento.
  • Altezza: 25 centimetri.
  • Necessità di luce: mezz’ombra.
  • Temperatura: climi caldi e temperati.
  • Irrigazione: moderata.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali caratteristiche ha l’aglaonema?

Meglio conosciuto come dollaro, commutatum Aglaonema , è una pianta erbacea perenne, a crescita lenta, che raggiunge da 5 a 6 producendo nuove foglie all’anno. Nelle piante piccole i fusti sono eretti. Negli esemplari più lunghi, diventano cadenti.

Arrivano a misurare tra i 20 ei 100 centimetri di altezza. Le foglie dell’aglaonema sono strette lamine di colore verde, con dettagli bianchi o grigi, di forma ellittica o lanceolata. Di solito misurano da 13 a 30 centimetri di lunghezza e da 4 a 10 centimetri di larghezza.

L’ aglaonema presenta infiorescenze ascellari, dette anche spadice, da cui germoglia un asse carnoso color crema che contiene in alto i fiori maschili. Nella parte restante sono i fiori femminili che sono circondati da una grande foglia verdastra, detta spata.

Fiorisce nei mesi da giugno a settembre. Questa pianta sorprendente ha piccoli frutti ellittici che cambiano dal giallo al rosso quando raggiungono la maturità. All’interno contengono un solo seme .

Quando seminare l’aglaonema?

L’ aglaonema può essere coltivato in talea durante la primavera, quando le temperature si aggirano intorno ai 21°C. Questa volta è anche opportuno per trapiantare gli esemplari più grandi in vasi adatti, a seconda delle loro dimensioni e crescita.

Dove piantare l’aglaonema?

La temperatura ottimale per coltivare l’ aglaonema è di circa 18° C – 25°C . È anche importante monitorare che l’umidità relativa sia al 75 o all’80% per evitare che alcuni parassiti si diffondano.

Aglaonema è noto per avere una bassa tolleranza ai venti freddi e gelidi. Infatti, la crescita delle piante si arresta quando la temperatura è inferiore a 15ºC e inizia a risentirne al di sotto dei 10ºC.

L’ Aglaonema si adatta facilmente alle condizioni di luce. Può prosperare in spazi luminosi, senza luce solare diretta e anche in luoghi con scarsa illuminazione. Si consiglia di coltivarla all’aperto in luoghi caldi e al chiuso in luoghi con climi freddi o temperati.

Come preparare il terreno?

L’ Aglaonema può essere piantato su quasi tutti i terreni con un buon drenaggio. Tuttavia, è meglio coltivarlo in terreni porosi, umidi, ben aerati e leggermente acidi con un pH compreso tra 6 e 6,5.

Inoltre, il terreno può essere migliorato in primavera ed estate con humus o qualsiasi fertilizzante organico o fertilizzante commerciale, secondo le raccomandazioni del produttore. La concimazione va effettuata ogni 15 giorni, soprattutto durante i mesi di crescita.

Come innaffiamo l’aglaonema?

Poiché l’aglaonema è originario dei climi umidi, è necessario mantenere un’irrigazione moderata. Può aumentare leggermente durante la stagione vegetativa, in primavera ed estate , e aumentare durante la stagione secca.

È importante evitare la saturazione e il ristagno d’acqua del substrato . È preferibile attendere che il terreno si asciughi un po’ per effettuare le successive annaffiature.

Ogni quanto annaffiamo l’aglaonema?

La frequenza dell’irrigazione dipenderà dal periodo dell’anno. In estate va annaffiato due volte a settimana. Le annaffiature vanno comunque diradate durante l’ inverno , inumidendo il substrato solo una volta alla settimana.

Come seminare un aglaonema passo dopo passo?

La moltiplicazione dell’aglaonema avviene principalmente per talea terminale, sebbene vengano effettuate anche colture “in vitro” per ottenere piante di migliore qualità. La coltivazione per seme è possibile solo quando si tratta di nuove ibridazioni.

Tagliando

Questa procedura dovrebbe essere eseguita ogni 2 o 3 anni, quando la pianta ha un fogliame denso e non può diffondersi nel vaso. È importante indossare guanti per evitare il contatto diretto dovuto alla tossicità delle piante .

  1. Taglia un fusto che spunti dal tronco principale e abbia almeno 3 foglie di lunghezza compresa tra 10 e 15 centimetri.
  2. Metti la talea in un contenitore con acqua e attendi qualche settimana, finché la radice non avrà raggiunto i 3 centimetri di lunghezza.
  3. In una pentola, metti dell’argilla o della ghiaia sul fondo. Aggiungere il substrato universale fino a raggiungere ¾ dell’altezza rimanente del vaso.
  4. Posizionare con cura il taglio e fissarlo al centro dell’area.
  5. Coprire con un leggero strato di substrato, appoggiarlo delicatamente con le dita e innaffiare fino a quando l’acqua non fuoriesce dai fori della pentola.
  6. Posiziona il vaso lontano dalla luce solare diretta e mantieni il terreno leggermente umido fino a quando non iniziano a germogliare nuove foglie.

Di che cure ha bisogno l’aglaonema?

Aglaonema contiene cristalli di ossalato di calcio , che possono causare irritazioni cutanee ed eruzioni cutanee. Non è consigliabile coltivarlo in case con bambini o animali domestici.

È importante evitare di annaffiare eccessivamente la pianta, poiché l’acqua stagnante può portare al marciume radicale o causare malattie delle foglie.

Tieni l’aglaonema lontano da brezze o correnti calde e fredde, sia che provengano da finestre, caloriferi o aria condizionata.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’aglaonema?

Gli aglaonemi sono affetti da antracnosi e dai funghi Myrothecium e Colletotrichium . È possibile anche seriamente soffrire di Erwinia batteri (Erwinia carotovora e Erwinia chrysanthemi) e Pythium .

Tra i parassiti che danneggiano la pianta ci sono afidi, acari di ragno (Tetranychidae) , coccoidi, cocciniglie bianche (Pseudococcidae) , tra gli altri.

Riferimenti

  • https://sembramos.com.co/wp-content/uploads/2018/07/guia-de-cuída-aglaonema-dolar.pdf
  • https://repository.si.edu/bitstream/handle/10088/13787/scb-0001.pdf?sequence=3&isAllowed=y
  • https://www.jardineriayplantas.com/aglaonema-commutatum/
  • https://www.arbolesornamentales.es/cultivo%20de%20Aglaonema.pdf
  • https://www.flores.ninja/aglaonema/
  • http://www.aroid.org/genera/aglaonema/aglaonema_success/aglaonema_success.pdf
  • http://laventanadejaviruli.blogspot.com/2017/06/plantas-de-interior-60-multiplicacion.html
  • https://www.thespruce.com/grow-aglaonema-houseplants-1902734#propagating-cinese-evergreen

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *