Suggerimenti

Malattie e parassiti del pesco [identificarli e trattarli]

Quanto sono belli i frutti e quanto è piacevole raccogliere il raccolto, ma cosa succede quando compaiono malattie o parassiti del pesco?

È necessario attaccarli immediatamente ed è per questo che oggi vi presentiamo un elenco delle malattie e dei parassiti più comuni del pesco.

Forse ti interessano anche:
  • Pianta un pesco passo dopo passo. 
  • La potatura del pesco.
  • Come concimare un pesco.
  • Lebbra del pesco.

oidio

È una delle affezioni più frequenti di molte piante, non solo del pesco.

La sua presenza genera colorazioni biancastre nell’intera struttura dell’albero che finiscono per intaccarne la forza e la capacità di sviluppo.

Quando il caso è molto avanzato, i frutti cadranno senza completare il loro processo di maturazione e impossibili da consumare.

È importante notare che la malattia di solito compare maggiormente nelle giornate più soleggiate dell’estate .

Trattamento per l’oidio del pesco

In questi casi, sarà per quanto possibile più preventivo che correttivo.

Ciò significa che una cura adeguata della pianta aiuterà a prevenire che il fungo la attacchi.

Buone misure includono compost, potatura  e irrigazione nelle quantità corrette.

Aiuterà anche l’uso di prodotti progettati per prevenire la comparsa di funghi, come i fungicidi . Come l’ olio di neem o il sapone di potassio .

In questi casi è bene selezionare un prodotto non tossico e rispettoso dell’ambiente.

ammaccature

Come indica il nome, questa malattia provoca danni alla superficie dell’albero, generando deformazioni.

Queste deformazioni, a loro volta, hanno un impatto negativo sulla resistenza della pianta e rendono la struttura delicata.

A tal proposito si genera che le foglie cadono e che anche i frutti (se esistono) nascano con deformazioni.

Per riconoscere la malattia sarà sufficiente dettagliare il colore delle deformazioni, poiché queste appaiono in verde scuro misto a bianco e anche in rosso.

Quando la malattia non viene controllata in tempo, può portare alla comparsa di afidi .

In altri casi è anche conosciuta come lebbra della pesca .

Trattamento delle ammaccature nel pesco

Per far fronte a questa malattia, è necessario attaccarla presto, cioè prima che la pianta inizi a fiorire.

Se viene eseguito dopo, il danno può diventare molto più profondo e diventare una questione irreversibile.

In questo caso, l’uso di prodotti antiparassitari sarà l’opzione ideale , concentrandosi tempestivamente sul lavoro con ammaccature.

È inoltre importante notare che la loro proliferazione è piuttosto rapida, soprattutto nei giorni di pioggia, e può causare una perdita totale della semina.

Monilia

Per qualsiasi albero che produce frutti che includono un nocciolo duro, come il pesco, la Monilia è una delle malattie più preoccupanti.

La sua azione avviene direttamente nei fiori e nei frutti , provocando un’evidente perdita nel raccolto.

Tuttavia, la cosa più complessa in questa situazione è che può diventare visibile anche dopo che il raccolto è stato raccolto. Vale a dire, quando lascia i campi di semina verso gli spazi dove sarà commercializzato.

Per questo motivo è importante rilevarlo per tempo con cura secondo questo tipo di albero.

Trattamento della monilia nel pesco

Per lavorare con questo tipo di condizione, una delle misure principali è la visualizzazione costante dello sviluppo della pianta.

Nel caso in cui venga rilevato che c’è un frutto o una gemma che sta causando problemi, è meglio rimuoverlo immediatamente.

L’uso di trattamenti commerciali deve essere pienamente autorizzato a tale scopo in modo da evitare ulteriori danni.

È anche un buon piano per mantenere la pianta ben idratata e con abbastanza nutrienti per rafforzare la sua struttura.

Macchia batterica degli alberi da frutto

A tutti noi piace vedere frutti belli e colorati e queste macchie hanno un effetto completamente diverso.

Colpisce i peschi e anche altri alberi da frutto con condizioni simili come il mandorlo /parassiti-e-malattie/”> il mandorlo .

Per riconoscere la malattia, è necessario prestare molta attenzione ai momenti in cui si verificano cambiamenti nella struttura.

La prima cosa che di solito appare sono macchie bianche o verde chiaro sulle foglie, come se stessero sbiadendo.

Questo progredisce fino a quando non diventa gialla e persino marcisce parte della foglia, che cadrà in seguito.

Nel caso dei frutti, le macchie sono generalmente scure e appaiono superficiali per poi affondare verso l’interno.

Trattamento per macchie sul pesco

In questo caso, il lavoro deve essere di azione preventiva con la corretta applicazione di fungicidi. Anche i trattamenti con prodotti a base di zolfo o rame sono spesso efficaci.

Un altro dettaglio importante è che i batteri sono solitamente facilmente dispersi dal vento e dall’acqua.

Per questo motivo è necessario evitare l’uso di sistemi di irrigazione che producono pozzi d’acqua.

Prendersi cura del pesco dalla sua fase di impianto è la chiave per ottenere i migliori risultati durante la sua crescita e il suo periodo di fioritura.

Soprattutto, le cure dovrebbero essere aumentate tra la primavera e l’estate, quando batteri e funghi tendono a crescere più velocemente.

Del resto non resta che assaporare la succosità e il sapore di un frutto ben raccolto.

Lebbra del pesco

Per approfondire, guarda questo articolo: Lebbra del pesco

È una malattia che consiste in un fungo (condizione fungina) che appare nelle piantagioni di pesche.

È facile da riconoscere dall’aspetto delle foglie rugose e rossastre sui germogli primaverili. Saremo in grado di osservare rigonfiamenti (ammaccature).

A causa di quanto sopra, la lebbra del pesco è anche chiamata “Dent” . Mentre il suo nome scientifico è ” Taphira deformans “.

Dopo circa 45 giorni sul nascere, le foglie malate vengono eliminate dall’albero.

A causa di quanto sopra, l’albero tende a indebolirsi, dando frutti poveri. Se la lebbra non viene curata adeguatamente, l’albero può morire.

La lebbra della pesca è considerata una malattia grave per questi alberi da frutto.

Riferimenti e bibliografia

  • Marciume bruno del pesco (Monilinia spp.): Rilevazione, identificazione delle specie e contributo all’epidemiologia della malattia.
  • Nuovi prodotti di biocontrollo contro le malattie fungine della vite , dell’albicocco e del pesco Autori: Núria Daranas, Anna Bonaterra Carreras, Esth.
  • http://repositorio.upct.es/bitstream/handle/10317/8344/tfg-cas-est.pdf?sequence=1

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *