Suggerimenti

Una guida essenziale per il giardinaggio autosufficiente con 17 colture di base

Il primo anno ho cercato di coltivare un giardino autosufficiente, ho fatto grandi errori.

Per prima cosa, ho letto il catalogo dei semi per il digiuno. Tutte queste deliziose descrizioni mi hanno fatto comprare così tante varietà che non erano adatte al nostro clima. Ora sto leggendo i cataloghi dei semi dopo cena!

Poi ho cercato di coltivare tutto quello che normalmente avrei comprato. I prodotti dei negozi di alimentari sono notoriamente blandi. Tuttavia, la grande diversità delle verdure è impossibile da riprodurre in un giardino di famiglia. Ho capito subito che dovevo crescere per il mio clima e le mie stagioni.

In terzo luogo, non ho pensato al tempo del raccolto. I pomodori indeterminati producono per un lungo periodo di tempo piuttosto che maturare tutti in una volta. Così ho dovuto fare piccoli lotti di salsa per tutta l’estate. E cosa pensavi che avrei fatto esattamente con 1.150 libbre di cocomeri in una settimana?

>

Dopo che le cose sono andate male, ho affinato le mie pratiche. Ho anche scoperto che ci sono differenze fondamentali quando si cresce per l’autosufficienza piuttosto che per il piacere.

>


Giardinaggio autosufficiente

Ecco un elenco delle 17 colture di base della mia lista di giardinaggio autosufficiente. Di seguito spiegherò più dettagliatamente perché li ho scelti e qual è la loro importanza:

Le colture sono facili da conservare:

  • Patate
  • Patate dolci
  • Zucca invernale

Raccolta continua:

  • Barbabietole
  • Carote
  • Rape
  • Ravanello

Foglie verdi :

  • Lattuga e lattuga; Verdi alternativi

Sapore e gusto aggiunto :

  • Cipolle
  • Aglio

Verdure autunnali:

  • Pastinaca
  • Porri
  • Cavolo

Colture in campo :

  • Mais
  • Girasoli
  • Verdure
  • Grano

Ecco alcune idee strategiche che funzionano bene per me. Spero che vi aiuteranno anche a organizzare il vostro giardino autosufficiente.


Consiglio

Le colture di base, che forniranno la maggior parte delle vostre sostanze nutritive e calorie, sono la base di un giardino autosufficiente. Prima di lasciarti trasportare da queste deliziose descrizioni, scopri cosa ti serve per crescere per sfamare la tua famiglia.

A seconda della regione di coltivazione, è possibile ottenere due piantagioni di patate a fine febbraio e inizio giugno. Pianto un totale di 80 piante e finisco con circa 80.000 calorie di patate.

Le patate dolci richiedono un clima caldo. Le pianto a metà maggio e le raccolgo all’inizio di ottobre. Poiché occupano più spazio delle patate, ho piantato solo 60 piante di patate dolci. Questo ci dà circa 144.000 calorie. Se mangiate alcune foglie, vi dà anche più nutrienti e calorie!

>

Le zucche o la lunga zucca invernale sono un altro eccellente raccolto calorico. Coltiviamo una media di circa 900 libbre di zucca invernale coltivando zucche di Waltham Butternut e Semola. Sono circa 105.000 calorie (e anche di più se si mangiano i semi e la pelle).

Queste tre colture da sole ci danno circa 329.000 o più calorie. Si tratta solo di più di un terzo delle calorie necessarie per nutrire una persona per un anno.

La vera bellezza di queste colture è la loro facilità di stoccaggio. Dopo la raccolta e un breve periodo di essiccazione, possono essere conservati su uno scaffale per sei mesi o un anno.

Impianto alternativo per la raccolta in continuo: barbabietole, carote, rape, ravanelli

>

Oltre agli alimenti di base ad alto contenuto calorico e facili da conservare, aumentate la vostra resa coltivando tuberi ad alto contenuto di azoto. Si possono coltivare rape, barbabietole e carote in 60-75 giorni. L’insalata di ravanello può essere pronta in 22 giorni, e i grandi ravanelli come il daikon richiedono circa 60 giorni.

Con la semina in successione, è possibile avere un rifornimento continuo di questi ortaggi da circa sei settimane dopo l’ultima gelata a due settimane dopo la prima gelata. Estendere questa esperienza ancora di più con telai freddi e coperture per file.

Queste quattro colture hanno anche verdure deliziose. Le foglie di barbabietola possono essere usate come spinaci. Le foglie di rapa e ravanello sono deliziosamente fermentate. Le carote aggiungono un gusto di prezzemolo e minerali alle ossa.

Non dimenticate le foglie verdi per una buona nutrizione

>

Anche se non forniscono molte calorie, i verdi a foglia offrono così tanti benefici nutrizionali che li considero un alimento di base. Coltiviamo un orto di insalate che comprende lattuga e molte alternative resistenti al caldo e al freddo.

Per ottenere i migliori risultati, coltivateli per un raccolto continuo piuttosto che puntare ai grossi cespi. Ha bisogno di più semi e di un po’ più di manutenzione. Tuttavia, è possibile mangiare un’insalata ogni giorno.

Massimizzare lo spazio: cipolle e aglio

>

John Jeavons, l’autore di How to Grow More Vegetables , definisce le cipolle e l’aglio “colture caloriche”. Individualmente, non sono ad alto contenuto calorico. Tuttavia, possono essere piantate in massa, quindi crescono molto in uno spazio ridotto.

Utilizzando il metodo di coltivazione di John Jeavon, è possibile collocare 1343 piante di cipolla o aglio in un’area di coltivazione di 100 metri quadrati. Non ho ancora avuto quel tipo di ritorno. Tuttavia, mi sono avvicinato ad essa piantando le mie cipolle di stoccaggio in centri da 2″ e poi piantando dense cipolline intorno alle cipolline a bulbo.

Raccolgo le cipolle primaverili necessarie per cucinare da aprile a giugno. Poi, quando le cipolle di stoccaggio cominciano a formare lampadine, hanno tutto lo spazio necessario per diventare palle morbide.

L’aglio è eccezionale per l’autosufficienza alimentare perché viene piantato in autunno e raccolto all’inizio dell’estate. Dopo il raccolto, avete ancora tutto il tempo di reimpiantare questi letti con verdure estive e autunnali. Le varietà con il collo morbido offrono anche paesaggi di aglio per il consumo fresco.

Verdure autunnali: pastinaca, porri e cavoli

>

La primavera e l’estate sono periodi di massima produzione di calorie. L’autosufficienza, tuttavia, richiede una fornitura di cibo per tutto l’anno.

Pastinaca e porri possono essere piantati a fine estate, possono essere lasciati crescere fino a quando non si addormentano dal freddo e ricominceranno a crescere all’inizio della primavera. Non solo mi piace poter raccogliere verdure fresche a febbraio, ma queste colture aumentano anche il nostro senso di sicurezza alimentare.

Alcune varietà di cavolo possono iniziare a fine estate e crescere fino all’inverno. I grandi tipi di testa a sfera diventano più morbidi dopo qualche tocco di gel. Coltiviamo cavoli precoci per l’insalata di cavolo in primavera. La maggior parte dei nostri cavoli viene coltivata in autunno e utilizzata per i fermenti come i crauti per mantenerci sani in inverno.

Coltivare i campi: Mais, Girasole, Ortaggi, Grano

>

Le “colture in campo” sono colture che non richiedono molta cura dopo aver preparato il terreno e l’acqua fino a quando le piantine non sono solide. Tendono a crescere in lunghe file piuttosto che in letti. Le nostre coltivazioni in campo sono mais, girasole, fagioli secchi e grano.

Coltiviamo i fagioli secchi con il mais, quindi gli steli di mais fungono da graticci naturali. Il mais dolce è ottimo, ma non è abbastanza utile per noi per coltivarlo. Il mais è facilmente impollinabile. Per conservare i semi del mais, coltiviamo il mais solo per la farina.

I girasoli di mammut hanno teste delle dimensioni di grandi chiazze e i semi sono abbondanti. Lo mangiamo, ma coltiviamo anche i semi dei nostri polli come fonte di proteine per l’inverno.

Ci vuole almeno un acro per coltivare grandi quantità di grano. Tuttavia, il grano duro invernale è un meraviglioso purificatore di azoto e cresce bene dopo il mais. È un buon uso della terra in bassa stagione e aggiunge anche qualche caloria alla vostra dieta.


Consiglio

Una volta determinate le colture di base, potete aggiungere gli alimenti solo perché vi piacciono. Molti considerano i pomodori un alimento di base perché sono deliziosi, multifunzionali e possono essere inscatolati in un bagno d’acqua per una facile conservazione. Dal punto di vista dell’autosufficienza, tuttavia, sono a basso contenuto calorico, occupano molto spazio e tendono a richiedere molta manutenzione.

Coltiviamo principalmente pomodori per la pasta, per sughi, sughi e condimenti. Coltiviamo anche pomodori ciliegia per le insalate. Se fossimo completamente autosufficienti, non ci sarebbero più pomodori. Coltivate ciò che vi piace, ma siate pronti a passare ad altre merci se necessario.


Consiglio

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *