Suggerimenti

Coltiva lo scalogno

Lo scalogno (Allium ascolonicum) è un ortaggio Liliaceo, come l’aglio e la cipolla, coltivato in modo simile al loro. Da un solo bulbo (o meglio, da un chiodo di garofano) e per un breve periodo produce un grappolo di piccoli bulbi di uguali dimensioni. I suoi usi culinari sono simili a quelli della cipolla, ma dal sapore più deciso. In primavera i suoi teneri steli hanno le stesse qualità dell’erba cipollina. Ha bisogno di terreno fertile e non deve essere annaffiato dopo la semina. La modellatura delle radici è il suo problema più grande, motivo per cui i rischi devono essere scarsi. Ha due varietà principali: primavera e autunno. In EcologíaVerde spieghiamo come coltivare lo scalogno.

Come piantare lo scalogno

Nelle zone temperate, puoi iniziare a piantare questo ortaggio da metà inverno fino alla primavera per goderti un raccolto anticipato. Una seconda semina può essere effettuata anche in autunno.

I bulbi sono sepolti in file distanti tra loro circa 20-25 centimetri. Tra ogni lampadina devi lasciare circa 10 centimetri di distanza. Crescono bene anche quando le linee sono ammucchiate in piccole colline. Questo metodo è una buona opzione su terreni pesanti. Sono piantati in modo superficiale, in modo che un terzo dello scalogno sporga dal suolo.

Tempo metereologico

Lo scalogno si adatta a qualsiasi clima, essendo un ortaggio abbastanza resistente sia al freddo che al caldo intenso. Ma quello che non va affatto bene è l’umidità, ed è per questo che cresce meglio nelle zone aride. Inoltre, per ottenere esemplari più grandi, gli scalogni prediligono giornate con un fotoperiodo lungo (molte ore di luce). Pertanto, è più facile crescere nei climi meridionali e caldi.

io di solito

Sebbene si adattino a molte condizioni, gli scalogni devono avere un terreno ben drenato, che prevenga il ristagno idrico. Crescono meglio in terreni piuttosto pesanti e fertili, moderatamente concimati con letame, ben aerati e neutri o leggermente alcalini. Allo stesso modo, devono essere in uno spazio aperto e con una distanza tra le file maggiore rispetto all’aglio e alle cipolle, perché attorno al «bulbo madre» si forma un nido o un mazzo di scalogni di media grandezza.

Raccolto

Lo scalogno viene raccolto non appena gli steli si piegano, a partire da luglio, se piantato in primavera. Si raccolgono e si lasciano appassire con le foglie a terra e al sole per due o tre giorni. Vengono poi appesi in una stanza fresca e asciutta. Durano più a lungo delle cipolle. Non germinano a fine inverno, a differenza di queste, e possono continuare ad essere utilizzate anche l’anno successivo alla raccolta. Una fila lunga 3 metri produrrà circa 3,5 chilogrammi di scalogno. La raccolta si effettua allo stesso modo della cipolla: va tolta da terra con l’aiuto di una forchetta oa mano.

Se desideri leggere altri articoli simili a Coltivare lo scalogno, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.