Suggerimenti

Parassiti e malattie dell’anguria: guida completa con immagini

Ciao cari Agrohuerters! Come promesso, continuiamo con i  riassunti dei parassiti e delle malattie che possono colpire ciascuna delle colture da giardino . Abbiamo già i parassiti e le malattie comuni nei pomodori e anche nei peperoni. Oggi è il turno dell’anguria, un frutto molto tipico di questo periodo estivo. Se la tua pianta di anguria inizia ad ammalarsi, puoi scoprire in questo articolo cosa potrebbe attaccarla.

Bruchi su anguria

Troviamo dei buchi di notevoli dimensioni dove, a volte, possiamo vedere il bruco mangiare il nostro frutto. Si può osservare anche rosicchiare foglie, fiori, frutti e teneri germogli, solitamente con escrementi e SENZA LUMACHE (ci dà l’indizio che non è una lumaca o una lumaca).

Le principali specie di bruchi che possono colpire l’anguria sono : Helicoverpa spp., Spodoptera spp., Autographa gamma, Chrysodeixis chalcites, Diaphania nitidalis, Diaphania hyalinataetc, ecc. 

Nel post sui bruchi sulle piante ci sono maggiori dettagli sui sintomi e sui possibili modi per eliminare un’infestazione da lepidotteri.

Afidi dell’anguria

Gli afidi producono un ricciolo verso il basso e una grinza delle foglie . Inoltre, puoi vedere colonie di questi piccoli insetti scuri o verdastri, specialmente sui teneri germogli della pianta in via di sviluppo. Un altro indizio è la presenza di melassa (sostanza zuccherina e appiccicosa) e formiche intorno a loro che li difendono.

Le principali specie di afidi che colpiscono l’anguria sono:  Myzus persicae, Aphis gossypii.

Mosche bianche su foglie di cocomero

Possiamo vedere alcune mosche bianche (che in realtà non sono mosche) con un caratteristico volo irregolare quando scuotono la pianta. Inoltre, come gli afidi, rilasciano melassa. Di solito sono disposti sul lato inferiore delle foglie.

Specie di mosca biancaTrialeurodes vaporarium, Bermisia tabaci.

Ragnatele su foglie di cocomero

Il ragnetto rosso ( Tetranychus urticae) è un acaro che lascia le foglie scolorite con piccole punteggiature e seta. Se colpisce in modo significativo, può causare disseccamento e defogliazione della pianta.

Gallerie bianche sulle foglie: fly miner foglia

Mosca minatrice (Liriomiza spp.) : Crea  gallerie chiare e sinuose nelle foglie.

Tripidi nell’anguria

Tripide dei fiori (Frankliniella occidentalis): le  piante danneggiate hanno foglie con piccole macchie argentate irregolari, corrispondenti a lesioni sul lato inferiore.

Funghi sulle piante di anguria

  • Peronospora (Pseudoperonospora cubensis):  questo fungo provoca la comparsa di macchie verde chiaro sulla parte superiore delle foglie che diventano giallastre e rotonde. Sul lato inferiore le macchie corrispondono ad un feltro grigio-violaceo dovuto alla formazione delle spore del fungo. Successivamente le foglie diventano necrotiche, assumendo un aspetto pergamenaceo e i piccioli rimangono verdi, mantenendo le foglie completamente asciutte.
  • Oidio o frassino ( Sphaerotheca fuliginea ed Erysiphe cichoracearum ):  producono macchie biancastre, tondeggianti e polverose su entrambi i lati della foglia, come se fossero fiocchi di neve. Le macchie aumentano fino a coprire le foglie, che diventano secche, gialle e cadono.
  • Cancro del gambo gommoso  ( Didymella bryoniae): Nelle piantine colpisce principalmente i cotiledoni in cui produce macchie brunastre arrotondate, in cui si osservano punti neri e marroni distribuiti sotto forma di anelli concentrici. I sintomi più frequenti sono quelli del “cancro del gambo gommoso” caratterizzato da una lesione beige sul fusto, ricoperta di picnidi e/o periteche (strutture fungine), e frequentemente si producono essudazioni gommose in prossimità della lesione. Nella parte aerea provoca l’avvizzimento e la morte della pianta.
  • Marciume grigio ( Botrytis cinerea ):  I frutti mostrano un morbido marciume apicale ricoperti da muffe grigie. Inoltre, la necrosi può verificarsi nei fiori.

  • Marciume del collo e delle radici (Phytophtora spp. Pythium sp., Rhizoctonia sp., Fusarium sp.): Le  giovani piante appassiscono, presentano strangolamento e marciume del collo (la zona più bassa del fusto che confina con il substrato) e/o tenuta .

  • Marciume bianco del collo  (Sclerotinia sclerotiorum e Sclerotinia minor) questo fungo dà origine a marciume molle e umido della zona del collo che mostra un aspetto bianco cotonoso accompagnato da strutture scure simili a grani di pepe. Inoltre, la pianta presenta avvizzimento generalizzato.

Cisti nelle radici dell’anguria: nematodi

Nematodi (Meloidogyne spp.):  Le piante infette da nematodi mostrano crescita debole, avvizzimento, clorosi e radici con deformazioni e galle (noduli). Distribuzione in popolamenti (piante che formano aree più o meno circolari) o seguendo linee di irrigazione.

Virus nelle piante di anguria

Virosi: Mosaici nelle foglie, nanismo, anelli clorotici (gialli), arricciatura e arricciatura delle foglie, deformazioni dei frutti con macchie o anelli ondulati.

Fisiopatologia comune nell’anguria

I disturbi fisiologici sono malattie causate da fattori abiotici , cioè non c’è nessun agente patogeno causale ma favorisce una cattiva condizione nel mezzo come carenze o eccessi di nutrienti, basse o alte temperature, siccità e cattiva gestione dell’irrigazione e della salinità , tra gli altri.

  • Suzione dei frutti i frutti crescono malformati con una punta sottile e non sviluppata.
  • Frutti isolati o spremuti:  Sul lato dei frutti esposti al sole appare una zona bianca depressa, che lascia il tessuto con un aspetto cartaceo e, se il frutto è ancora giovane, si forma una cicatrice.
  • Fessure del frutto:  comparsa di fessure longitudinali o concentriche intorno alla zona del peduncolo del frutto che possono assumere l’aspetto di un sughero.
  • Appannamento dei frutti i frutti smettono di crescere poco dopo l’inizio dello sviluppo e infine si seccano.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.