Suggerimenti

Cura della baia

Le calle, dette anche ninfee, sono piante originarie del Sud Africa molto apprezzate nel giardinaggio per il loro aspetto elegante, grazie al loro suggestivo stelo fiorito che nasce direttamente dal rizoma.

Offrono uno dei fiori più belli e suggestivi per giardini e interni, che emanano anche un profumo molto gradevole. Se vuoi imparare come prenderti cura delle calette e conoscerne le caratteristiche, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui ti insegniamo tutta la cura delle calette per mantenerle in uno stato ottimale.

Caratteristiche delle calette

Queste sono le caratteristiche principali delle calette:

  • Nome scientifico: Zantedeschia aethiopica.
  • Di solito si acquista il rizoma o bulbo delle calle.
  • Non hanno uno stelo in quanto tali, le foglie e gli steli dei fiori derivano dal rizoma.
  • Hanno bisogno di molta umidità.
  • Può raggiungere fino a 150 cm di altezza.

Queste erbe perenni, così apprezzate per i loro grandi fiori, sono notevolmente più resistenti di quanto molti potrebbero pensare a causa del loro aspetto elegante. Si tratta di piante che, purché abbiano abbondanti annaffiature, possono svilupparsi bene sia indoor che outdoor nella maggior parte dei climi temperati o caldi. Vediamo quali sono gli aspetti principali da tenere in considerazione per prendersi cura delle ninfee.

temperatura, luce e posizione

La temperatura ideale per le calette è compresa tra 14ºC e 20ºC. Tuttavia, possono tollerare temperature notevolmente inferiori. In caso di gelate leggere, è probabile che la parte aerea della pianta si congeli e muoia a causa delle foglie e degli steli carnosi. Anche così, se questo accade, la cosa più comune è che il rizoma sopravviva, così che nella stagione successiva germogli di nuovo. Anche gelate molto forti potrebbero danneggiare il rizoma, quindi nei climi freddi la pianta dovrebbe essere spostata al chiuso e conservata fino ai mesi più caldi.

Per quanto riguarda la posizione e la luce delle calette, dipende in gran parte dal clima in cui viviamo. Nei climi caldi, la baia andrà meglio in una posizione semiombreggiata, dove riceve luce per alcune ore al mattino. Nei climi freddi, invece, richiederà tutta la luce possibile, anche se all’interno dovremmo evitare di posizionarla vicino a finestre che possono fare l’effetto lente d’ingrandimento e bruciarla.

Vaso e substrato

La Calla può essere piantata sia direttamente nel terreno che in vaso. In caso di piantumazione delle calette in vaso, lo faremo in uno di notevoli dimensioni per dare al rizoma abbastanza spazio per svilupparsi bene.

La cosa più importante in questo senso è che il terreno o substrato offra un buon drenaggio, poiché la pianta necessita di livelli di umidità costanti. Consigliamo l’impasto con una terza parte di humus di lombrico, una terza parte di fibra di cocco e una terza parte di torba, a cui aggiungeremo vermiculite e perlite per migliorarne le proprietà di assorbimento e areazione. Questo substrato per calette è molto nutriente e leggero, offre un ottimo drenaggio e una buona ossigenazione. In una pentola, Calla Lily richiederà un rinvaso regolare, circa ogni due anni. Date le sue esigenze di irrigazione, è fondamentale che il vaso abbia dei fori di drenaggio.

All’esterno, soprattutto nei climi freddi, si consiglia di tamponare il supporto con uno strato di pacciame, che manterrà il rizoma ad una temperatura adeguata e migliorerà la ritenzione dell’umidità.

Irrigazione e concimazione

L’irrigazione è senza dubbio il punto più importante nella cura di questa pianta. A causa del suo costante bisogno di acqua, riceve il soprannome di ninfea, ed è molto comune vedere le calle crescere in zone paludose o vicino a ruscelli o stagni, a volte anche con il suo rizoma sott’acqua. Pertanto, dobbiamo mantenere sempre livelli di umidità costanti, anche se sempre senza allagamenti. È meglio annaffiare regolarmente piuttosto che allagare il vaso una volta ogni pochi giorni.

Nei mesi caldi la cala apprezzerà un apporto di fertilizzante o letame ogni 15 giorni, che può essere biologico ed ecologico e può andare nell’acqua di irrigazione o direttamente nel substrato.

Potatura e moltiplicazione

L’unica potatura delle calle veramente necessaria è quella di rimuovere le foglie ei fiori che si seccano in modo che la calla non sprechi energia su di essi.

Se vogliamo riprodurre le calette, sarà molto più facile farlo dividendo il rizoma che seminando. Alla base di ogni pianta matura possiamo vedere un gran numero di polloni: tagliandone uno o più insieme a un pezzo di rizoma, con strumenti sterilizzati, possiamo trapiantarli in un altro vaso o spazio con terriccio senza problemi.

Quando iniziano a fiorire le calle?

Se ti stai chiedendo quando fioriscono le calle, ricorda che i bulbi di calla vengono solitamente piantati in autunno, quando sono più facili da trovare nei vivai e nei negozi specializzati. Questo è il momento in cui possono essere piantati e di solito fioriscono tra febbraio e ottobre, a seconda che la particolare varietà sia a fioritura tardiva o precoce.

C’è da dire che quello che solitamente viene chiamato il fiore della calla sono in realtà le sue brattee, che in questo caso si chiamano spate e tendono ad essere bianche, anche se attualmente esistono diversi tipi di calle e con le spate di molti colori. Quindi, se stai cercando calas colorati, avrai varietà come: cala bianca, cala nera, cala rosa, cala fucsia , cala verde, ecc. e alcune che combinano un paio di colori contemporaneamente. Al centro delle spate cresce l’infiorescenza, di colore giallo e chiamata spadice.

Parassiti e malattie della calla

Per finire, spieghiamo i parassiti e le malattie delle calette che sono i problemi più comuni quando ci si prende cura di loro:

  • Se le foglie si seccano o passano velocemente è probabilmente dovuto alla mancanza di irrigazione, mentre se ingialliscono può essere dovuto al contrario. Se le foglie delle tue calette ingialliscono, ti consigliamo questo altro post sulle foglie gialle nelle piante: perché compaiono e soluzioni.
  • Quando le foglie mostrano parti bruciate, significa che il sole è troppo intenso per la pianta, o che forse è stata annaffiata durante le ore di sole intenso e le gocce d’acqua hanno fatto l’effetto lente d’ingrandimento, concentrando i raggi solari.
  • Sebbene le calle di solito non abbiano problemi con molti parassiti, possono essere attaccate da cocciniglie cotonose, afidi o acari. Ai segni di questi parassiti occorre intervenire quanto prima rimuovendo le parti infette e applicando insetticida ecologico. Qui spieghiamo come realizzare un insetticida naturale.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cura della calla, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.