Suggerimenti

Cardo selvatico: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

L’ Eryngium campestre è una pianta originaria dell’Eurasia e dell’Africa. È noto fin dall’antichità ed era usato per neutralizzare i veleni e calmare il bruciore delle ferite. Quindi, è anche conosciuto con il nome popolare di “erba di scotch”.

Fino a pochi secoli fa veniva utilizzato nell’esercito durante il periodo delle guerre carliste per evitare i Flagelli. È usato per trattare i problemi della pelle e persino per migliorare gli effetti collaterali dei trattamenti contro il cancro.

Molto probabilmente riceve l’aggettivo “corridoio” a causa del distacco delle fiore teste , e le infiorescenze secche dello stelo, quando soffia il vento con la forza.

Nella regione dei Pirenei, è stato osservato che le donnole cercano il cardo in corsa e si strofinano su di esso per contrastare il veleno dei morsi di serpente.

Punti importanti durante la semina del cardo selvatico:
  • Nome scientifico: Eryngium campestre.
  • Nome comune: cardo selvatico, Eringio, eringe, cardo stellato, cardo setero, cardo santo, cardo vergine.
  • Altezza: da 20 a 60 centimetri.
  • Fabbisogno di luce: Luce diretta.
  • Temperatura: climi temperati (da 13ºC a 21ºC).
  • Irrigazione: Bassa.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali caratteristiche ha il cardo rampicante?

Il cardo rampicante è una pianta erbacea spinosa alta dai 20 ai 60 centimetri . Questa specie si secca in autunno e in inverno, ma rinasce in primavera. Ha radici spesse molto profonde che possono raggiungere fino a 5 metri di profondità.

I suoi steli sono di colore verde pallido, quasi bianco. Questi sono eretti e molto ramificati. Questa pianta ha due tipi di foglie. Quelle che si trovano alla base sono oblanceolate, ruvide, con denti e punta lunga; Possono misurare fino a 15 centimetri di lunghezza.

Le foglie centrali sono obovate, spinose e più sottili. I fiori di questo cardo sono bianchi con sfumature bluastre , molto piccoli e compatti. Sono raggruppati in infiorescenze sferiche con foglie brattee più lunghe e lineari. Fioriscono generalmente tra i mesi di maggio e settembre.

Nel caso dei frutti si tratta di schizocarpi, cioè noci che non si aprono per rilasciare i semi che conservano al loro interno. Sono di colore marrone e sono lunghi circa 1 millimetro.

Quando seminare il cardo rampicante?

Il cardo dei corridoi può essere piantato in autunno, a terra o in primavera, dopo che è passato il tempo del gelo. Può anche essere coltivato per divisione all’inizio della primavera o in autunno.

Dove piantare il cardo selvatico?

Il cardo rampicante viene coltivato prevalentemente in terreni asciutti, pianeggianti e in spazi particolarmente ampi per le dimensioni delle sue radici e la sua capacità di attecchire a diversi metri di profondità.

Sebbene tolleri la mezz’ombra, il cardo rampicante necessita di essere coltivato in un luogo in cui riceva la luce solare diretta per gran parte della giornata. Non ha problemi in condizioni di forte vento in quanto è molto resistente .

Le temperature più adatte per coltivarlo sono tra 13 e 16ºC, anche se possono resistere a temperature inferiori a 10ºC. Tuttavia, è consigliabile evitare temperature superiori a 21ºC o luoghi con inverni freddi e umidi.

Come preparare il terreno?

Il cardo del setero, detto anche cardo del setero, si pianta in quasi tutti i tipi di terreno, anche quelli composti da ghiaia povera e calce, purché ben drenati. Predilige terreni sabbiosi e leggeri, che imitano le condizioni del suo habitat naturale. Si consiglia di mantenere un pH neutro, compreso tra 6.5 e 7.5.

Sebbene cresca solitamente su terreni poco fertili, è consigliabile arricchirli con sostanza organica. Un po’ di torba, o materia organica fatta in casa come il compost , può essere applicata all’area di coltivazione prima del trapianto o della semina.

Come innaffiamo il cardo selvatico?

Poiché il cardo rampicante è una pianta in ambienti asciutti, ha una bassa richiesta di acqua. Infatti tollera molto bene la siccità e il terreno asciutto. Per quanto sopra, si consiglia di annaffiarlo solo quando il terreno è molto secco.

Si consiglia inoltre di posizionare un pacciame con ghiaia per mantenere la pianta asciutta durante l’inverno.

Quante volte innaffiamo il cardo in esecuzione?

Come accennato, il terreno del Cardo campestre deve essere mantenuto leggermente asciutto, quindi l’irrigazione va praticata solo quando sono soggetti a una prolungata siccità, oa temperature molto elevate.

Come seminare un cardo rampicante passo dopo passo?

Il cardo selvatico è una specie un po’ difficile da coltivare. Può essere propagato per seme o per via vegetativa, come la divisione delle radici o per talea . I passaggi per crescere dai semi sono condivisi di seguito.

Sul pavimento

  1. Posizionare i semi direttamente nel terreno precedentemente preparato ad una profondità di 2 millimetri, massimo 4 volte la lunghezza del seme.
  2. Innaffia leggermente il terreno e attendi da 5 a 90 giorni per la germinazione del seme.

in vaso

  1. Metti i semi di cardo rampicante in un substrato di compost umido e ben drenato, in un telaio freddo o in un sacchetto sigillato, a una temperatura di circa 4ºC per 2 mesi.
  2. Trascorso il tempo di stratificazione, cambiare il contenitore all’aperto, al sole, a temperature intorno ai 20ºC. Attendi 2 o 3 settimane affinché cresca.
  3. Trapiantare in vasi individuali una volta che un paio di foglie vere sono germogliate.

Di che cure ha bisogno il cardo selvatico?

Il paese del Cardo non è una pianta esigente. Tra le cure si consiglia di rimuovere il fogliame morto per evitare il marciume della pianta.

È invece preferibile tenerlo al riparo dalle piogge invernali, poiché l’umidità del substrato può portare a malattie fungine.

In alcuni punti è classificata come pianta invasiva. Tuttavia, nelle aree mediterranee viene coltivato perché le sue radici sono il luogo preferito per il fungo commestibile Pleurotus eryngii , noto anche come fungo cardo.

Quali parassiti e malattie colpiscono il cardo selvatico?

Il cardo dei corridoi è una specie che non è suscettibile a parassiti specifici. Tuttavia, si possono trovare afidi, lumache o chiocciole.

In caso di malattie, il cardo può risentire dell’eccesso di umidità nel substrato, dando luogo al marciume radicale.

Riferimenti

  • https://www.elsevier.es/es-revista-revista-medica-homeopatia-287-articulo-interes-terapeutico-eryngium-cardo-corredor–X1888852612229075
  • https://eprints.ucm.es/id/eprint/4593/1/T26240.pdf
  • https://colombia.inaturalist.org/taxa/162699-Eryngium-campestre
  • https://antropocene.it/es/2021/02/06/eryngium-campestre/
  • https://practicalplants.org/wiki/Eryngium_campestre
  • https://parkseed.com/success-with-seeds-eryngium/a/growing-eryngium-information/
  • https://www.westcoastseeds.com/blogs/how-to-grow/how-to-grow-eryngium
  • https://www.johnnyseeds.com/growers-library/flowers/eryngium/eryngium-key-growing-information.html

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *