Suggerimenti

Rotazione delle colture in giardino: cos’è e quali benefici ha

In questo articolo parleremo di una delle tecniche più utilizzate negli orti biologici: la rotazione delle colture . Vedremo di cosa si tratta, quali sono i suoi benefici , i passaggi per pianificare la rotazione delle colture in giardino per gli anni successivi e alcuni esempi di rotazioni.

Cos’è la rotazione delle colture?

La rotazione delle colture è una tecnica di agricoltura tradizionale che consiste nell’alternare nel tempo le diverse colture nello stesso terreno . In altre parole, ogni stagione viene seminato un diverso tipo di coltura in ogni frazione di terreno, terrazzo o contenitore

Come l’  associazione delle colture , la rotazione  è una tipica pratica ecologica molto benefica per l’orto e per le colture. Ecco perché è conveniente tenerne conto quando si  pianifica l’orto biologico .

Per secoli, la rotazione e l’associazione sono state alla base dell’agricoltura tradizionale , soprattutto in Europa, ma l’agricoltura intensiva predominante negli ultimi decenni l’ha progressivamente messa da parte e l’ha sostituita con soluzioni che risolvono solo problemi o coprono le carenze a breve termine. come l’uso di insetticidi o fertilizzanti artificiali solubili. Tuttavia, il modo in cui coltivi il tuo giardino o giardino dipende solo da te, quindi è in tuo potere prendere in considerazione buone pratiche ecologiche come questa.

Obiettivo della rotazione delle colture

L’ obiettivo della rotazione delle colture è mantenere la biodiversità (diverse specie di piante, insetti…) per sfruttare le differenze che le colture hanno nel tasso di assorbimento dei nutrienti dal substrato . Sebbene tutti richiedano più o meno gli stessi nutrienti per crescere e svilupparsi, non hanno sempre bisogno della stessa quantità.

Ad esempio, se mettiamo sempre nello stesso contenitore un ortaggio molto esigente (con fabbisogni molto elevati di nutrienti o di un nutriente specifico), il substrato si “esaurirà” e dovremo concimare molto di più che se lo avessimo appena lasciato in quel contenitore un anno e l’anno dopo lo abbiamo scambiato con un’altra pianta poco impegnativa che avevamo in giardino. In questo modo riusciamo a compensare la graduale perdita di fertilità del suolo.  

Vantaggi e importanza della rotazione delle colture in giardino

I vantaggi della rotazione delle colture sono molti. Uno di questi è il miglioramento della nutrizione delle piante. Poiché il giardino ha bisogno di meno compost, dedicheremo anche meno tempo, fatica e denaro al compito di fertilizzarlo .

La nutrizione delle piante è migliore (più equilibrata nel medio-lungo termine e con minori carenze nutrizionali) così le  piante crescono più forti e vigorose: producono di più  e hanno una maggiore resistenza naturale a parassiti e malattie . Inoltre, evitiamo che se un parassita o una malattia ha già attaccato una coltura, si “insedia” e si consolidi in quella zona per il resto delle stagioni: se cambiamo la pianta, molto probabilmente scomparirà perché non “piace”. “il suo nuovo ambiente.

Un altro vantaggio della rotazione delle colture è l’aumento della biodiversità , cosa molto positiva sia per il suolo che per le colture. La varietà delle specie favorisce , tra l’altro, l’equilibrio del giardino e la riduzione delle erbe infestanti

La rotazione delle colture migliora le riserve di humus nel terreno (in quanto alterniamo piante che impoveriscono il terreno con altre che forniscono più sostanza organica di quanta ne utilizzano) in modo da ottenere un terreno più “vivo e sano” e  stimolarne l’attività. che vivono nel substrato.

Come progettare successioni o rotazioni colturali in giardino

Le linee guida per pianificare la rotazione sono semplici. Per prima cosa, dovrai pensare alla durata della rotazione (tre o quattro anni è una durata adatta per una rotazione del giardino). Poi dovrai fare i gruppi di piante – ora vediamo come – e dividere il giardino in tante parti quanti sono i gruppi .

Potrebbe esserci un gruppo di piante “fisse” che non faranno parte della rotazione, quindi lo spazio che occuperanno non verrà preso in considerazione nella pianificazione perché non verranno mai spostate. Questo gruppo di colture fisse può essere ad esempio fiori, o colture neutre -con pochissima influenza sulla fertilità del suolo- o con un tasso di crescita molto diverso da quello di altre piante (come l’asparago o il rabarbaro, che sono perenni).

Senza tener conto di questo gruppo di colture fisse, che avrà il suo posto, se la rotazione è di quattro anni , ad esempio, sarà necessario dividere il giardino in quattro parti e raggruppare le piante in quattro insiemi. In ciascuna delle quattro parti verrà coltivato un gruppo di piante e ogni anno ogni gruppo verrà spostato nell’appezzamento successivo, in modo che i gruppi impiegheranno quattro anni per ripetere l’area.

Gruppi di colture per pianificare la rotazione

Possiamo prendere in considerazione diverse caratteristiche quando classifichiamo le piante del nostro giardino in gruppi. Più aspetti vengono presi in considerazione (anche se devi “perdere” un po’ di tempo per farlo) migliore sarà la rotazione. Ecco alcune classificazioni consigliate dagli autori dei libri «Agricoltura ecologica» e «Giardino urbano sostenibile» (entrambi della casa editrice  Mundi-Prensa ):

1. Tipo di sfruttamento

  • Radice: aglio, cipolla, rapa, porro, patata, ravanello, barbabietola, carota…
  • Frutta (o fiore, o gambo): melanzana, zucchina, melone, anguria, cetriolo, peperone, pomodoro… (carciofo, cavolfiore, broccolo e cardo)
  • Foglia o gambo: bietola, sedano, cavolo cappuccio, indivia, spinaci, lattuga, cavolo cappuccio, rucola…
  • Semi: legumi, mais, girasole…

Se scegliamo questo tipo di rotazione, potremmo mettere prima un ortaggio a radice in un settore del terrazzo , seguito da una pianta a foglia. Il terzo anno arriverà in quel luogo un legume (molto importante nelle rotazioni colturali perché migliora i livelli di azoto e di sostanza organica nel terreno) e dopo questo, una coltura che ha esigenze maggiori, come un ortaggio da frutto o ” pianta (patata, mais…).

2. Famiglia di colture

  • Composti: carciofo, cardo, indivia, indivia, girasole, lattuga…
  • Crucifere: cavoli, broccoli, cavoli, cavolfiori, cavoli rossi, cavoli, rape, ravanelli.
  • Cucurbitacee: zucchine, zucca, melone, cetriolo, anguria…
  • Erbe: mais, frumento, segale, orzo, avena.
  • Legumi: fave, fagiolini, ceci, piselli, lenticchie, semi di soia…
  • Liliaceae: aglio, cipolla, porro, asparagi..
  • Ombrellifere: sedano, pastinaca, finocchio, prezzemolo, carota…
  • Solanaceae: melanzana, patata dolce, patata, peperone, pomodoro…
  • Quenopodiaceae: bietole, spinaci, barbabietole…

Una possibile rotazione quadriennale sarebbe:

  • 1º Legumi e Crucifere.
  • 2° Composito, Quenopodiaceae e Cucurbitaceae.
  • 3° Ombrellifere e Liliaceae.
  • 4° Solanacee

3. Fabbisogno e input di nutrienti 

  • 1°. Verdure esigenti: bietole, broccoli, zucca, cavoli, mais, patate e piante con i frutti più grandi come cucurbitacee e belladonna.
  • 2°. Legumi che aiutano a ripristinare il suolo.
  • 3° e 4°. Verdure poco impegnative (in modo che il terreno continui a rigenerarsi): aglio, cipolla, lattuga, rapa, porro, barbabietola, carota…

Oppure anche:

  • 1º Legumi che preparano un substrato molto fertile.
  • 2° Crocifere e altre colture più esigenti
  • 3° Liliaceae (da non mettere dopo i legumi) e colture meno esigenti
  • 4° Radici e tuberi 

✅  Esempi di rotazione delle colture in giardino 

In questa immagine puoi vedere un diagramma di un terrazzo rettangolare che abbiamo diviso in 4 sezioni e dove andremo a pianificare la rotazione delle colture.

Durante la prima stagione, in ciascuna delle divisioni coltiveremo un tipo di ortaggio (frutto, foglia, radice o legume).

Nella stagione successiva (autunno, nel nostro esempio di rotazione, ma potrebbe essere anche l’anno successivo) cambieremo le colture di sezione in modo che nel luogo dove c’erano ortaggi esigenti (come belladonna o altri ortaggi da frutto) metteremo altri meno impegnativi , come quelli di foglia; e dove c’erano colture che arricchivano il suolo, come i legumi, l’anno successivo collocheremo piante più esigenti con frutti più grandi, come le cucurbitacee o la belladonna.

Spero che questo post ti aiuti a pianificare le rotazioni in giardino! Puoi lasciare tutti i tuoi contributi, dubbi ed esempi di rotazione delle colture nel thread dei commenti qui sotto.

Saluti e buona fortuna con il frutteto!  

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *