Suggerimenti

Tuono di Venere: cura

Il tuono di Venere, con il nome scientifico Cuphea hyssopifolia e anche comunemente chiamata cufea o falsa erica messicana, falsa erica o falsa Erica, è una pianta arbustiva molto apprezzata per la sua semplice cura, i suoi piccoli ma graziosi fiori e anche le sue proprietà medicinali. Infatti si coltiva anche il tuono dei bonsai di Venere.

Se vuoi saperne di più su questa piccola e grata pianta per abbellire il tuo giardino, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde sulla cura della pianta del tuono Venere.

Caratteristiche della pianta del tuono Venere

La cufea è un piccolo arbusto, che normalmente non supera i 60 cm di altezza e una larghezza di circa 1 m. I suoi fusti, con piccole foglie comprese tra 1 e 2 cm, hanno una grande capacità di ramificazione, dando origine ad una pianta con un’elevata densità di fogliame. I piccoli fiori sono colorati tra il rosa, la lavanda e il bianco.

È una pianta molto facile da coltivare, poco impegnativa e molto adatta a principianti o amatori senza molto tempo. Tuttavia, se vuoi mantenere il tuo Venus Thunder nelle migliori condizioni possibili, è meglio sapere in dettaglio quali sono le sue esigenze.

Posizione e luce per il tuono di Venere

È meglio mettere il tuono di Venere al sole o all’ombra? Questa pianta cresce meglio all’aperto, ma non tollera bene la luce diretta ad alta intensità. Pertanto, l’ideale è posizionarlo dove riceve sole solo per poche ore al mattino, al riparo dalle ore più intense del mezzogiorno e del pomeriggio. Se però abiti in una zona con clima mite e poco sole intenso, puoi metterla in pieno sole senza problemi.

Puoi anche posizionarlo in una zona ben illuminata, con luce filtrata o indiretta. Se vedi che le sue foglie, normalmente di un verde brillante, iniziano a ingiallire o a diventare bianche, significa che la tua cufea sta ricevendo troppa luce.

Tempo per tuono di venere

La cufea necessita di climi caldi, sopportando senza problemi temperature superiori ai 20 °C purché le sue condizioni di illuminazione siano adeguate. Ciò che la pianta non tollererà sono le gelate o le temperature molto basse: al di sotto dei 5 ºC il tuono venusiano correrà un serio rischio che la sua parte aerea muoia, anche se può ricrescere quando le temperature si alzano di nuovo.

Irrigazione per la cufea

Richiede una buona quantità di umidità, soprattutto nei climi caldi. Se avete le vostre piante in vaso, durante i mesi primaverili ed estivi, annaffiate frequentemente ogni due giorni circa, riducendole a ogni 3 o 4 nei mesi freddi. All’esterno, annaffiare più in profondità una volta alla settimana, o due volte nelle stagioni molto calde, aspettando che il terreno si asciughi leggermente prima di annaffiare di nuovo.

Effettuare un’annaffiatura abbondante che precipiti in profondità, ma evitando sempre che il terreno si crei delle pozzanghere, che potrebbero causare numerose malattie o marcire alla pianta.

Qui vi diciamo di più su Quando innaffiare le piante.

Terra o substrato per il tuono di Venere

All’esterno, cerca di trovare una zona dove il terreno offra il miglior drenaggio possibile, oppure fai una buca di circa 50 x 50 cm e prepara tu stesso un substrato adatto. In entrambi i casi, puoi arricchire il terreno con un po’ di compost o humus di lombrichi, che miglioreranno il drenaggio e forniranno alla pianta una grande quantità di nutrienti. Se il drenaggio è ancora scarso, incorporare sabbia di fiume o ghiaia nel terreno e mescolare bene.

In un vaso, la miscela universale di torba, humus di lombrico e fibra di cocco in parti uguali sarà più che efficace con questa pianta, fornendole un substrato leggero e molto ricco di sostanze nutritive. Puoi aggiungere vermiculite e perlite per renderlo ancora migliore.

Fertilizzante e potatura per il tuono di Venere

Il concime dovrà essere applicato solo durante i mesi caldi, in cui sarà sufficiente rinnovare l’apporto di sostanza organica sotto forma di strato superficiale di humus di lombrico o compost ogni 15 giorni circa.

La potatura non è necessaria, anche se se la pianta diventa troppo grande per ciò che ci interessa, possiamo potarla senza problemi purché utilizziamo strumenti precedentemente sterilizzati.

Il mio tuono di Venere si sta prosciugando, cosa devo fare?

Se vedi fusto e foglie secche sulla pianta Venus thunder, potrebbe essere dovuto a una siccità troppo lunga e lo hai in un vaso, puoi provare a ravvivarlo immergendo il contenitore in acqua per circa 20 minuti e poi lasciando che il drenaggio dell’umidità in eccesso.

Se non è così, probabilmente è perché la tua cufea sta ricevendo troppo sole o ha bisogno di nutrienti, nel qual caso dovresti concimarla o spostarla in un luogo più adatto, con meno sole diretto.

Se vedi che la pianta è molto secca, ti consigliamo di leggere questo altro articolo su Come far rivivere una pianta, in cui spieghiamo cosa fare a seconda della situazione, per vedere se puoi salvarla in quel modo.

Proprietà medicinali della pianta del tuono Venere

Tra le proprietà medicinali del tuono di Venere c’è la sua capacità di calmare i sintomi di febbre e tosse quando i suoi fiori vengono usati come tonico, poiché ha proprietà antipiretiche, antitosse e balsamiche per le vie respiratorie.

Spesso è una pianta utilizzata anche per mal di testa, dolori renali, digestione pesante e anche come cicatrizzante per ferite minori, poiché altre proprietà di questa pianta sono analgesiche, digestive e cicatrizzanti.

Qui puoi imparare molto di più su altre piante medicinali messicane ea cosa servono.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tuono di Venere: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.