Suggerimenti

Stevia rebaudiana: [Colture, Associazioni, Parassiti e Malattie]

Punti importanti quando si pianta la Stevia rebaudiana
  • Dove seminare? Mezza ombra. Non ha bisogno di molta luce solare.
  • Quando? In primavera e fino a metà agosto.
  • Come prepariamo il terreno?: Rimosso, eliminando le erbacce . Con substrato in parti uguali di torba e sabbia.
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento.
  • Quanto spesso annaffiamo? Ogni due o tre giorni in estate. Resto dell’anno frequentemente, senza eccessi.
  • Piaghe e malattie? Acari e insetti masticatori, raschianti e succhiatori. Botrytis, Septoria, Sclerotinia, Alternaria, Fusarium, Cercospora.

La Stevia ( Stevia rebaudiana bertoni) è una pianta erbacea perenne di tipo medicinale appartenente alla famiglia delle Asteraceae. Cresce come un arbusto selvatico nel sud-ovest del Sud America, in particolare in Brasile e Paraguay.

Considerato medicinale e molto apprezzato in tutto il mondo, per la sua composizione ricca di un glicoside ipocalorico chiamato stevioside il cui potere dolcificante allo stato puro e cristallino è 300 volte maggiore dello zucchero di canna.

Quando piantare una stevia rebaudiana?

Il periodo migliore per piantare la stevia è la primavera (aprile-maggio, a seconda della zona geografica) quando si sospetta il rischio di gelate.

Anche se è meglio seminarli al chiuso , poiché hanno bisogno di una temperatura di 20-21°C per germinare.

È pluriennale (cioè può germogliare 4-5 anni), ogni primavera rinasce offrendo nuovi e numerosi fusti da sotto le radici .

In Spagna , si consiglia di piantare a marzo, per poter raccogliere alla fine dell’estate , anche se nelle zone più fredde potrebbe essere ritardato fino ad aprile o maggio, quando le temperature sono un po’ più alte.

Dove farlo?

L’area del vivaio dovrebbe essere scelta in base alle dimensioni del terreno utilizzato per la coltivazione della stevia. Tuttavia, la larghezza del vivaio non deve essere superiore a 6 metri, orientata in modo tale che i raggi del sole entrino al mattino e al pomeriggio.

È conveniente iniziare la coltivazione nei vivai e produrre piantine, questo facilita l’irrigazione e il diserbo, oltre ad altre cure necessarie. Successivamente le piantine verranno portate al suolo definitivo, generalmente durante l’ autunno .

La Stevia allo stato naturale, cresce nella regione subtropicale, semiumida dell’America, con precipitazioni comprese tra 1.400 e 1.800 mm, distribuite durante tutto l’anno, temperature comprese tra 24 e 28°C e umidità relativa dal 75 all’85%.

Come preparare il terreno?

I terreni per la coltivazione della Stevia devono avere un buon drenaggio, essere fertili, con un buon contenuto di sostanza organica, leggermente acidi ( pH compreso tra 5,5 e 6,5) e di tessitura sabbiosa, sabbioso-limoso, o argilloso-limoso.

Evita i terreni argillosi. Il terreno deve essere privo di bastoni, pietre. 3 carriole di terra dovrebbero essere rimosse e mescolate con una di terra della foresta nera o humus più mezza carriola di segatura.

In tutto l’asilo saranno contrassegnate file di letti con una larghezza di 1,2 m con passaggi su ciascun lato dei letti di 0,70 m. Ampia, in caso di irrigazione a goccia , a pioggia o a pioggia.

Come si innaffia una stevia rebaudiana?

L’irrigazione è essenziale nella stevia, poiché la pianta non sopporta lunghi periodi di siccità. Nel caso di irrigazione a caduta si realizzano file di 0,30 m. X lombi di 0,30 mt.

E si semina in doppia fila sui lombi, inoltre ogni 4 lombi c’è un passaggio di 0,70 m. Si consiglia di utilizzare l’irrigazione a goccia, che può essere utilizzata per l’applicazione di fertilizzanti liquidi.

Le esperienze sul campo hanno dimostrato che l’ irrigazione a pioggia aumenta i problemi fitosanitari, che hanno portato allo scarto di questo tipo di impianto.

Come seminiamo una stevia rebaudiana passo dopo passo?

La Stevia si riproduce per acheni, con eterogeneità nelle popolazioni risultanti per impollinazione incrociata. La maggior parte dei suoi acheni è sterile, leggera e facilmente dispersa dal vento.

Per talea , una pianta di Stevia che ricresce in primavera può ottenere una produzione da 200 a 500 piante, tagliandola durante tutto il periodo vegetativo. Per piantare Stevia, si consiglia:

  1. tagliare gli ultimi 10 cm di un bocciolo di Stevia alto circa 20 cm (assicurarsi che non finisca in fiore). Da questi 10 cm di gambo, togliete dal fondo le 2-3 foglie, per facilitarne l’interramento nella torba, premendo con forza con le dita attorno al gambo in modo che entri in contatto con la torba.
  2. Non lasciare passare molto tempo dal momento in cui viene tagliato fino a quando non viene piantato il germoglio. Preferibilmente tagliare e piantare la stevia o tenerla in acqua come se fossero fiori recisi.
  3. Posizionare il vaso in un luogo ombreggiato, per evitare che il sole impedisca il radicamento, e innaffiarlo 3 volte al giorno (mattina, mezzogiorno e pomeriggio).
  4. La profondità del vaso deve essere di almeno 25 cm, la radice di stevia non presenta uno sviluppo profondo, e va piantata almeno ad una distanza di circa 50 cm l’una dall’altra, se vogliamo che raggiunga la sua dimensione maggiore .
  5. A 28 o 30 giorni il germoglio della pianta di stevia comincerà a raddrizzarsi, ed è in questo momento, quando iniziano a spuntare delle nuove foglie, che può essere collocata in una zona con più sole dove non smetterà più di crescere .
  6. Dopo due mesi dall’aver replicato il germoglio senza radici nel vaso, trapiantare una seconda volta nel luogo definitivo, per favorire la massima crescita della pianta.
  7. Quando la fine dell’autunno è arrivata ed è piena di fiori, è il momento di potarla, lasciandola a 10 cm di altezza e cogliendo l’occasione per asciugare le foglie che rimangono.
  8. Per essiccare le foglie durante l’estate in modo corretto, cerca di non prendere la luce diretta del sole, in modo da preservare tutte le proprietà medicinali della Stevia.

Un’altra considerazione quando si coltiva la stevia è che gli steli della pianta sono inclini a schioccare al vento, quindi è consigliabile “pizzicare” i germogli ogni 3 o 4 settimane per incoraggiare la ramificazione o l’uso di un paletto.

La coltivazione della stevia può avere successo nella maggior parte dei climi, purché sia ​​protetta dal gelo e venga posto un buon compost e frequenti annaffiature che garantiscano l’umidità nel substrato.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

La Stevia rebaudiana, essendo una pianta medicinale, potrebbe trovarsi vicino a piante aromatiche che possono aiutare a controllare i parassiti che colpiscono la stevia.

Quali parassiti e malattie attaccano la stevia rebaudiana?

La Stevia è una pianta suscettibile all’attacco di parassiti e malattie . I suoi maggiori problemi fitopatologici sarebbero quelli causati da funghi e nematodi.

Mentre i parassiti più frequenti sono gli acari e gli insetti masticatori, raschianti e succhiatori. Tra gli insetti che attaccano la Stevia ci sono gli afidi , i bruchi tagliatori, i molluschi, le lumache e i coleotteri.

Tra le malattie causate da funghi, sono citati come più abbondanti gli attacchi di Alternaria steviae, Septoria sp, Sclerotium sp. Anche Rhizoctonia solani, Sclerotinium rolfsii, Botrytis cinerea, Fusarium sp, Cercospora steviae.

Questi fattori influenzano negativamente le prestazioni e la qualità del prodotto, quindi si raccomanda un controllo rigoroso di essi.

Bibliografia e riferimenti

  • Gallego, José T. (2016). Stevia, dolce medicina. Libri RBA. Barcellona, ​​Spagna.
  • Gallego, José T. (2015). Come cura la stevia. L’alternativa più naturale e salutare allo zucchero. Libri RBA. Barcellona, ​​Spagna.
  • Jarma O., Alfredo de Jesús; Combatt C., Enrique Miguel; Cleves L., José Alejandro. (2010). Aspetti nutrizionali e metabolismo della Stevia rebaudiana (Bertoni). Una recensione. Agronomia Colombiana. Università Nazionale della Colombia. Bogotà Colombia. Riprodotto da: http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=180315602009
  • González Caballero, Raúl Emilio; Paniagua Alcaráz, Julio Renán; Mayeregger, Edgar. (2002). Fabbisogno idrico per la crescita della stevia (Stevia rebaudiana, Bert.) Calcolato sulla base della lettura del microlisimetro. Rivista di ricerca agraria. San Lorenzo-Paraguay. Riprodotto da: http://www2.agr.una.py/revista/index.php/ria/article/view/184/182
  • Jarma Orozco, Alfredo; Araméndiz Tatis, Hermes; Cleves Leguízamo, Alejandro. (2011). Stabilità fenotipica e densità vegetali della stevia (Stevia rebaudiana Bert.) Genotipi nella regione caraibica della Colombia . Atto Agronomico. Università Nazionale della Colombia. Palmira-Colombia. Riprodotto da: http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=169922373008

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *