Suggerimenti

Cactus di Natale: cura

Il cactus di Natale, comunemente chiamato anche cactus di Natale, piume di Santa Teresa, piume di Santa Teresita, cactus d’inverno, cactus di Pasqua o fico d’India di Natale, nonché scientificamente Schlumbergera, è una pianta molto popolare nei mesi invernali, poiché inizia a fiorire in in quella stagione dell’anno e poiché è il periodo natalizio quando i cactus di Natale fioriscono in maggior quantità, sono per lo più chiamati con questo nome comune.

Se vuoi saperne di più su questa pianta così popolare e allegra durante questi appuntamenti a bassa temperatura, prendi nota delle cure di cui ha bisogno per goderne al meglio, perché in questa guida al giardinaggio di EcologíaVerde ti diciamo come prendertene cura per un cactus di Natale.

Guida alla cura dei cactus di Natale

È una pianta che appartiene alla famiglia dei cactus ed è originaria dell’America centrale e meridionale. Ciò che colpisce di più del cosiddetto cactus invernaleo Pasqua sono i suoi fiori colorati e imponenti. Esatto, anche se ha aspetti più diversi rispetto alla maggior parte dei cactus, ciò che lo differenzia maggiormente dagli altri sono i suoi fiori perché hanno la forma di piume, da cui il suo nome comune di piume di Santa Teresa, e perché sono più precoci, cioè fioriscono prima della maggior parte delle specie. I fiori sono rosa, rossi, bianchi, arancioni o gialli e misurano tra 3 e 5 centimetri di diametro. È uno dei cactus più durevoli, poiché in un vaso ha una vita compresa tra 3 e 10 anni. La sua coltivazione è molto semplice, anche se ha contro che alcuni suoi segmenti possono essere danneggiati senza motivo apparente, quindi bisogna prestare attenzione alla sua cura.

Ecco una breve guida riassuntiva su come prendersi cura e coltivare un cactus di Natale:

  • Illuminazione: dovremmo mettere il cactus di Natale all’interno o all’esterno? Devono trovarsi in un punto in cui ottengono ombra parziale, quindi una finestra è l’opzione migliore. Grazie a questo, può essere al chiuso tutto l’anno e se lo metti all’aperto in estate, deve evitare la luce solare diretta.
  • Temperatura: necessita di temperature che oscillino tra 15 e 22 ºC.
  • Umidità: l’umidità ambientale deve essere almeno del 50%, cosa che si può ottenere spruzzando le foglie ogni 2-3 giorni quando l’ambiente è asciutto.
  • Substrato per il cactus di Natale: il migliore per svilupparsi correttamente è quello ricco di sostanze nutritive e molto ben drenato. Metti una miscela di pacciame di torba o terra di erica.
  • Annaffiature: in estate deve essere abbondante, e si consiglia di lasciare asciugare completamente il substrato ogni due annaffiature, mentre in inverno deve essere distribuito più uniformemente, lasciandolo asciugare dopo ogni annaffiatura. Non innaffiare direttamente i fiori e utilizzare acqua dolce priva di calcare, come l’acqua piovana o l’acqua in bottiglia.
  • Fertilizzante: applicalo in primavera e in estate, aggiungendo fertilizzante liquido all’irrigazione del cactus di Natale una volta al mese.
  • Parassiti: la piaga delle cocciniglie è quella che può colpire di più, quindi bisogna stare attenti.
  • Trapianto: da fare in primavera e ogni due anni, utilizzando sempre un vaso più grande in modo che in quei due anni in più possa crescere senza problemi.
  • Moltiplicazione: va fatta per talea o per seme, sempre in substrato sabbioso. Qui spieghiamo come riprodurre un cactus di Natale.

Di seguito, spieghiamo alcuni di questi aspetti della cura dei cactus di Natale in modo più dettagliato.

Temperatura ideale per il cactus di Natale

Il cactus di Natale è una pianta originaria delle zone tropicali, la temperatura ideale per esso va dai 15 ai 22 gradi. Tuttavia, è un tipo di pianta che resiste abbastanza bene al freddo e alle basse temperature. Nonostante ciò e per evitare che subisca qualsiasi tipo di danno nel suo sviluppo, è sconsigliabile lasciarlo esposto a temperature troppo basse.

Luce per il cactus di Natale

Questa è un’altra delle cure più importanti per i cactus di Natale. Ha bisogno di luce esterna per vivere, quindi è l’ideale averlo in un luogo ben illuminato. Tuttavia, nonostante sia un tipo di cactus, l’eccesso di sole può causare seri danni alla sua crescita e alla fioritura stessa.

Pertanto, se hai un cactus di Natale in casa, posizionalo vicino a una finestra ma non troppo vicino ad essa, ma se lo hai all’aperto, posizionalo in un luogo semiombreggiato.

Frequenza di irrigazione del cactus di Natale

Quando si tratta di annaffiare il cactus di Natale, molte persone pensano erroneamente che possa sopravvivere con pochissima acqua. L’irrigazione dovrebbe essere fatta in modo moderato e non dovresti nemmeno superarla. Durante l’estate si consiglia di annaffiare la pianta ogni 2 o 3 giorni alla settimana, mentre nei mesi primaverili e autunnali le annaffiature vanno effettuate ogni due settimane circa.

Trapianta un cactus di Natale

Se si decide di trapiantare il cactus di Natale, è consigliabile farlo durante i mesi primaverili e ogni due anni. Per effettuare il taglio corrispondente, è importante utilizzare un vaso più grande e largo in modo che il cactus possa crescere senza grossi problemi.

Per quanto riguarda il terreno di cui ha bisogno il cactus di Natale, possiamo dire che il più adatto è quello che drena molto bene, poiché ha bisogno di acqua ma non fa bene che si inzuppi d’acqua, perché avendo foglie carnose marcisce facilmente se trattiene troppa acqua. Pertanto, optate per un substrato per cactus e piante grasse.

Concime per la pianta della piuma di Santa Teresa

Come dicevamo prima, il cactus di Natale ha bisogno di un buon drenaggio per poter crescere perfettamente. Oltre a questo, ha bisogno di molta materia organica per ottenere una fioritura davvero spettacolare durante i mesi invernali. Quando si tratta di ottenere il fertilizzante ideale per questa pianta, puoi rivolgerti a un negozio specializzato che consente al cactus di svilupparsi e crescere perfettamente. Un’altra opzione è fare il compost biologico fatto in casa, in questo altro post ti diremo come fare il compost biologico fatto in casa per le piante.

Altri consigli per prendersi cura di un cactus di Natale

Ecco altri suggerimenti per prendersi cura del tuo cactus di Natale, cactus di Natale o piume di Santa Teresa con successo:

  • Quando si applicano i nutrienti al terreno, evitare di esagerare in quanto possono ritardare la fioritura prevista.
  • Un altro consiglio da tenere a mente è quello di evitare le correnti d’aria, in quanto sono abbastanza dannose per la pianta e possono avere un impatto negativo sul suo sviluppo.
  • Per quanto riguarda la questione dei parassiti e delle malattie, il cactus può essere danneggiato da afidi e cocciniglie, che puoi eliminare con una miscela a base di acqua e sapone.
  • Uno dei grandi punti a favore del cactus di Natale è che non richiede cure molto impegnative, quindi chiunque non abbia nozioni di giardinaggio può godersi questa pianta tipica nel periodo natalizio.
  • Ricorda che, nonostante il nome, è un tipo di pianta che puoi avere in perfette condizioni durante tutti i mesi dell’anno.

Se prendi in considerazione tutte queste cure facili e semplici, puoi avere un cactus invernale o natalizio in perfette condizioni e goderti fiori davvero meravigliosi e unici che daranno vita a tutta la tua casa. Quindi, nel caso in cui tu stia pensando di acquistare una pianta per questi mesi invernali, il cactus di Natale è una scelta eccellente.

Ora che hai appreso la cura del cactus di Natale, ti invitiamo a guardare questo video su questo argomento e, inoltre, ad approfondire le tue conoscenze su questa bellissima pianta e conoscere perché il mio cactus di Natale ha le foglie rugose e cosa faccio con quest’altro articolo, perché questo è uno dei problemi più comuni dei cactus di Natale.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cactus di Natale: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.