Suggerimenti

9 piante giapponesi per la tua casa e il tuo giardino

In Giappone possiamo trovare un’ampia varietà di piante che si adattano alla complicata topografia del paese giapponese e ai repentini cambiamenti climatici in inverno e in estate, pur conservando sempre l’umidità caratteristica delle zone costiere.

Famosi sono i ciliegi e la fioritura in Giappone, anche se non tutto parla del regno vegetale. Ti presentiamo 9 piante giapponesi perfette per decorare il tuo giardino e la tua casa.

Piante giapponesi per il tuo giardino e la tua casa

Bambù (Genera Fargesia e Phyllostachys)

Il bambù è forse una delle piante giapponesi più legate alla cultura giapponese, ed è uno dei legni più utilizzati in quel paese, grazie alle sue ottime proprietà di resistenza ed elasticità. Da questa pianta si ricavano le bacchette da mangiare per completare le case.

Sebbene questa pianta necessiti di condizioni di temperatura più o meno stabili durante tutto l’anno (ottimale tra 20ºC e 26ºC), può essere coltivata in zone calde con inverni miti e determinate condizioni di umidità relativa.

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: zona preferibilmente ombreggiata o semiombreggiata, ambiente umido e temperature calde e costanti.
  • Tipo di terreno:  buon drenaggio (molto sensibile ai ristagni idrici), abbastanza fertile e ricco di sostanza organica, indipendente dal pH e dalla tessitura.
  • Irrigazione:  leggera umidità, senza essere molto impegnativi nell’irrigazione.

Ciliegio ornamentale giapponese ( Prunus serrulata)

I ciliegi in fiore sono una delle maggiori attrazioni turistiche del Giappone. Sono rappresentati da diverse specie del genere Prunus  e i giapponesi definiscono il ciliegio in fiore come Sakura (桜 o さくら), celebrando annualmente il festival dell’hanami  (花見) in onore di uno dei fiori più conosciuti del paese. La specie Prunus serrulata è originaria del continente asiatico, situato in paesi come Giappone, Corea e Cina.

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: predilige i climi caldi e gli inverni miti. Posizione ideale in una zona con una buona illuminazione per ottenere una maggiore fioritura.
  • Tipo di terreno:  leggermente acido, fertile di sostanza organica (soprattutto nel periodo della fioritura), con buon drenaggio e tessitura leggermente argillosa.
  • Irrigazione:  mantenimento costante dell’umidità del suolo, con 3-4 irrigazioni primaverili ed estive.

Glicine o glicine ( Wisteria Sinensis)

Il glicine o glicine è una pianta rampicante ampiamente coltivata in Giappone e che si distingue per la sua spettacolare fioritura nei toni del viola. 3 cose che definiscono molto bene questa pianta quando la si coltiva in giardino sono resistenza, facilità di coltivazione e grande capacità di adattamento all’ambiente (clima e suolo).

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: può essere collocata in una zona luminosa o semiombreggiata. Pianta abbastanza resistente al freddo.
  • Tipo di terreno:  fertile e con buon contenuto di sostanza organica, con buone condizioni di conservazione dell’umidità.
  • Irrigazione: annaffiature frequenti per mantenere costante l’umidità, evitando condizioni di siccità prolungate.

Leggi di più: come coltivare il glicine nel tuo giardino

Ortensia (genere Ortensia)

Le ortensie sono specie ornamentali molto ambite e conosciute in tutto il mondo, ma soprattutto in Giappone per la bellezza della loro fioritura e perché quel paese ha condizioni magnifiche per il loro sviluppo (soprattutto per il pH acido dei suoi terreni vulcanici). In effetti, una delle cose più sorprendenti delle ortensie per coltivatori e giardinieri è che il colore della fioritura (rosa o blu) è condizionato dal pH del mezzo in cui cresce.

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: climi caldi con estati miti, senza calore eccessivo e precipitazioni elevate (elevata umidità relativa).
  • Tipo di terreno: terreni a pH acido (5,5-6,5) e buona conservazione dell’umidità.
  • Irrigazione:  frequente in estate per mantenere stabili condizioni di umidità durante tutto il suo sviluppo.

Azalee (genere Rhododendron)

Le azalee sono un grande rappresentante delle specie tradizionalmente coltivate in Giappone, la cui coltivazione è nota da diversi secoli. L’entità della sua fioritura in primavera e la forma a tromba dei suoi fiori dai vari colori (giallo, rosso, bianco, rosa, viola o bluastro) rendono questo gruppo di piante giapponesi una grande attrazione in diversi parchi e giardini delle città giapponesi..

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: esposizione in pieno sole o semiombra.
  • Tipo di terreno:  buon drenaggio, fertile, leggermente umido e pH acido.
  • Irrigazione: umidità costante con irrigazioni 3 volte a settimana in primavera ed estate.

Camelia ( Camellia japonica)

Questa pianta giapponese è coltivata in molte parti del mondo, sebbene il Giappone abbia condizioni idilliache per il suo sviluppo. Questa specie può vivere molti anni ed è una pianta ornamentale per eccellenza, con fiori grandi, una grande varietà di colori e un periodo di splendore che copre buona parte dell’inverno, proprio quando il giardino è nella sua peggiore condizione di bellezza.

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: predilige i climi caldi e gli inverni miti. Posizione ideale in una zona con una buona illuminazione per ottenere una maggiore fioritura.
  • Tipo di terreno:  leggermente acido, fertile di sostanza organica (soprattutto nel periodo della fioritura), con buon drenaggio e tessitura leggermente argillosa.
  • Irrigazione:  mantenimento costante dell’umidità del suolo, con 3-4 irrigazioni primaverili ed estive.

Leggi di più: guida alla cura delle piante di camelia

Hostas

Le hostas sono un genere di piante erbacee verdi con grandi foglie ampiamente utilizzate nel giardinaggio ornamentale. Nonostante produca anche una magnifica fioritura, ciò che spicca principalmente di questa pianta è l’aspetto giungla delle sue foglie, dove troviamo specie ibride che presentano notevoli differenze come bordi biancastri, toni verde chiaro, ecc.

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: luogo in mezz’ombra o mezz’ombra, zone con umidità relativa medio-alta.
  • Tipologia di terreno:  condizioni di umidità adeguate, terreni argillosi e con buona fertilità.
  • Irrigazione:  annaffiature frequenti e mantenimento di un’umidità costante nel terreno.

Gigli ( Iris)

Le iridi sono uno dei grandi rappresentanti delle piante giapponesi che possiamo trovare nei parchi e nei giardini giapponesi. Il clima giapponese incontra condizioni molto favorevoli per il suo sviluppo, con precipitazioni costanti e umidità relativa medio-alta.

La sua fioritura è molto apprezzata a livello ornamentale, con colori violacei che si combinano molto bene con i toni verdi delle sue foglie. L’iris è una pianta rizomatosa giapponese ampiamente coltivata in tutto il mondo, con una grande capacità di propagazione e grande rusticità.

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: sopporta il freddo estremo e lo possiamo vedere anche nelle zone costiere. Hanno bisogno di una temperatura confortevole nella stagione della fioritura.
  • Tipo di terreno:  terreni leggeri (sabbiosi), asciutti e con pH leggermente alcalino.
  • Irrigazione:  resistono a condizioni di bassa umidità del terreno, aumentando la dose durante la fioritura primaverile.

Leggi tutto: come piantare calle o ninfee ( Zantedeschia)

Fiore di loto ( Nelumbo nucifera)

Uno dei massimi rappresentanti delle piante giapponesi e della cultura asiatica è il fiore di loto ( Nelumbo nucifera), conosciuto in tutto il mondo come il fiore di loto. Per la sua coltivazione avremo bisogno di condizioni particolari tipiche di un laghetto o di un giardino acquatico, essendo una specie essenziale se soddisfiamo queste condizioni di coltivazione.

Il fiore di loto sprigiona una spettacolare grande fioritura che dura solo 2 settimane nei mesi di fine estate, con foglie giganti che possono ricoprire l’intero laghetto.

Caratteristiche colturali

  • Climatologia: climi caldi, con elevata umidità ambientale.
  • Tipo di terreno: vive in stagni e zone d’acqua stagnante.
  • Irrigazione: specie proprie di stagni e ambienti inondati d’acqua.

Fonte: Agromatico

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.