Suggerimenti

Coltivazione del pioppo, albero da legname di grande pregio

La superficie coltivata a pioppo è in aumento data l’industria che circonda la coltivazione di questo albero. In Spagna, ad esempio, la cultura del pioppo o della populicoltura ha una certa importanza dato che a livello di climatologia e fertilità soddisfa le condizioni ideali per il suo sviluppo.

I vantaggi che offre il pioppo come coltura per il legno è la sua rapida crescita. In 15 anni si ottengono esemplari adulti con un importantissimo apporto di legno, pronti per l’abbattimento.

In questa guida vogliamo offrirvi tutte le informazioni dettagliate sulla coltivazione, gli usi ornamentali e le principali caratteristiche della sua cura.

Caratteristiche del pioppo

Ci troviamo con una specie esigente in termini di esigenze climatiche, disponibilità di luce e fertilità del suolo. Richiede alcuni lavori di preparazione prima della semina e della manutenzione programmata. Tuttavia, non crea mal di testa e offre una rapida crescita.

Anche se a livello produttivo, per ottenere il legno, vengono solitamente collocati in quadri di impianto definiti, per il massimo sfruttamento del suolo si possono piantare singole specie anche a livello ornamentale. Poiché ha un portamento verticale e senza rami più bassi, può essere posizionato praticamente ovunque nel giardino.

tassonomia

  • Ordine:  Malpighiales
  • Famiglia: Salicacee
  • Genere: popolare

Interessante specie di Populus

Pioppo nero – I pioppi o pioppi neri coltivati ​​in Nord America, rappresentati dalle specie Populus deltoides, Populus fremontii, Populus nigra (pioppo nero), Populus x canadensis e Populus nigra ‘Italica’.

Pioppi bianchi:  rappresentati dalle specie più famose, Populus alba , e da altre specie diffuse in tutto il mondo, come Populus tremula, Populus adenopoda, Populus davidiana, Populus grandidentata, Populus sieboldii  e Populus tremuloides.

Populus Tacamahaca:  specie situate in Nord America, come  Populus angustifolia, Populus balsamifera, Populus cathayana, Populus koreana  o Populus laurifolia,  tra gli altri.

Populus Leucoides: specie di pioppo distribuita in Nord America e Asia orientale, soprattutto nei climi temperati, rappresentata da 3 specie quali Populus heterophylla  (Virginia poplar), Populus lasiocarpa e Populus wilsonii.

Pioppi subtropicali:  specie a clima tropicale, situata nell’Asia sudoccidentale e in Africa, rappresentata dalle specie Populus euphratica  (Pioppo dell’Eufrate) e Populus ilicifolia.

Pioppi messicani:  adattati al clima messicano, rappresentati dalle specie Populus guzmanantlensis  e Populus mexicana.

A livello di coltivazione per la produzione del legno, in Spagna viene solitamente utilizzato di preferenza il clone I-214,  Raspalje, Unal o Beapre.

cura del pioppo

A livello ornamentale, il pioppo ne permette la coltivazione in qualsiasi giardino. I principali fattori condizionanti, come abbiamo accennato, sono la fertilità e la profondità del suolo e le esigenze climatiche.

Diversi pioppi possono essere piantati in linea per creare protezione o privacy sotto forma di siepi, nonché per isolare le aree. Una delle specie più rappresentate del genere Populus è Populus alba, noto come pioppo bianco, pioppo comune o pioppo bianco.

Questo rappresentante è un albero a foglie caduche con crescita verticale che può raggiungere fino a 30 metri di altezza.

Climatologia

La climatologia, insieme alla fertilità del suolo, è una delle condizioni più importanti da analizzare. Importante è anche il controllo dell’altitudine, poiché condiziona notevolmente il periodo di attività vegetativa. Maggiore è la durata, maggiore è l’accumulo di riserve nel bosco e maggiore è lo sviluppo. A sua volta, l’altitudine più elevata provoca anche l’accumulo di temperature più basse ed è incline al gelo.

I pioppi coltivati ​​in Castilla y León sono generalmente piantati in aree con un’altitudine inferiore a 1000 metri.

Temperatura

Il pioppo bianco è una specie del clima continentale che resiste molto bene al freddo e al caldo estremo. In Spagna viene coltivata solitamente al nord, con inverni piuttosto freddi ed estati miti.

illuminazione

Il pioppo necessita di piena illuminazione, soprattutto nei primi anni di vita. Coltivata in giardino, bisogna evitare qualsiasi ombra generata da recinzioni o muri di casa. Nella sezione pavimento, infatti, ti spieghiamo perché dovresti tenerlo lontano da qualsiasi tipo di installazione interrata o di fondazione.

Umidità

Si adatta a qualsiasi situazione di umidità relativa, anche nelle zone costiere.

Terra

Il pioppo necessita di un terreno con buona profondità e senza falda acquifera vicina. Le sue radici sono molto imperniate e raggiungono diversi metri di profondità, motivo per cui possono intaccare le installazioni sotterranee e le fondamenta delle case. Per questo motivo si consiglia di allontanare dalla casa qualsiasi albero del genere Populus di almeno 5 metri di distanza.

Nel suo sviluppo, soprattutto nei primi anni di vita, necessita di terreni fertili, a base di sostanza organica, previa preparazione del terreno e apporto di concime minerale all’inizio.

Successivamente, con lo sviluppo voluminoso delle sue radici, ha una maggiore disponibilità a trovare idratazione e sostanze nutritive.

Per tessitura e pH predilige terreni leggermente acidi, per ottenere una buona solubilità dei nutrienti) e a tessitura sciolta, con un buon contenuto di sabbia.

Terreno ideale per piantagione

  • Contenuto di sostanza organica: 2%
  • pH: range tra 6 e 8
  • Contenuto di calcare attivo: <5%
  • Consistenza del terreno: argilloso o sabbioso
  • Tipo: non salino (<0,5 mS/cm)
  • Profondità del terreno: minimo 4 metri.

I terreni molto pesanti riducono lo sviluppo delle radici a causa dell’eccessivo accumulo di umidità. Pertanto, quando analizziamo la tessitura del terreno, dobbiamo evitare di piantarlo se il contenuto di argilla supera il 15%.

Per la coltivazione nella produzione di legname, il pioppo viene solitamente piantato con un telaio di piantagione di 6 × 6 m, che equivale a 278 piedi di albero per ettaro. Per creare una linea di demarcazione, separazione degli spazi e privacy, vengono piantati a una distanza compresa tra 1 e 1,5 metri tra le specie di pioppi.

Caratteristiche di irrigazione e abbonato

Irrigazione

Naturalmente il pioppo di solito si sviluppa bene nei letti dei fiumi, suoli considerati molto fertili e con facile accesso all’umidità. Per questo motivo è una specie che necessita di umidità nel terreno, soprattutto nelle zone ad alta piovosità.

I rischi devono essere moderati. Se coltivata in giardino si adatta perfettamente all’irrigazione a goccia, aggiungendo acqua da 2 a 3 volte a settimana a partire dalla primavera e dall’estate. In inverno, possiamo ridurre al minimo l’apporto idrico, a seconda delle precipitazioni della zona.

Abbonato

L’apporto di nutrienti minerali dipende dalla natura e dalla fertilità del nostro suolo. È importante, prima del trapianto, fornire una buona quantità di sostanza organica mescolata al terreno. Parliamo da 30 a 40 t/ha per avere una percentuale superiore all’1,5% OM

A livello di giardino, prima del trapianto, contribuiremo tra 3 e 5 kg per buca di impianto, sufficienti per aumentare la conservazione dell’umidità e garantire lo sviluppo delle prime radici, le più importanti per il suo adattamento.

Nei pioppi da produzione si possono aggiungere anche fertilizzanti inorganici, specie quelli ricchi di azoto. Se stai cercando una crescita rapida del tuo pioppo nei primi anni di vita, una soluzione consigliata è l’uso del concime granulare NPK 12-10-18 + 2MgO con micronutrienti.

Moltiplicazione, potatura e trapianto

Moltiplicazione

Il pioppo si può moltiplicare dai semi, ottenendo specie diverse dalla madre, oppure attraverso talee, operazione abbastanza comune che manterrà proprietà identiche al tralcio che abbiamo prelevato.

Per ottenere una nuova specie da talea, cercheremo uno stelo di 40 cm di lunghezza, poco lignificato, che pianteremo in un vaso con fibra di cocco o vermiculite. Si consiglia di applicare ormoni radicanti per migliorare l’emergere di nuove radici e, naturalmente, per mantenere continuamente l’umidità del substrato.

Il processo di radicazione del pioppo dura circa 3-4 settimane.

Potatura

Nonostante non sia una cosa usuale, soprattutto per le dimensioni che raggiunge l’albero, il pioppo si adatta alla potatura, soprattutto quando si vuole dare una formazione specifica o si vogliono eliminare rami e tralci incrociati.

Trapianto

Si consiglia di effettuare il trapianto del pioppo proprio quando la linfa inizia a muoversi di più, con l’aumento delle temperature. Per questo motivo si consiglia di piantare all’inizio della primavera, se l’esemplare ha già sviluppato delle radici, acquistate da un vivaio.

Nelle nuove piantagioni, di solito vengono selezionati bastoncini o talee acquistati da organizzazioni certificate e devono soddisfare una dimensione minima consigliata per la semina. Si acquistano con un numero minimo di gemme già formate, tra 2 e 5 rispettivamente per talee e graffe.

Per i picchetti è richiesta una lunghezza minima di 20 cm. Nel caso delle parentesi, tra 1,5 e 3 metri.

Quando effettuiamo il trapianto, possiamo scegliere 2 modi: piantagione di radici superficiali o piantagione di radici profonde. Se lo facciamo con una radice superficiale (poca profondità di impianto), il pioppo avrà bisogno di un supporto irriguo nei primi anni.

Se la messa a dimora viene effettuata con radici profonde, si ricerca l’acqua fornita dalla falda freatica, garantendo l’apporto idrico per tutto il periodo vegetativo, con produzioni maggiori.

Se la messa a dimora avviene tramite bacchette o schegge, senza radice, il trapianto dovrà essere effettuato al di fuori del periodo vegetativo. In primavera, la produzione di radici nei periodi caldi può causare ulteriore stress, quindi è consigliata.

Con questo metodo, il periodo migliore è a metà autunno, prima dell’arrivo delle gelate, o alla fine dell’inverno, tra i mesi di febbraio e marzo.

Altre specie ornamentali interessanti

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.