Suggerimenti

Sedano: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Il sedano è una pianta originaria della regione mediterranea. La sua coltivazione si è però diffusa in tutto il mondo, in particolare nelle zone temperate dell’Europa e del Nord America.

Era usato fin dall’antichità durante i riti religiosi e funebri da egizi, greci e romani. Tuttavia, fu solo nel Medioevo che iniziò ad essere utilizzato per scopi curativi e culinari.

Il suo nome deriva dal celtico che significa “acqua”, molto probabilmente perché cresce in regioni molto vicine ai corpi idrici. Attualmente è coltivato per il suo basso contenuto energetico e per le sue proprietà dietetiche, terapeutiche e medicinali .

Ha un sapore intenso, leggermente amaro ma gradevole.

Punti importanti quando si pianta il sedano
  • Nome scientifico: Apium graveolens.
  • Nome comune: Sedano , sedano dolce, sedano d’acqua, prezzemolo d’acqua.
  • Altezza: 60 centimetri.
  • Fabbisogno di luce: basso.
  • Temperatura: climi temperati .
  • Irrigazione: Abbondante.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali sono le caratteristiche del sedano?

Il sedano è una pianta biennale con radice fulcro e profonda con radici poco profonde. Raggiunge altezze da 60 a 100 centimetri durante il primo anno di sviluppo. I suoi steli allungati e striati nascono dal collo della radice e formano un ampio bouquet con foglie a forma di cuneo.

A partire dal secondo anno, il sedano produce un gambo fiorale con circa 12 fiori bianchi o viola, che sono raggruppati in un’infiorescenza a forma di ombrello. I frutti del sedano sono simili ai semi, di forma triangolare e di colore bruno. I semi hanno una capacità germinativa media di 5 anni.

Quando piantare il sedano?

Ci sono due volte all’anno in cui si può seminare il sedano , una in inverno e l’altra in primavera . Le semine del periodo invernale iniziano a luglio e agosto per poter trapiantare la coltura tra gli ultimi giorni di agosto e ottobre.

Nel caso della produzione primaverile la semina va effettuata nelle prime settimane di novembre per trapiantare nei mesi di gennaio e febbraio. Nei climi caldi va seminato durante la stagione delle piogge. In caso di climi temperati o leggermente freddi si può seminare da marzo.

Infine, nei climi freddi va seminata fino ad aprile o maggio.

Dove piantare il sedano?

Si consiglia di coltivare il sedano in climi temperati, con una temperatura mensile compresa tra 16ºC e 21ºC. Sebbene tolleri le gelate leggere, va piantata in regioni dove non risente del freddo invernale .

Il sedano è una pianta che può essere coltivata in serra per garantire il livello termico richiesto, 13° e 15°C, per evitare che i fiori sboccino prematuramente.

Può essere coltivata all’aperto, mantenendo il controllo dell’irraggiamento solare e delle condizioni atmosferiche con l’ausilio di protezioni leggere come coperte termiche galleggianti o fogli di polietilene multiforato.

Come preparare il terreno?

Il sedano non è molto esigente in termini di tipo di terreno è interessato. Può essere coltivata in terreni profondi, umidi e ben drenati, in quanto non sopporta le inondazioni. Cresce meglio in terreni organici, con un pH compreso tra 6,8 e 6,0.

Per preparare il terreno, deve essere lavorato a fondo qualche mese prima della semina per allentare il terreno e far entrare l’aria, migliorando così la capacità di accumulo dell’acqua.

È inoltre necessario concimare il terreno per migliorarne la qualità. Si consiglia di concimare con letame (3 kg/m²) una volta alla settimana, soprattutto su terreni poveri. Il sedano , invece, oltre a fornire azoto, fosforo e potassio, necessita di boro, zolfo e magnesio.

Come innaffiamo il sedano?

Per la coltivazione del sedano è fondamentale mantenere il substrato in perfetto stato di umidità. Se colpito dalla siccità, il terreno può perdere la sua qualità. Il sedano necessita di essere annaffiato con acqua di buona qualità ea bassa conducibilità elettrica.

Può essere effettuato per gravità, irrigazione localizzata, a goccia o a pioggia . Tuttavia, il percorso più efficace è solitamente l’irrigazione a goccia .

Ogni quanto innaffiamo il sedano?

Durante le prime fasi della coltivazione del sedano, l’irrigazione dovrebbe essere applicata regolarmente e abbondantemente per promuovere una crescita uniforme.

A seconda del tipo di terreno e delle condizioni meteorologiche, l’irrigazione può essere effettuata da 1 a 3 volte a settimana.

Ciò consente allo strato superiore del substrato di rimanere apparentemente asciutto per evitare danni alla base della pianta .

Come piantare un sedano passo dopo passo?

Il seme del sedano ha latenza irregolare quindi è importante ottenere dei buoni grani, lo stesso va germinato in semenzaio o agricoltura schiumosa . I passaggi sono i seguenti:

  1. Per cavità, metti due semi in un substrato di polvere di cocco o muschio di torba precedentemente inumidito e coprili leggermente con esso.
  2. Conservare il semenzaio in un luogo con poca luce, a temperature comprese tra 10ºC e 15ºC. Negli ambienti più caldi, la luce solare è necessaria per germinare. Tuttavia, è consigliabile seguire le istruzioni dei produttori di semi.
  3. Innaffia con un getto d’acqua per mantenere sempre umido il substrato.
  4. Attendi dai 7 ai 21 giorni la crescita delle foglie finte e poi sposta il semenzaio in un luogo con una migliore illuminazione, ma protetto dalla luce solare diretta, dalla pioggia e dal vento.
  5. La piantina può essere trapiantata nel terreno dopo 1 o 2 mesi, quando raggiunge circa 15 centimetri di altezza e sono già spuntate 4 foglie vere con un angolo di 10 centimetri e una foglia di 5 centimetri. Mantenere una distanza tra le piante di 20-30 centimetri.

Di che cure ha bisogno il sedano?

La crescita del sedano è lenta e può essere influenzata dalla crescita delle infestanti e dalla competizione . Per questo motivo si consiglia di toglierle quando germogliano e di non farle raggiungere le 6 foglie per impedirne la ricrescita.

Quali parassiti e malattie colpiscono il sedano?

La coltivazione del sedano può essere colpita dai seguenti parassiti: mosca della carota (Psylla rosae Fab) , mosca del sedano (Phylophylla heraclei) , afidi (Aphis Myzus persicae) , vermi grigi (Agrotis) , nematodi (Dytilenchus dipsaci Kuehm) , tra gli altri.

Le malattie che colpiscono regolarmente le colture del sedano sono: muffa del sedano (Plasmopara nivea Schr) , macchia fogliare o peronospora (Cercospora Fres AJI) , septoria (Septoria APII Chest, Septoria graveolentis AJI) , tra alcune altre.

Riferimenti

  • https://www.researchgate.net/publication/314259656_Apio_Cultivos_Horticolas_al_aire_libre
  • http://repositorio.uaaan.mx:8080/xmlui/bitstream/handle/123456789/3673/T10982%20RAMOS%20DUARTE,%20JOSE%20GABRIEL%20%20%20TESIS.pdf?sequence=1
  • https://www.fen.org.es/MercadoAlimentosFEN/pdfs/apio.pdf
  • https://infoagro.com/hortalizas/apio.htm
  • https://www.hydroenv.com.mx/catalogo/index.php?main_page=page&id=294
  • https://viaorganica.org/como-cultivar-apio-organico-en-casa/
  • https://www.mapa.gob.es/es/ministerio/servicios/informacion/apio_tcm30-102513.pdf
  • https://verdura.consumer.es/apio/introduccion
  • https://www.mapa.gob.es/es/ministerio/servicios/informacion/apio_tcm30-102513.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *