Suggerimenti

Formiche in giardino: come combatterle [Guida completa]

Sebbene le formiche  siano insetti che associamo a giardini e spazi esterni, è da notare che non vengono presi in considerazione quando si tratta di giardini e colture .

E, in termini generali, le formiche  non si nutrono di colture , quindi non hanno un effetto diretto su di esse. Tuttavia, può influenzare indirettamente a causa della sua interazione con altri insetti con cui vivono nelle colture .

D’altra parte, a volte le formiche  possono essere benefiche per le colture , poiché aiuta ad aerare il terreno e fertilizzarlo ; oltre a contribuire alla dispersione dei semi e all’impollinazione dei fiori. Allo stesso modo, possono prevenire la comparsa di funghi e malattie , poiché producono un composto antimicotico attraverso un microrganismo che copre tutto il loro corpo.

Tuttavia, quando le formiche  diventano parassiti, rappresentano un vero grattacapo anche per l’agricoltore più esperto. Questo diventa ancora più complesso quando optiamo per metodi non tossici che siano rispettosi delle nostre colture  e dell’ambiente in generale.

Per questo in questo articolo vi raccontiamo il modo più semplice ed efficace per sbarazzarsi di un’infestazione di formiche nel tuo giardino .

Conoscere le formiche

Quando si ha a che fare con le formiche , diventa essenziale determinare la specie con cui abbiamo a che fare, poiché ogni specie ha comportamenti e preferenze diverse. Conoscerli sarà molto utile per tenerli lontani.

Analizziamone alcune tra le più comuni:

Formica di casa puzzolente

Questo tipo di  formica  è attratto dai dolci e di solito si trova in casa . Il loro colore va dal rossastro al marrone scuro o nero e misurano tra 2,3 e 3,25 mm di lunghezza.

Lasciano una scia chimica di feromoni ovunque viaggino , permettendo loro di comunicare con altre formiche nel  nido. Inoltre, di solito inviano esploratori.

Tuttavia, non è sufficiente eliminare l’esploratore, ma dobbiamo  rimuovere la traccia di feromoni . Questo può essere ottenuto spruzzando acqua saponata sull’area in cui abbiamo schiacciato la formica .

Formica carpentiere

Il falegname di formiche che  si trova comunemente intorno alle case nelle aree boschive . Possono essere lunghi tra 6 e 12 millimetri.

Sono caratterizzati dal fare il nido all’interno del bosco, cosa che spesso li fa confondere con le termiti . Possono essere un vero problema, poiché creano nidi satellitari.

Inoltre, non riportano il cibo ai loro nidi , quindi l’inserimento di esche non è di alcuna utilità. Per sterminarli bisogna sterminare la sorgente , cioè il nido; ma essendo all’interno del bosco , questi possono essere molto difficili da trovare.

Il più efficace è cercare mucchi di segatura molto fine o trucioli di legno.

Formica del marciapiede

Il pavimento delle formiche  generalmente misura circa 2,5-3 mm di lunghezza. Oltre allo zucchero, consumano anche cibi come carne, semi e cibi grassi. I loro corpi sono marroni o neri.

Formiche rosse del fuoco

Le formiche da  fuoco sono probabilmente l’ultimo tipo di  formiche  con cui non vogliamo avere a che fare. Come suggerisce il nome, i loro corpi sono rossi e lucenti. Sono lunghi circa 5 mm e la loro puntura può essere piuttosto dolorosa, quindi è meglio evitare di toccarli.

Quali sono le piante più vulnerabili all’attacco delle formiche?

Un’infestazione di formiche  può attirare altri parassiti, principalmente afidi , che colpiscono un gran numero di colture ; tra questi, melone , fragola , mora , pesca , cotone, lattuga , pomodoro, cavolfiore , cetriolo , zucchine , spinaci , peperoncino e una grande varietà di agrumi .

Le formiche  stabiliscono inoltre rapporti benefici con le cocciniglie , che interessano la coltivazione  di viti , caffè, ansa , meli , peri, platani, ananas, varietà di agrumi e molti altri.

Danni causati dalle formiche alle piante

  • Riducono il valore estetico e ornamentale .
  • Producono tagli semicircolari nelle foglie, steli e fiori.
  • Modificano la data di fioritura.
  • Possono essere vettori di malattie, lasciando ferite aperte nelle piante attraverso le quali possono essere introdotti diversi tipi  di fitopatogeni come funghi, virus o batteri.
  • Producono un graduale esaurimento delle riserve di carboidrati.
  • Infliggono attacchi con effetti devastanti, possono defogliare un piccolo cespuglio in una sola notte.

Come combattere le formiche nelle colture?

La prima cosa che dobbiamo fare  è seguire il sentiero. 

Questo ci permetterà due cose : la prima, sapere dove stanno entrando in casa nostra. Il secondo, possiamo trovare il formicaio.

In serra o al chiuso

Questo, ovviamente,  è molto più semplice se seminiamo in condizioni controllate, in serra .

In questo caso, una volta individuato il punto di accesso, ciò che dobbiamo fare è bloccarlo . Sigilla il foro attraverso il quale penetrano con tutto ciò che impedisce loro di entrare: puoi usare vaselina, colla, silicone, nastro adesivo, ecc.

Sigilla anche tutti quei punti che potrebbero servire come voci future. Cerca crepe, buchi o qualsiasi spazio vicino al punto di accesso originale. Usa gommapiuma o qualsiasi barriera regolabile per sigillare le fessure sotto la porta e le finestre.

Per eliminare le  formiche  rimaste all’interno, inumidisci un panno in acqua saponata e strofinalo sulla fila di  formiche , tante volte quanto necessario fino a quando non ci saremo liberati di ognuno.

Proteggi le tue piante seguendo le stesse raccomandazioni per  frutteti all’aperto

All’aperto

Proteggi il tuo giardino  usando repellenti  naturali  intorno alle tue piante. Questi possono essere: farina di mais , aceto, succo di limone, fondi di caffè, acqua saponata, soda e zucchero, pepe, gesso e talco.

Allo stesso modo, puoi anche piantare alcune piante che respingono le formiche , come la menta , la salvia , la lavanda , il piretro, la mentuccia, la citronella, il nasturzio e l’ aglio .

Infine, l’ olio di Neem è un insetticida molto efficace.

Trova il nido

Una volta trovato il nido  dobbiamo tenere a mente qualcosa di indispensabile : Evita di attaccarlo in alcun modo, sia cercando di spruzzarlo con qualche tipo  di insetticida, sia con qualsiasi altro metodo, poiché questo può far sì che le formiche  sopravvissute stabiliscano nuove colonie, quindi complicheremmo il problema.

La cosa migliore è che cerchi di attirare il nido con delle esche, una volta fuori, puoi spruzzarle con olio di Neem , acqua bollente o acqua saponata per eliminarle .

Un’altra tecnica molto efficace è quella di realizzare un semenzaio di sughero e posizionarlo capovolto, bagnandolo un paio di volte a settimana. In pochissimo tempo, le formiche  sposteranno lì il loro formicaio, il che renderà più facile la loro rimozione.

Ripetere l’operazione fino a  li hai completamente rimossi. 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.