Suggerimenti

Riproduzione per talea: cos’è? Come funziona? [Guida]

La riproduzione delle piante per talea è un metodo abbastanza comune. Consiste sostanzialmente nel prendere una porzione della pianta (un paletto, un ramo o una scheggia) che può attecchire per formare un nuovo individuo .

In questo articolo te lo raccontiamo  il modo più semplice ed efficace in modo da ottenere una corretta riproduzione per talea.

 

Cosa sono le talee?

 Le talee sono parti di un albero o di una pianta , che vengono staccati per scopi riproduttivi.

Vengono introdotti nel terreno per produrre radici. Quando ciò accade, le piante iniziano a crescere per formare un nuovo albero o pianta , geneticamente identico al suo genitore.

Questo è, in poche parole, un metodo di clonazione .

Esistono diversi modi per ottenere talee:

  • Talee da germogli : si estraggono praticando un taglio all’apice dei germogli di alcune piante. È meglio farli in primavera .
  • Talee di ramo giovane : le estremità delle piante vengono tagliate, una volta cresciute, ma sono ancora verdi .
  • Talee semi-lignificate : queste talee vengono tagliate a fine estate , quando la crescita delle piante è già rallentata, e i loro steli sono spessi e robusti.
  • Talee lignificate : prelevate da alberi e arbusti decidui durante il periodo dormiente, quando il ramo è legnoso. Sono anche conosciuti come pali o pioli .

 

Nessun prodotto trovato.

Di cosa hai bisogno per eseguire la riproduzione per talea?

  • Coltello affilato.
  • Sacchetti di plastica per raccogliere le talee.
  • materia organica fatta in casa come il terriccio .
  • Etichette.
  • Polvere di radici ormonali.

Per le talee di conifere, avrai anche bisogno di:

  • Matita
  • Vasi da 9 cm.
  • Sacchetti di plastica per coprire le talee.
  • Compostaggio multiuso con l’aggiunta del 30% di sabbia tagliente.

Punti da considerare prima della semina per talea

Fornire il terreno giusto

A seconda del tipo di talea (es. albero, arbusto, succulenta, cactus, …) si possono utilizzare miscele di terriccio diverse. Molte aziende commerciali vendono compost o terriccio specifico per talee in crescita.

Fornire un’adeguata umidità dell’aria e del suolo

Sebbene qui possano essere utilizzate diverse opzioni, la plastica viene solitamente scelta per coprire i tagli di legno tenero e semiduro.

Il terreno sotto i vassoi (per aumentare l’umidità dell’aria) e il terreno nel vassoio stesso viene mantenuto umido ma non saturo di acqua (= completamente saturo). I vassoi in cui vengono posizionate le talee sono posizionati meglio su pietre per evitare l’azione capillare (in quanto ciò può mantenere il terreno all’interno dei vassoi troppo umido).

Il terreno nei vassoi deve essere mantenuto a una saturazione dell’85-95%.

Nelle serre possono essere utilizzati sistemi di nebulizzazione automatizzati (sopra la testa), sistemi di barriera o sistemi di nebbia. Una tipica frequenza di appannamento durante l’incollaggio e il silenzio include l’appannamento per 5-8 secondi ogni 5-10 minuti per un periodo di 24 ore.

Fornire un’adeguata temperatura dell’aria e del suolo

La temperatura dell’aria per talee di legno tenero e semiduro è ottimale intorno ai 21,1° ma sono accettabili temperature fino a 12,7°. Riscaldare l’aria sopra i 23,8° favorisce la crescita degli agenti patogeni.

La ventilazione (manuale o tramite o per mezzo di apri finestra automatici) della serra o del serramento freddo può abbassare la temperatura dell’aria. I sistemi di termostati automatici possono essere utilizzati anche nelle serre per mantenere il calore a una temperatura specifica.

Il riscaldamento di fondo (terreno) tende ad essere l’ideale per l’inizio delle radici, poiché la temperatura del terreno di coltura è meglio mantenere a 20-22 °.

Fornire la giusta quantità di luce solare

Mentre i ritagli devono essere tenuti al caldo e deve essere fornita una certa quantità di luce, devono essere tenuti lontani dalla luce solare diretta. Alcuni modi per raggiungere questo obiettivo includono l’uso di tende oscuranti retrattili in plastica semi-bianca.

I livelli di luce ottimali sono di circa 120-200 µmol/m² nella prima fase.

Una volta che il callo si è formato e le radici iniziano a formarsi e ad assorbire acqua (fase 3: fase di sviluppo delle radici), i livelli di intensità della luce possono essere gradualmente aumentati (fino a 200-800 µmol/m²)

La maggior parte dei propagatori rileva che da 5 a 10 moli al giorno (ovvero osservati con un sensore di luce integrale giornaliero) si tradurrà in un radicamento e una crescita coerenti.

Fai la riproduzione per talea passo dopo passo

1. Eseguire un taglio di ramo

Garantire che detto taglio sia il più vicino possibile al tronco principale.

L’ideale è tagliare rami di 1 anno , questo assicura che siano parti robuste e con quanto necessario per svilupparsi. Ogni taglio deve essere lungo 10-15 cm .

2. Taglia le foglie e i germogli laterali

Impediscono la crescita di nuove radici.

3. Fai un taglio diagonale

Un taglio diagonale da 30 a 45 gradi rispetto alla parte che verrà interrata. Ciò faciliterà lo sviluppo delle radici.

 

4. Raschiare lo strato superiore di corteccia vicino alla punta

Così facendo,  stai molto attento a non danneggiare il ramo . Se stai piantando talee erbacee, non legnose, puoi saltare questo passaggio

Metodi per riprodurre talee

Ora, devi  scegli uno dei seguenti metodi  per far sì che la talea inizi ad attecchire.

Metodo uno

  1. In un contenitore – o in un sacchetto di plastica nero – pieno di compost , aggiungi acqua fino a quando non diventa una consistenza fangosa.
  2. Fatto ciò, seppellisci il ramo in questa miscela a una profondità pari o superiore alla metà della sua lunghezza. Se il tuo ramo è lungo 4 pollici, seppelliscilo per 2 pollici .
  3. Se hai scelto un sacchetto, legalo perfettamente attorno allo stelo, cercando di non lasciare spazio al ramo per muoversi.
  4. Ora, devi mantenere il livello di umidità sempre costante. Da questo momento in poi il substrato contenente il ramo non dovrà più sembrare fango , ma dovrà essere sempre bagnato .
  5. Fai attenzione a non mescolare lo sporco [/ su_highlight].

Metodo due

  1. Metti il ​​substrato in un vaso abbastanza grande da permettere alla talea di crescere comodamente. Sabbia e perlite costituiscono un ottimo substrato per la loro porosità .
  2. Ricorda che il vaso deve avere un buon drenaggio per evitare che il terreno si accumuli.
  3. Seppellire il taglio nel substrato, fino a metà della sua lunghezza.
  4. Innaffia abbondantemente, ma evita le pozzanghere . La talea richiede molta acqua per formare le sue radici, ma un’eccessiva irrigazione impedirà che ciò accada.
  5. Per conservare l’umidità, così necessaria affinché la talea formi radici, puoi coprire la parte superiore del vaso con un sacchetto di plastica, evitando che tocchi le punte della talea. Assicurati di sigillarlo bene con del nastro di plastica .
  6. Tieni il vaso in una zona ben illuminata, ma al riparo dalla luce solare diretta .

Metodo tre

  1. Metti la talea in una bottiglia d’acqua per due settimane. Dopo una settimana puoi vedere come iniziano a germogliare le radici .
  2. Una volta che le radici hanno iniziato a svilupparsi, rimuovere l’acqua della pianta e il cavolo OCALA in un vaso con sabbia o perlite. Non dimenticare che il vaso deve avere un buon sistema di drenaggio .
  3. Tieni il vaso in una zona buia per 3 giorni , per evitare che la pianta consumi energia per la fotosintesi .
  4. Quindi, posiziona la tua pianta in un’area ben illuminata e innaffiala ogni 2-3 giorni . Ricorda che l’irrigazione deve essere abbondante, evitando la formazione di pozzanghere.
Alcuni consigli:
  • Proteggere il taglio dalla luce solare diretta e mantenerla umida in ogni momento , evitando che il terreno da ristagno.
  • Dopo 2-3 settimane , le radici si saranno formate sul fondo della talea. Passa attentamente le dita sotto il taglio per vedere se le radici hanno iniziato a svilupparsi. Se non l’hanno già fatto, dovrai prendere un altro taglio e ricominciare il processo.
  • La percentuale di successo dipenderà da molti fattori, come la specie dell’albero, le condizioni climatiche, la stagione e così via.
  • In estate , puoi provare piccole quantità di fertilizzante organico per aiutare a sviluppare l’apparato radicale.
  • Ricorda che mentre la maggior parte delle talee può essere separata e posta in grandi vasi dopo un anno , alcune specie potrebbero impiegare un po’ più di tempo prima che le talee siano pronte per il trapianto .

174 Recensioni


L’orto familiare ecologico (CROPS)

  • Bene, Mariano (Autore)

Ultimo aggiornamento il 2021-06-11 / Link di affiliazione / Immagini API per gli affiliati

Quali specie e piante si riproducono per talea?

Nella nostra pagina puoi saperne di più sulla riproduzione per talea di alcune piante e alberi:
  • Talee di rosa.
  • Talee del cespuglio di rose in patata.
  • Talee di olive .
  • Ritagli di rosmarino.
  • Talee di lavanda.
  • Talee di gelsomino.
  • Talee di edera .
  • Talee di geranio.
  • Talee di mandarino.
  • Talee di cipresso.
  • Ritagli di garofano.
  • Talee di Dracena marginata.
  • Ritagli di garofano.
  • Talee di Camelia .
  • Talee di cactus.
  • Talee di bouganville.
  • Talee di bambù.
  • Talee di patate dolci.
  • Talee di bosso.
  • Ritagli di carciofi .
  • Talee di begonia.
  • Talee di alberi.
  • Ritagli di mandorle.
  • Talee di aloe vera.
  • Talee di oleandro .
  • Talee di agrifoglio.

 Ci sono molti tipi di talee .

Questo è importante da sapere, poiché alcune specie rispondono meglio a determinati metodi di semina. Ad esempio, le piante grandi con grossi rami legnosi sviluppano meglio le loro radici se le metti nel terreno.

Invece, piccole erbe aromatiche come basilico, menta e rosmarino possono essere seminate in acqua.

Possiamo distinguere le talee come segue:

  • Talee di fusto erbacee : Si ottengono da piante non legnose, quando sono ancora in crescita.
  • Talee legnose morbide : si ottengono piante legnose sempreverdi oa foglia caduca. È meglio tagliarli all’inizio dell’estate , prima che gli steli inizino a indurirsi.
  • Talee semiduri : Come le precedenti, si ottengono da piante legnose sempreverdi o caducifoglie , solo che il taglio viene effettuato a fine estate, dopo che il legno si è un po’ indurito.
  • Talee di latifoglie : ottenute in inverno , quando il legno è dormiente.

Alcune delle specie che si propagano efficacemente per talea sono:

  • Arbusti.
  • Alberi decidui .
  • Alberi sempreverdi .
  • Conifere .

Tra gli alberi da frutto troviamo:

  • Mandorlo
  • Il pistacchio
  • L’albero di limone
  • Il melo ,
  • Il cactus ,
  • Il ciliegio ,
  • Il mango ,
  • Papaia e molti altri .

Tra le erbe più comuni da coltivare da talea ci sono:

  • Il rosmarino
  • la menta
  • Basilico
  • I pomodori
  • le rose
  • Edera comune
  • L’aglaonema
  • Il corniolo giallo e il corniolo fiorito .

Quando riprodursi per talea?

Talee in primavera

La primavera è il momento delle talee di conifere per molte piante, piante perenni , arbusti e viti.

Queste giovani talee sono desiderose di mettere radici, ma sono anche ad alto rischio di seccarsi senza cure adeguate.

Talee in estate

L’estate è il momento delle talee semi-mature, dove la base dei germogli si sta indurendo (maturando) ma le punte sono ancora fragili.

Talee in autunno

In autunno , la crescita della pianta è matura. Le talee di latifoglie autunnali e invernali possono essere lente ad attecchire ma più stabili delle talee giovani e tenere, consentendo loro di svernare in una serra fresca o sotto qualche riparo all’aperto .

Le talee sono un metodo di riproduzione molto utile per le piante che producono pochi semi e anche per quelle molto difficili da coltivare da seme.

Tra i suoi principali vantaggi possiamo citare:

  • Sono facili da coltivare.
  • Permette di accorciare i tempi di coltivazione.
  • È possibile coltivare più di una pianta.

Uno svantaggio è che la maggior parte  le talee si ottengono solo in primavera e all’inizio dell’estate , che limita notevolmente i tempi di coltivazione

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.