Suggerimenti

Irrigazione di Jacaranda: [Necessità, frequenza e procedura]

Uno degli alberi più utilizzati a scopo ornamentale grazie alla sua squisita fioritura è la jacaranda.

Il tema dell’irrigazione della jacaranda è uno dei più facili da applicare perché è molto poco impegnativo.

Questo a volte porta a dimenticare che ha bisogno di acqua per eseguire i suoi processi, come tutti gli esseri viventi, quindi si perde l’opportunità di fiori più grandi e migliori.

Ma questo non accadrà a te perché con le informazioni che ti forniamo in questo post, sarai pronto ad agire senza esitazione. Cominciamo?

Punti importanti quando si innaffia una jacaranda:
  • Frequenza di irrigazione: ogni 3 o 4 giorni in estate e una volta a settimana il resto dell’anno.
  • Metodo di irrigazione: per aspersione , con un tubo o con un annaffiatoio, a seconda di dove è piantato l’albero.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: al mattino o nel tardo pomeriggio.
  • Individuare l’acqua in eccesso: foglie che diventano marroni, steli deboli, insediamento di muffe.
  • Identificare la mancanza d’acqua: negli alberi adulti è improbabile che si creino problemi perché resiste alla siccità. Se sta crescendo, potrebbe volerci più tempo per svilupparsi.

Che esigenze di irrigazione ha la jacaranda?

Le richieste di irrigazione della jacaranda non tendono ad essere molto elevate, al di là di quanto potrebbe richiedere durante le calde giornate estive. Essendo un albero piantato all’aperto , ha un facile accesso all’acqua piovana quando è stagione, quindi in quei giorni puoi dimenticarti di annaffiare.

È in grado di resistere a brevi periodi di siccità, poiché le sue radici cercheranno di soddisfare la richiesta di umidità negli strati profondi della terra. Tuttavia, è meglio fornire le quantità corrette per garantire una salute ottimale per la maggior parte del tempo.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nella jacaranda?

Le Jacaranda possono stare a lungo senza ricevere irrigazione e, in generale, non le colpiranno molto perché è una di quelle specie in cui il deficit d’acqua vale più dell’eccesso.

Pertanto, è altamente improbabile che tu abbia problemi, a meno che non si tratti di un piccolo esemplare.

Se è in fase di sviluppo, è probabile che questo processo rallenti . Negli alberi adulti non causerà un impatto importante. Se noti, la jacaranda è molto usata nelle aree comuni dove non c’è nessuno addetto all’irrigazione e fioriscono ancora magnificamente ogni anno.

Quanto spesso dovremmo innaffiare la jacaranda?

Una corretta frequenza di irrigazione aiuterà l’albero ad essere in condizioni ottimali e sarà in grado di offrire i benefici associati. In estate, soprattutto quando il tempo è molto secco e il termometro mostra una temperatura elevata, bisogna annaffiare frequentemente.

Ciò equivale a un’irrigazione ogni 4 giorni, anche ogni 3 giorni se noti che il terreno si sta asciugando più velocemente del normale. Il resto dell’anno è possibile che si pongano le innaffiature in una alla settimana o si prolunghino fino a quindici giorni, poiché l’ambiente aiuterà a mantenere fresca la struttura.

Qual è il modo migliore per innaffiare la jacaranda?

Per una jacaranda che viene piantata in giardino, l’ irrigazione a pioggia o a tubo è il sistema più comune per il tipo di struttura che ha . Se è piccolo e lo hai posizionato in una pentola, puoi approfittare dell’irrigazione con un annaffiatoio perché renderà il compito molto più semplice.

In tutti i casi, la cosa più importante è assicurarsi che il flusso d’acqua non sia troppo forte, ma che venga erogato lentamente. Ciò aiuterà il terreno ad assorbire l’acqua al proprio ritmo ed eviterà le pozzanghere che potrebbero causare seri problemi di salute alla tua jacaranda.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nella jacaranda?

Le foglie di una jacaranda che soffre di irrigazione eccessiva possono iniziare a sembrare più scure, a volte marroni come segno di marciume. Questo problema farà anche cadere presto i fiori e perderai l’opportunità di goderti quel regalo.

Nel caso dei rami, possono iniziare a sentirsi deboli, come gommosi. Se il problema dell’acqua in eccesso non viene affrontato, è molto probabile che dalle radici nascano funghi che la danneggeranno progressivamente.

La buona notizia è che questo albero non è particolarmente esigente con il tipo di acqua che usi per irrigare gli alberi di jacaranda. Tuttavia, sarai sempre più soddisfatto quando ottieni il liquido vitale dalla pioggia piuttosto che dall’acqua del rubinetto ricca di calcare.

Se hai a disposizione solo acqua di calce, lascia riposare una notte intera e poi applica le parti più in alto. Dal resto, per goderti un albero frondoso, che ti darà una deliziosa ombra e con fiori per decorare.

Forse ti interessano anche:
  • Potare una Jacaranda: [Importanza, Tempo, Strumenti, Considerazioni e Passaggi]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.