Suggerimenti

Semina Cavolfiore: [12 Passaggi] + Guida Completa

I benefici per la salute del cavolfiore , come i broccoli , sono incredibili .

Mangiare  cavolfiori biologici È una delle cose migliori che puoi fare al tuo corpo.

Se sei arrivato fin qui, forse ti interessa seminarli .

Bene sono contento. Perché sei arrivato nel posto giusto . Leggi questa breve guida ( 5 minuti massimo ) e applica i passaggi.

In un paio di mesi avrai  cavolfiori spettacolari sulla vostra tavola , pronto da mangiare e nostrano.

   

Seminare i cavolfiori passo dopo passo:
  • Quando? Durante l’anno.
  • Dove? Aria fresca. Con sole diretto per circa 6 ore al giorno.
  • Tempo di raccolta? Tra 40 e 180 giorni a seconda della varietà. Cioè, un mese o sei mesi.
  • Come prepariamo il terreno? pH neutro, tra 6,5 ​​e 7. Terreno ricco di sostanze nutritive .
  • Come paghiamo? Alto contenuto di sostanza organica e humus di lombrico . Ben scomposto e mescolato.
  • Come innaffiamo? Ideale, con gocciolatoio.
  • Quanto spesso annaffiamo? All’inizio tutti i giorni. Quando i cavolfiori sono cresciuti a giorni alterni a seconda del calore.
  • Come seminiamo? 1 cm di profondità. Lasciando una distanza di 45-90 cm (a seconda del raccolto).
  • Come raccogliamo? La Pella deve essere alta almeno 15 cm. Tagliamo il gambo, lasciando le foglie attaccate al pellet.
  • Buone associazioni? Patate , lenticchie e cipolla . Menta e rosmarino , il nasturzio prevengono malattie e parassiti.
  • Associazioni sbagliate? Cavoletti di Bruxelles, broccoli e ravanelli .
  • Quali malattie e parassiti hanno? Cavolo cappuccio, cavolo mosca, cimici dei letti, ernia cavolo e piede nero.

 

L cavolfiore uno dei tipi di cavolo  più dietetici sani . Spesso trascurato dal suo cugino più popolare, i broccoli, il cavolfiore è ugualmente ricco di importanti nutrienti come vitamine, minerali, antiossidanti e altre sostanze fitochimiche.

E sebbene il suo sapore sia diverso , è l’ingrediente ideale per un pasto delizioso e altamente nutriente.

Scoprirete anche che è un ortaggio abbastanza versatile , visto che può essere servito gratinato con del formaggio oltre che in un buon brodo vegetale;  Può essere macinato in hamburger o immerso nella salsa di bufala in alternativa alle ali di pollo piccanti.

E la cosa migliore è che è composto per l’85% di acqua , è privo di grassi e fornisce una grande quantità di sostanze nutritive , tra le quali possiamo citare: fibre, ferro , calcio, potassio , fosforo , acido folico, magnesio e vitamine del gruppo B, C, E e K.

C’è un’ampia varietà di ricette e modi per servirlo. Ti assicuriamo che una volta che lo avrai incluso nella tua dieta e avrai notato i suoi benefici, non lo cambierai per nulla.

Che sia nella tua casa di campagna o nel tuo orto urbano , dopo questa guida seminare i cavolfiori sarà molto più semplice. 

Lo sapevate:
La testa del cavolfiore è in realtà un fiore non sviluppato e se non fosse protetto da foglie spesse per la maggior parte della sua vita, la luce del sole stimolerebbe la produzione di clorofilla e diventerebbe immangiabile.

 

Caratteristiche del cavolfiore

Il cavolfiore è una varietà della specie Brassica oleracea , del gruppo Botrytis, ed è imparentato con altre crucifere come broccoli, cavoli e cavoletti di Bruxelles .

È originario delle coste meridionali e occidentali dell’Europa e la sua coltivazione è abbastanza tollerante ai terreni con un alto contenuto di sale e gesso.

Sebbene in condizioni avverse abbia pochissima tolleranza alla competizione con altre piante e specie, poiché tolgono i nutrienti necessari per il suo sviluppo.

È una pianta annuale, questo significa che puoi coltivare cavolfiori tutto l’anno . Si consiglia comunque di evitare che la fioritura coincida con il periodo più caldo , anche se più fresco.

Nel nell’emisfero settentrionale , è al suo meglio tra i mesi di settembre e gennaio.

È simile al broccolo , con la differenza che la sua testa o “pella” è bianca ed è anche l’unica parte commestibile. È circondato da foglie verdi che lo proteggono dai raggi solari.

 Può raggiungere i 30 cm di diametro e pesare più di 2 kg. 

Oltre al cavolfiore bianco , esistono altri tipi di cavolfiore, come il cavolfiore verde e viola , meno comuni ma con più antiossidanti. Ci sono cavolfiori con pellet sferici, bombati, conici e appiattiti.

 

Il cavolfiore verde romanesca , ad esempio, è un ibrido di broccolo e cavolfiore e il suo pellet cresce sotto forma di frattali.

In base al loro ciclo di crescita, le varietà di cavolfiore possono essere suddivise in:

Varietà di cavolfiore
  • Varietà a ciclo breve e raccolta in estate-autunno : impiegano dai 45 ai 90 giorni per completare il loro ciclo . Tra questi ci sono la varietà Fremont e Bola de Nieve. 
  • Varietà a ciclo medio e raccolta autunno-invernale : impiegano dai tre ai quattro mesi per completare il loro ciclo . Il suo pellet è solitamente più compatto rispetto alle varietà a ciclo breve. Alcune varietà sono la francese Primus, l’olandese Durato e la Canberra , dall’Australia. Abbiamo anche trovato il Cavolfiore Grande di Natale.
  • Infine troviamo le varietà a ciclo lungo , con raccolta tra metà inverno e inizio primavera .   Questi impiegano dai 4 ai 6 mesi per essere raccolti e sono molto resistenti al freddo . Per citarne alcuni, troviamo il cavolfiore della Quaresima, il cavolfiore di San José, il cavolfiore metropolitano e l’Ebro.

Essendo piante da stagione fredda , prosperano meglio nei climi dove la temperatura media è di 15°C. E sebbene la sua coltivazione sia relativamente semplice, richiede una meticolosa manutenzione per ottenere un buon prodotto. 

Condizioni necessarie per la coltivazione del cavolfiore

Per seminare il cavolfiore dobbiamo prestare attenzione ai seguenti requisiti:

Irrigazione

Richiede umidità e irrigazione costanti . Il terreno va annaffiato, evitando pozzanghere e facendo molta attenzione a non toccare le foglie per non generare muffe.

Alcuni consigli sull’irrigazione

 Quando crescono, l’ideale è annaffiarle da una a due volte al giorno. 

Fare attenzione a non bagnare i pellet . Per favorire l’ irrigazione può essere installato un impianto di irrigazione a goccia .

Se pianti in un luogo con piogge frequenti , potresti aver bisogno di annaffiarle solo poche volte a settimana.

Assicurati che il terreno abbia un buon drenaggio . Le inondazioni e le pozzanghere possono causare il soffocamento delle radici e interrompere lo sviluppo del cavolfiore .

 

Una buona idea per facilitare il corretto drenaggio dell’acqua è il pacciame con pacciame o foglie di consolida maggiore.

Lo sapevate:
Puoi aggiungere una patata o una mela durante la cottura, per ridurre l’intensità del suo forte aroma.

Nutrienti

Il cavolfiore è piuttosto esigente in termini di nutrienti di cui necessita per il suo sviluppo.

Se non riceve la quantità necessaria, la sua crescita sarà incoerente , il che farà sì che il prodotto abbia un sapore e una consistenza sgradevoli .

Oltre a richiedere una grande quantità di nutrienti , è anche necessario che il terreno abbia un pH neutro, compreso tra 6,5 ​​e 7,0.

Raccomandazioni nutrizionali

Si consiglia di misurare il pH del terreno e aggiungere i diversi nutrienti necessari per regolarne l’acidità.

Altrimenti, le tue piante possono contrarre la malattia nota come ernia di cavolfiore.

Potassio, fosforo e azoto sono nutrienti vitali per lo sviluppo del cavolfiore . Se si considera che il terreno è povero in uno dei tre , sarà necessario aggiungere fertilizzanti per arricchirlo .

 Anche la luce del sole è essenziale. Si consiglia di seminare il cavolfiore in un luogo dove sarà esposto per almeno 6 ore al sole. 

substrato 

Infine, la coltivazione efficace del cavolfiore richiede terreni soffici, ben concimati, freschi e con umidità regolare.

È importante considerare che il cavolfiore si adatta meglio ai terreni neutri e non sopporta i terreni calcarei.

Per mantenere il terreno ben nutrito, si consiglia una buona composizione di torba e humus di lombrico , che aiuterà a massimizzare i nutrienti e a migliorarne l’utilizzo.

Suggerimenti sul substrato

Assicurati che il tuo terreno abbia un alto contenuto di materia organica . Ciò migliora la capacità del terreno di trattenere l’umidità.

Inoltre, assicurati di avere il raccolto in una vasta area . Si consiglia di sottoporre le piante ad una distanza compresa tra circa 45 e 90 cm.

Il pacciame deve essere mantenuto durante tutto il processo di crescita , poiché aiuta a regolare la temperatura e l’umidità.

Prima di piantare i cavolfiori

I semi

I semi di cavolfiore sono rotondi, di colore grigiastro . Hanno un diametro approssimativo di 1 mm.

Il cavolfiore ha la reputazione di essere un po’ fragile . Quindi si consiglia di  metterlo in giardino come piantine invece di seminare i semi.

Temperatura

La temperatura ideale dovrebbe essere di 16ºC.

Occorre fare in modo che la sua fioritura non coincida con stagioni molto calde , né con ambienti inferiori a -7 ºC.

In generale, in luoghi con climi caldi, il cavolfiore va seminato in primavera e in luoghi con climi più freddi va seminato in autunno.

PH

Controlla il pH del terreno . L’intervallo dovrebbe essere compreso tra 6,5 e 7,0 per prevenire l’ernia del cavolfiore.

Il Compost

Richiede fertilizzanti ricchi di azoto, fosforo e potassio . Si consiglia anche una buona quantità di boro .

Se il cavolfiore non ha abbastanza boro , comincerà a diventare marrone e i suoi gambi inizieranno ad appassire.

Per contrastare l’assenza di boro, si consiglia di irrorare le foglie con una soluzione di acido borico .

La soluzione può essere preparata utilizzando 2 grammi di acido borico ogni 5 litri di acqua .

Questa procedura dovrebbe essere eseguita solo quando è realmente necessaria, poiché un eccesso di boro nel terreno può essere   dannoso.

Puoi anche utilizzare un estratto di alghe ogni due settimane fino alla scomparsa dei sintomi.

Per le colture future, puoi aggiungere boro al terreno mescolandolo con il compost o piantando colture di copertura di carruba o trifoglio.

Per mantenere il terreno ben nutrito si consiglia una buona composizione di torba e di lombrichi.

I fertilizzanti organici come l’ erba medica , la farina di semi di cotone e il letame sono abbastanza efficaci nell’arricchire il terreno.

Lo sapevate:
Salvador Dalí era così ossessionato dai cavolfiori che, in un’occasione, riempì una Rolls Royce di 500 kg. cavolfiore

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *