Suggerimenti

Mosca della carota (Psila rosae): [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è la mosca della carota?

La Psylla rosae o mosca della carota, è uno dei parassiti più terribili che attacca senza pietà le piantagioni di vari ortaggi e verdure, non solo le nutrienti carote.

Quando infetta piante giovani nega la possibilità di una crescita normale, ma è molto più letale quando gli attacchi si verificano in prossimità del periodo di raccolta, perché la pianta poi sviluppa un marciume secondario che danneggia la carota nel terreno e durante la conservazione.

Come con la falena della patata, le larve di questa mosca ripugnante entrano nei tuberi per scavare gallerie o gallerie, per nutrirsi, molto comodamente installate.

 Come la mosca degli ovopositi nel terreno, il danno maggiore sarà la responsabilità della larva, perché penetra nella radice per rubare substrati quando si fabbricano quelle gallerie che sono il miglior terreno di coltura in modo che in seguito avvenga il marciume dei rizomi .

Il peggio arriva dopo, grazie a queste ferite, entreranno altri agenti patogeni che provocano il marciume delle radici della pianta, provocando grandi danni che significheranno la rovina della piantagione, con la consueta perdita economica implicita quando gli insetti nocivi saranno diventati ingestibili.

Come possiamo identificarlo?

Questo insetto ha caratteristiche molto ben definite. Vediamo quali sono i più eccezionali.

  1. Le mosche adulte non superano i 4,5 mm di dimensione, con corpo nero, testa marrone o marrone, addome allungato e zampe gialle con ali iridescenti.
  2. Le larve hanno un aspetto bianco-giallastro ma lucido e sono lunghe circa 7-8 mm, caratterizzate dallo svernamento nel terreno quando sono pupe, fino a nascere in primavera .
  3. Sono in grado di deporre le uova non solo nel terreno, lo fanno anche nelle colture e rapidamente, tra 10-12 giorni le larve entreranno nelle radici fino a scavare gallerie che raggiungono la fine dei rizomi, impattandoli molto negativamente.
  4. Compaiono poi le ninfe, che vivono a malapena circa un mese per lasciare il posto ad esemplari adulti molto attenti, perché voraci.

Quando le larve iniziano a scavare nella parte inferiore della superficie della carota, si verifica una tipica colorazione bruno-ruggine, situazione che renderà la carota molto sgradevole, nel caso la pianta riesca a sopravvivere all’attacco.

Un’altra conseguenza è che le piante smettono di crescere e le carote assumeranno un aspetto bulboso che indica la gravità della materia, acquisendo importanti deformazioni che ne impediranno la successiva commercializzazione. 

Allo stesso modo il fogliame diventa avvizzito, scolorito, con un aspetto arrugginito difficilmente superabile, soprattutto in ambienti secchi, perché con i danni che subisce l’apparato radicale, l’acqua non scorre correttamente alla pianta.

Inoltre, gli attacchi di funghi e batteri sfruttano anche l’ambiente stantio, fino a quando la pianta si decompone e muore. 

Quali piante colpisce la mosca della carota?

Le mosche delle carote amano anche invadere altre verdure. Sedano, prezzemolo ed erbe aromatiche come aneto e finocchio spesso subiscono questa terribile infestazione.

Rovinano radici e fogliame delle colture orticole, anche se la loro preferita sarà sempre la carota, ma in realtà la mosca attirerà altri patogeni dannosi che sono la causa del marciume, Psylla rosae non è direttamente colpevole .

Come combattere la mosca della carota?

Esistono diversi meccanismi che funzionano per prevenire e impedire che le colture di carote vengano minate da questo potente parassita. Vediamo quali sono le pratiche più comuni ed efficaci in campo per combatterle con ottimi risultati.

Rotazione delle colture

Questa è una delle pratiche con il maggior onere di prevenzione, perché impedisce che le nuove colture vengano contaminate da parassiti precedenti.

È necessario seminare in uno spazio diverso, dove il terreno è stato preparato con il supporto di un aratro intensivo per dare ossigeno alla terra e un’efficace rimozione di insetti e uova o pupe nascoste nella terra.

Rimuovere le piante morte dead

Un’altra raccomandazione molto importante è quella di rimuovere rapidamente dal campo tutte le piante rovinate, appassite e infette, bruciando questi resti organici malati per prevenire la proliferazione dei parassiti. Una buona potatura profilattica sarà fondamentale per curare l’igiene e la salute del luogo di coltivazione.

Protezione in rete

Quando si coltivano le carote, vanno prese precauzioni anche nelle colture da campo e in vaso, coprendole con una rete o una rete per evitare che le mosche si attacchino al fogliame delle piante.

Questo tipo di protezione è particolarmente importante durante l’ autunno , perché l’attività della mosca e delle sue larve cresce in questo periodo, poiché la loro riproduzione si intensifica in questo periodo. 

Proteggere i semenzai o le piantine allo stesso modo sarà anche molto importante per evitare infestazioni di mosca della carota, perché sono molto attratte dall’odore e voleranno velocemente a deporre le uova nei depositi di semi .

Altri suggerimenti comportano le seguenti azioni:

  1. Piantare piante di aglio , intervallate, per spaventare le mosche.
  2. Anche piantare cipolle funziona , perché l’odore allontana le mosche di tutti i tipi.
  3. Un altro buon trucco è posizionare dei noccioli di caffè per allontanare questi fastidiosi insetti, poiché agiscono anche come repellenti.
  4. Il terreno deve essere aerato, non solo per guadagnare ossigeno ma per rimuovere i detriti vegetali ed eliminare gli insetti e i loro piccoli. 

Quali sono i migliori prodotti per eliminare le mosche delle carote?

Un modo per proteggere il raccolto di carote è trattare i semi con insetticidi che proteggeranno le piante per circa 6-8 settimane.

I più consigliati per questo caso sono il diazinon, in presentazioni denominate Basudin 10G o Diazinon 10 G, che vanno applicati nei solchi di semina. 

Questi insetticidi sono disponibili in formulazioni granulari. Anche la totale disinfezione del terreno con i seguenti prodotti dà ottimi risultati:

  • dicloropropene
  • Bromuro di metile.
  • Metam sodio

Altri insetticidi chimici utilizzati sono ossamil, piretridi e carbammati come il metomil, che aiutano a ridurre al minimo i gravi danni causati dalla mosca della carota alle colture orticole.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.