Suggerimenti

L’albero più antico del mondo: cos’è e quanti anni ha?

Qual è l’albero più antico del mondo?

L’albero più antico del pianeta, risale a circa 9.550 anni di vita, dall’era glaciale.

E ‘ il richiamo di abete solitario dalla Norvegia e fu battezzato con lo stesso nome il cane husky siberiano suo scopritore, “old tjikko” , in omaggio allo scienziato Leif Kullman , docente del dipartimento di ecologia e scienze ambientali dalla Università di Umea in Svezia .

   

Potrebbe interessarti anche: L’albero più alto del mondo.

La sua scoperta apre nuove domande sull’inizio e la durata del  chiamato era glaciale o era glaciale. 

Lo sapevate…
Prima di questa scoperta, si credeva che l’ albero più antico del pianeta fosse “Matusalemme”, situato in un luogo nascosto, non rivelato al pubblico, nel parco di antichi pini Methuselag Grove, nella California orientale, negli Stati Uniti, dove era ti tiene sotto conservazione.

Proprio per evitare che venisse distrutto come accadde con un altro esemplare molto longevo scoperto nello stesso parco, un altro pino del Colorado (specie longaeva) soprannominato Prometeo , che fu abbattuto per errore con la scure, quando Aveva 4.844 anni, nell’anno 1964. 

Quando uno studente di geologia di nome Donal R. Currey lo tagliò per errore per rimuovere uno strumento che era rimasto incastrato nel tronco prominente di questo longevo esemplare, un  triste epilogo che costrinse le autorità a emanare regolamenti di protezione speciale per le specie delle montagne del Nevada. 

 

“Matusalemme” risale a circa 4.848 anni. Questa specie chiamata Bristlecone  o Colorado Pine ha un potente orologio biologico che viene stimolato da condizioni meteorologiche avverse  e sopporta temperature molto basse, con gelate e in terre molto aride, sopra un’altitudine stimata di 11 mila piedi sul livello del mare.

Questi pini creano uno strato impenetrabile di resina sui loro tronchi privi di ogni fogliame e attorcigliati su se stessi, per proteggersi dalle intemperie , e quella caratteristica speciale li rende potenti e molto longevi.

A quale specie appartiene l’albero più antico del mondo?

L’abete rosso solitario è la pianta vivente più antica identificata finora sull’intero globo.

Appartiene alla stessa specie di pino che si usa per decorare le case , vestendolo con addobbi natalizi , nel periodo natalizio .

Lo sapevate…

Molti scienziati “puristi” non considerano l’abete rosso norvegese l’albero più antico del mondo a causa della sua capacità di clonarsi.

Capiscono un albero nel suo insieme, quindi considerano che l’ abete rosso non agisca come tale (tronco e radici separati).

Questi scienziati ritengono che l’albero più antico del mondo sia quello citato sopra: Matusalemme, in California. 

Questo perché Matusalemme non si rigenera come fa l’abete rosso solitario. È un albero tremendamente resistente a causa del tempo inclemente in cui si trova.

Questo fa sì che questo albero abbia rivestito la sua corteccia con una potente resina che lo protegge da insetti, funghi e altre malattie che possono colpirlo.

 

Quanti anni ha l’albero più vecchio del mondo?

Lo sapevate…
La cosa incredibile di questa antica specie di pino è che mette radici da circa 9.550 anni e la sua parte centrale, alta circa 4 metri, risale a circa 600 anni. Ciò si verifica perché ha la proprietà di rigenerarsi.

Dopo aver studiato l’ impronta di carbonio di questo esemplare unico, è stato stabilito che è cresciuto nelle ultime decine di anni a causa del cambiamento climatico , perché le temperature nelle foreste dove è stato mantenuto per milioni di anni, sono diventate più calde.

Ma le sue radici, incredibilmente, risalgono a quasi 10.000  anni e sono responsabile della produzione di più tronco e steli ogni volta,  raggiungendo così un  una specie di immortalità,  secondo l’indagine condotta presso l’Università di Umeå, in Svezia.

 

Il direttore di questa ricerca, il professore del dipartimento di ecologia della suddetta Università, Leif Kullman, ha spiegato questo fenomeno nel modo seguente , quando ha parlato al mondo di questa meravigliosa scoperta.

I fusti e il tronco dell’Abete hanno una durata di vita di circa 600 anni; ma non appena questi muoiono, ne emergono di nuovi dalle riserve radicali. Ecco perché l’albero ha un’aspettativa di vita molto lunga, aggiunge lo scienziato.

Dov’è?

 È stato scoperto nella provincia di Dalarna, in Svezia, a un’altitudine di 910 metri. 

I ricercatori del caso descrivono che nell’era glaciale, il livello del mare raggiungeva i 120 metri più in basso di oggi, gran parte del Mare del Nord come è noto oggi, proprio tra Inghilterra e Norvegia, un tempo erano estese foreste.

 

Quando è stato scoperto l’albero più antico del mondo?

 È stato scoperto nel 2004. 

Che caratteristiche ha?

Le antiche radici dell’Abete sono state datate con il supporto della cosiddetta tecnica del radiocarbonio (test del carbonio -14).

Con questo supporto, i ricercatori approfondiscono il comportamento dei primi alberi che hanno popolato l’area scandinava, dopo il disgelo glaciale.

Il “Vecchio Tjikko” , grazie all’azione dei venti e delle basse temperature , si è comportato come se fosse un bonsai , perché secondo le indagini del caso, il clima gelido e ghiacciato della tundra lo ha mantenuto come se fosse di un piccolo cespuglio.

Tuttavia, poiché il clima è migliorato e la temperatura aumenta e riscalda maggiormente il pianeta, l’abete rosso ha si è trasformato in un albero di così tanta resistenza che è stata in grado di far fronte con successo ai cambiamenti climatici per milioni di anni . Quando è stato trovato, era alto circa 4 metri.

 

Questo studio ha  anche permesso di trovare altri antichi arbusti la cui origine è tra i 5.000 e i 6.000 anni, le cui analisi forniscono dati sul comportamento e sugli effetti che hanno prodotto i cambiamenti climatici , che ovviamente potrebbero anche aver posto fine alla vita di migliaia di queste reliquie durante l’era glaciale.

Un’altra scoperta del team di Kullman indica che il bosco svedese è salito di circa 200 metri di altitudine nel secolo scorso, fenomeno che ha causato grandi cambiamenti al paesaggio di queste foreste. 

Alcune montagne basse che non avevano la tundra meno di cento anni fa sono ora completamente ricoperte da foreste, il che rende difficile per loro fungere da rifugio per le piante più vulnerabili, affermano i ricercatori dell’Università di Umeå.

 

Ed ovviamente,  la capacità distruttiva dell’intervento umano,  con attività come il disboscamento e la demolizione hanno anche influenzato la scomparsa di specie antiche

Sebbene i ricercatori assicurino che sia impossibile trovare alberi più vecchi di questa specie di pino, suggeriscono che i pini Huon , originari dell’isola australiana della Tasmania , potrebbero raggiungere una durata di vita che supera i 10.000 anni fa.

Questo albero è “immortale” ?

La capacità dell’abete rosso solitario è di clonarsi o rigenerarsi. 

Come abbiamo accennato, il tronco principale “solo” è in grado di vivere diverse centinaia di anni . Quando muore, le radici dell’albero riescono a clonarlo e in questo modo germoglia un altro tronco.

È un essere vivente immortale?

Difficile rispondere a questa domanda.

Gli scienziati non credono che sia immortale come conosciamo questo concetto, sebbene sia senza dubbio l’essere vivente che può adattarsi meglio a questa definizione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *