Suggerimenti

Potare una prugna: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

La potatura del susino è una delle principali attenzioni che dobbiamo prendere se cerchiamo un albero sano e carico di frutti.

La sua esecuzione partirà dalle condizioni di ciascun albero ma assumendo che tutti abbiano esigenze più o meno simili.

Ad esempio, un buon flusso di aria e luce è essenziale per la salute generale e questo si ottiene facilmente rimuovendo alcuni rami.

Va notato che è un compito che deve essere ben pianificato perché un errore potrebbe essere dannoso. Quindi abbiamo fatto i compiti e ti forniamo tutti i punti che devi tenere in considerazione se vuoi avanzare in sicurezza in questa materia.

Perché potare la prugna?

La potatura del susino risponderà a diversi motivi: salute, produzione e morfologia. Nel caso della salute, l’idea è quella di eliminare le parti che sono in cattive condizioni all’interno della sua struttura. 

È necessario migliorare l’aerazione e il passaggio della luce, che riduce le possibilità di malattie o parassiti. Quest’ultimo vantaggio è abbinato ad un aspetto della produttività, perché la luce fa progredire anche il processo di fotosintesi in modo più efficiente e quindi l’albero genererà più rami e frutti migliori.

Infatti, la presenza della giusta quantità di rami, stimola che i nutrienti si concentrino nelle zone più produttive e i frutti siano di qualità superiore. Ciò significa anche che i processi di nutrizione esterna, come le fertilizzazioni, saranno utilizzati meglio.

Nel caso della morfologia, la potatura aiuta l’albero ad avere un aspetto migliore. Infine, rende più facile controllare l’altezza e la raccolta dei frutti nel momento in cui vengono dati.

Quando è meglio eseguire la potatura delle prugne?

La cosa migliore da fare quando si pota un albero da frutto come il susino è attendere il ciclo di pausa vegetativa che avviene nel tardo autunno .

L’idea è di assicurare che l’albero abbia pochissimo lavoro interno per sostenersi e quindi si concentri solo sulla guarigione delle ferite.

Questa è la potatura che è considerata la più aggressiva perché la pianta guarirà le sue ferite e tornerà al suo processo di crescita la prossima primavera. In alcuni casi è necessario eseguire una potatura durante il tempo in cui l’albero è in piena attività produttiva.

Si tratta di una potatura solitamente morbida e che ha lo scopo di eliminare alcuni rami molto particolari che stanno causando problemi per una buona produzione.

Quali strumenti dobbiamo usare per potare le prugne?

La potatura verrà effettuata con grosse forbici da giardino e sega a mano nei casi in cui l’albero sia già adulto e abbia rami molto fitti.

 

Ciascuno di questi strumenti deve essere ben disinfettato e il processo deve essere ripetuto con ogni pianta che verrà utilizzata. Un altro punto importante è utilizzare l’attrezzatura di sicurezza appropriata, come guanti e occhiali.

 

Quali considerazioni dobbiamo tenere in considerazione quando potiamo le prugne?

Definire l’obiettivo della potatura è la considerazione principale che deve essere presa per garantire che tutto vada come dovrebbe.

Dopo questo, sarà conveniente valutare l’intera struttura dell’albero per sapere quale percorso seguire rispetto all’obiettivo che hai definito all’inizio.

Come potare i susini senza danneggiare l’albero?

Per potare i susini, devi stabilire l’obiettivo che speri di raggiungere in base all’età e alle condizioni degli stessi.

Potatura di formazione

È quello che viene fatto quando l’albero è giovane e inizia appena il suo ciclo di crescita . Si tratta di una potatura che viene effettuata nel tardo autunno.

Qui sarà necessario definire l’altezza del ramo principale in base a ciò che si è disposti ad occupare il sito in cui è piantato.

Il taglio deve essere obliquo, non dritto, su una gemma ed è fondamentale applicare un agente cicatrizzante per favorire un miglioramento più rapido.

I rami secondari saranno potati a metà della loro lunghezza in questa prima fase. Poi dovrai dare forma all’albero per mezzo dei rami secondari che ritieni più forti.

È importante in queste potature assicurarsi di eliminare i germogli e i rami che sono deboli o che già mostrano che non contribuiranno a nulla.

Potatura di produzione

È una potatura che cerca di migliorare le condizioni dell’albero in modo che sia in grado di produrre più frutti. Si effettua appena terminata la produzione, cioè in verde durante le giornate estive .

Il primo passo sarà eliminare tutte le parti che non svolgono alcuna funzione all’interno della struttura come rami secchi, polloni e germogli.

Bisogna valutare se ha un buon flusso di luce verso l’interno e, in caso contrario, potare alcuni rami per chiarire. Successivamente, parti di alcuni rami possono essere tagliati per consentire loro di formare una nuova struttura più produttiva.

Con questi passaggi, il tuo susino sarà sempre nelle migliori condizioni e sarai felice di consumare i suoi deliziosi frutti.

Forse ti interessano anche:
  • Malattie della prugna: [Tipi e come combatterli]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.