Suggerimenti

Insetti bianchi sulle piante: cosa sono e come eliminarli

Ciao agrohuerters! Nell’articolo di oggi parleremo degli insetti bianchi che possiamo trovare sulle nostre piante. La scorsa settimana abbiamo imparato a identificare le principali creature verdi che potremmo trovare nel giardino. Oggi cambiamo colore, e ci dedicheremo ad osservare gli insetti bianchi più importanti.

MOSCA BIANCA

Le mosche bianche , nonostante il loro nome, non sono mosche . Sono una famiglia ( Aleyrodidae ) appartenente agli insetti omotteri. Ci sono più di 1.500 specie e misurano solo pochi millimetri. Si nutrono del floema e si trovano generalmente nella parte inferiore . Alcune specie producono una grande quantità di cera o polvere bianca che ricopre i loro corpi e funge da protezione. In generale, le mosche bianche non sono specie polifaghe.

Danno della mosca bianca

Ciò che piace di più a queste piccole creature bianche sono pomodori, cavoli e cucurbitacee come zucca, zucchine o cetriolo. Amano l’umidità e le alte temperature, che lo rendono un parassita frequente in primavera e in estate (e molto pericoloso nelle serre).

I principali danni che provocano alle colture sono:

  • Estrazione della linfa dalla pianta. Le foglie mordono e si scoloriscono. I primi sintomi sono macchie gialle e alla fine si seccano.
  • Danno meccanico
  • Come gli afidi, producono melassa. Questo provoca altri problemi come la comparsa di formiche che si nutrono di questa sostanza zuccherina o la comparsa di  audaci, riducendo la superficie fogliare fotosintetica.
  • Favoriscono l’ingresso di agenti patogeni
  • Alcune specie sono vettori di malattie

Controllo della mosca bianca

Il miglior metodo di controllo , come abbiamo detto in altre occasioni, è la PREVENZIONE . Pertanto, è importante controllare di tanto in tanto la parte inferiore delle foglie per agire il prima possibile.

Esistono vari metodi di controllo della mosca bianca  come trappole cromatiche, predatori naturali, infuso di assenzio, aglio, ecc. Ecco una foto di uno dei principali nemici naturali della mosca bianca che può aiutarci in giardino:  Macrolophus pygmaeus.

WOODLOUSE

Le cocciniglie appartengono all’ordine Hemiptera (Superfamiglia Coccoidea ). Questi insetti variano notevolmente nell’aspetto e nel colore. Possiamo trovare da organismi molto piccoli (1-2 mm) con coperture cerose, a palline lucide di circa 5 mm e ricoperte di cera mielata. Nonostante ciò, sono molto facili da identificare.

I maschi non si nutrono di piante e hanno le ali. Al contrario,  le femmine (che sono ciò che vediamo nelle nostre colture) sono larve, sono prive di ali e sono attaccate permanentemente alle piante che parassitano .

A volte, alcune specie vengono utilizzate nell’industria per ottenere coloranti, lacche o cere.

Danno da cocciniglia

Colpiscono sia piante da interno che da esterno: rosmarino, origano, arancia, banana, oleandro, geranio, vite, ecc. Il danno causato è simile a quello della mosca bianca. Evidenziando l’iniezione di sostanze che causano scolorimento, deformazione e persino galle.

Controllo della cocciniglia

Se le piante non fioriscono più, iniziano a diventare giallastre e si seccano… (qualcosa non va). Il prossimo passo sarà guardare sotto le foglie e tra gli steli troveremo le cocciniglie.

Esistono diversi predatori naturali e parassitoidi di cocciniglie come Criptolaemus montouzieri, Anagyrus pseudococci o Leptomastix algirica. Inoltre, possiamo applicare trappole cromatiche o prodotti ecologici come sapone di potassio o olio di neem.

In questo post ci sono maggiori informazioni su come eliminare l’infestazione da cocciniglia cotonosa .

ACARO BIANCO

L’ acaro bianco , detto anche ragno bianco , è una specie di aracnide (ricordo che gli acari non sono insetti ). Si sviluppa in zone umide e basse temperature. È comune che compaia non solo all’aperto ma anche nei frutteti o nelle colture che vengono effettuate all’interno della nostra casa.

Negli articoli precedenti abbiamo già parlato del danno e del controllo dell’acaro bianco

ALTRI BUG BIANCHI

Gli esseri più bianchi in natura: Cyphochilus

Successivamente, vi presento un piccolo bug molto particolare . Si dice che non ci sia nulla al mondo che superi il candore di questo coleottero . Cyphochilus raggiunge la sua straordinaria colorazione grazie alla geometria di una rete molto densa e complessa di molecole di chitina.

Silvia Vignolini afferma che abbiamo imparato due cose grazie a questi coleotteri:

Sappiamo come migliorare la dispersione in una struttura variandone la geometria. D’altra parte, abbiamo scoperto che non è necessario aggiungere particelle sbiancanti nella vernice per ottenere un rivestimento ultra-bianco.

Non è un parassita importante per le nostre colture ma dovevo presentarvelo…

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.