Suggerimenti

Come coltivare i fagioli in giardino: quando seminare e raccogliere?

Ciao a tutti agrohuerter! Nell’articolo di oggi impareremo come coltivare i fagioli nei nostri giardini. Vedremo come preparare il terreno, quando seminare, di che cure ha bisogno e, infine, quando raccogliere.

CARATTERISTICHE DEI FAGIOLI

Nel mondo scientifico è conosciuta come Vicia faba. Appartiene alla famiglia delle fabaceae (dette anche legumi) come soia, lenticchie, erba medica, … Il fagiolo è una pianta erbacea rampicante (i fusti si aggrovigliano) e annuale. Questa specie è coltivata in tutto il mondo grazie ai suoi semi, utilizzati negli alimenti. Gli esperti di nutrizione affermano che è ricco di ferro e vitamina C.

Sono piante ermafrodite, cioè capaci di autoimpollinarsi. Una volta impollinato si ottiene il frutto che presenta un baccello allungato all’interno del quale si trovano i semi (tra 2 e 9). Questi semi hanno la capacità di germinare tra 4 e 6 anni dopo.

Dobbiamo evidenziare la radice di questa pianta, poiché di solito ha una lunghezza pari al gambo. Come altri legumi, nelle radici possiamo trovare una sorta di noduli (vedi immagine sotto) per la loro capacità di fissare l’azoto nel terreno. Di tutto l’azoto che sono in grado di fissare, ne utilizzano l’80% per la pianta stessa e il restante 20% per migliorare la fertilità del suolo. Questi noduli non devono essere confusi con quelli causati dai nematodi radicali .

PASSAGGI DA SEGUIRE PER COLTIVARE I FAGIOLI IN GIARDINO

1. PREPARAZIONE DEL TERRENO E SEMINA

Terminate le coltivazioni estive è tempo di pensare ai fagioli. Inizieremo a preparare il terreno per poter seminare in autunno . Se è la prima volta che pianteremo fagioli, dovremo acquistare i semi (importante che siano privi di malattie!). Nelle successive occasioni potremo ottenere i nostri semi come spiegheremo più avanti.

Per la preparazione del terreno si consiglia di stendere uno strato di letame e coprirlo. In questo modo faremo piccoli filari fino ad avere il nostro terrazzo o giardino pronto per la semina.

È importante mettere a bagno i fagioli il giorno prima, questa pratica favorirà la loro successiva germinazione. Si consiglia di seminare (semina diretta) ad una distanza di circa 25 centimetri tra un seme e l’altro. In ogni buchettino metteremo 2 semi a, in questo modo faremo in modo che almeno uno di essi esca avanti. Successivamente copriremo i fori e applicheremo una buona irrigazione. È importante che il terreno abbia un buon drenaggio!

2. CURA DI CUI DOBBIAMO TENERE IN CONTO

  • Non necessitano di fertilizzazione.
  • In primavera sarà quando i nostri fagioli cresceranno più velocemente. Pertanto, una delle cure più importanti verrà effettuata alla fine dell’inverno e consiste nell’aerare il terreno in modo che le radici si sviluppino meglio.
  • A volte, il terreno può essere imbottito per mantenerlo con più umidità.
  • Se ci troviamo in un luogo ventoso, è conveniente realizzare un sistema di ritenuta.

3. IRRIGAZIONE E TRATTAMENTI

L’irrigazione è moderata, non necessita di acqua eccessiva. Se gli autunni e gli inverni sono piovosi, potrebbe non essere nemmeno necessario annaffiare.

4. RACCOLTA

I fagioli si raccolgono a metà  primavera, a  seconda di quando sono stati piantati. Si consiglia di raccogliere i fagioli appena prima che siano maturi per renderli più teneri. È importante ottenere i nostri semi di fave per la stagione successiva.

In questo modo, faremo in modo che siano privi di malattie e risparmieremo denaro non dovendoli acquistare. Essendo una pianta annuale, con i resti possiamo fare il compostaggio domestico .

PARASSITI E MALATTIE DEL FAGIOLO

Tra pochi giorni parleremo delle principali piaghe e malattie delle fave . Vale la pena evidenziare l’afide, come il parassita più comune e la malattia della muffa.

I FAGIOLI POSSONO ESSERE ASSOCIATI AD ALTRE COLTURE?

  • Si consiglia di coltivare fagioli con: fagioli, patate e cavoli.
  • Le colture con cui non dovrebbero essere coltivati ​​i fagioli: piselli e aglio.

Per oggi è tutto, spero che l’articolo ti sia piaciuto e che tu stia iniziando a coltivare i tuoi fagioli in giardino. Puoi raccontarci le tue esperienze nei commenti. Ci vediamo al prossimo articolo!

Buona giornata

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.