Suggerimenti

Un giardino tradizionale: visitare LA HUERTA DE JOSÉ

Buongiorno a tutti e benvenuti in questo articolo su un giardino tradizionale così speciale per me. Oggi devo parlare del “mio padrino” di Huerta José e della master class sulla gestione del giardino che mi ha dato nel marzo 2014.

José è un contadino naturale di La Pueblanueva e sin da quando ero piccolo ricordo di essere tornato a casa con vere montagne di pomodori che sapevano di pomodori (vale la pena), cipolle come pugni, zucchine come braccia, ecc. Che ha finito per essere trasformato in squisiti gazpacho e conserve. Quindi, quando ho iniziato con il mio giardino, non ho esitato un attimo a chiamarlo per spiegargli un po’ di tutto, da dove cominciare, cosa piantare, cosa fare, ecc. Dato che è un vero decano del settore, producendo da molti anni prodotti sani di altissima qualità.

Il giardino tradizionale di José

Quando gli ho detto che stavo per iniziare con un frutteto, il mio caro padrino non ha impiegato un secondo ad incontrarmi a casa sua per avvicinarmi al suo giardino e così abbiamo intrapreso, nel suo mitico C15, il viaggio ai prati del fiume Tago , terre bagnate dall’acqua del bacino di Castrejón a circa 20 minuti dalla mia città.

Quei frutteti sono un altro rotolo totalmente diverso da quello che sei abituato a vedere su questo sito. Non ci sono terrazze rialzate , graffiti o qualsiasi cosa che dia al giardino quell’atmosfera da guardiano urbano che è ciò che viene portato ora. L’orto di José è composto da un capannone per attrezzi e sementi e da un appezzamento di terreno suddiviso in più appezzamenti in base alla canalizzazione dell’acqua (le colture che necessitano di più acqua sono più vicine alla roggia) e alla rotazione delle colture prodotta dall’orticoltore stesso (circa 1/3 del terreno rimane a maggese per un anno mentre il resto dell’orto è in produzione).

Il terreno è leggermente inclinato per favorire l’irrigazione, che in questo caso non è a goccia come siete abituati a vedere poiché la vasta estensione renderebbe impossibile questo tipo di installazione. L’irrigazione del frutteto avviene per solchi , questo significa che intorno alle colture c’è una depressione attraverso la quale circola l’acqua e quindi quando José aprirà il cancello del canale vicino alla sua terra, l’acqua circola liberamente attraverso quei canali fino a inzupparsi attraverso Completo il profilo del suolo. Queste irrigazioni sono molto controllate in estate, ci sono turni per gli agricoltori della zona di irrigare in momenti diversi e quindi fanno un uso responsabile dell’acqua del canale (l’irrigazione del solco è meno efficientedi un contagocce quando si tratta di risparmiare acqua , ma può essere una pratica non dispendiosa se eseguita correttamente ).

Controllo di parassiti e malattie nell’orto tradizionale

Anche il controllo biologico dell’orto è totalmente diverso da quello che può essere effettuato in un orto urbano . Questi orticoltori rurali non si complicano la vita per porre fine a una pestilenza o a una malattia, potrei dire che la loro filosofia si inserisce perfettamente nel: “Prevenire è meglio che curare” e quindi curano il terreno intorno alla coltura con erbicidi per prevenire la comparsa di cattive malattie germogliare erbe e pesticidi il raccolto stesso per prevenire la comparsa di pidocchi , mosche ecc…

Curare l’orto con prodotti chimici non è né meglio né peggio, rendetevi conto che in una vasta area che non è suddivisa in terrazzamenti rialzati e non ci sono strade tra le colture, è più difficile pianificare una difesa ecologica , piantando piante aromatiche, cespugli di rose , polimerizzazione con sapone di potassio ecc… Ed è più semplice (e forse meno rischioso) diluire un tappo di prodotto in uno zaino dosatore e andare in giro a stagionare il terreno.

Se vuoi saperne di più sulle differenze tra un orto urbano e uno tradizionale, ecco il primo resoconto sul giardino di José:

A parte le differenze di gestione , vale la pena visitare un orto in una comunità rurale perché i suoi membri sono persone semplici e amichevoli che conoscono perfettamente le date di semina di ogni coltura, la sua gestione e una moltitudine di trucchi e detti affinché tu possa avere il migliori risultati. I giardini nelle città sono molto buoni, ma senza offendere nessuno, non hanno la conoscenza dei giardini che queste persone possono avere, dal momento che sono stati lì per tutta la vita e sanno tutto nei minimi dettagli.

Ho visitato il suo giardino il 31 maggio 2014 e sono rimasto molto sorpreso che ci fossero già molte zucchine e pomodori quando io, ad esempio, non avevo nemmeno iniziato il semenzaio. Durante la consueta passeggiata mi ha mostrato tutte le colture insieme ai datteri di semina più consigliati per piantarle e mi ha dato tanti consigli affinché tutto fosse perfetto.

Se vuoi vedere il giardino in tutto il suo splendore hai il secondo resoconto:

Poco di più, per dirvi che José ne capisce molto anche di alberi, il suo appezzamento era pieno di alberi da frutto come peri o susini, molti dei quali aveva innestato con diverse tecniche per aumentarne la produzione o evitare qualsiasi pestilenza . La verità è che ha attirato la mia attenzione e forse un giorno ti racconterò di più sull’arboricoltura e l’innesto.

Saluti e non smettere di goderti i tradizionali frutteti della città.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *