Suggerimenti

Coltivazione delle pesche: la guida completa alla coltivazione, alla cura e alla raccolta delle pesche

Mordere una pesca matura è un’esperienza. La radiosa morbidezza della carne e l’amaro della pelle sono imbattibili, soprattutto se ne trovate uno fresco di albero. Ecco perché coltivare pesche è così gratificante. È uno di quei frutti che la versione da supermercato non può replicare.

Purtroppo, se si vive in un clima freddo come il mio, è difficile trovare pesche perfette, anche in stagione. Ma se pensate di essere bloccati con le pesche di cartone per sempre perché vivete in un clima freddo, ripensateci. Le pesche non sono adatte solo a crescere nei caldi climi meridionali. Infatti, è possibile coltivare questo delizioso frutto a nocciolo in regioni fredde come il 4 e il 5.

È vero che le pesche tendono a crescere nelle regioni calde. Non per niente lo Stato della Georgia è associato a questo frutto arancione. Le pesche crescono in climi caldi e in pieno sole. Sono anche spesso sensibili agli scatti di freddo. La nostra guida alla coltivazione spiega come coltivare e curare le pesche, e comprende una sezione sulle diverse varietà di alberi da frutto e sulle tipologie più adatte ai climi freddi.


Varietà di pesche

Come per ogni albero da frutto, è fondamentale scegliere una varietà adatta alla propria regione e al proprio clima. Quando si tratta di pesche, la scelta di una pesca per la vostra regione dipende dal numero di ore di freddo che richiede (spiegato nella sezione “Pesche in crescita”).

La scelta di una varietà di albero resistente è essenziale se si prevede di piantare un pesco in un luogo dove gli inverni sono rigidi, ma per mantenere vivo il vostro albero, è anche necessario scegliere la giusta area di piantagione ed evitare di esporlo a temperature che cambiano rapidamente. Mantenere in vita un pesco è più difficile nei climi freddi, ma è possibile. Se decidete di sperimentare, prendete del materiale solido da un vivaio rispettabile e chiedete loro consigli sulla sua coltivazione.


Categorie di pesca

Le pesche sono classificate in diverse categorie di pietra: pietra appiccicosa, pietra sciolta o pietra semi-libera. Questa denominazione si riferisce al rapporto tra la polpa e il nocciolo del frutto.

Clingstone : È più difficile separare la carne dal nocciolo di questi tipi di pesche. Bisogna mangiare le pesche con la fossa fresca.

Freestone : con questi tipi di pesche si può facilmente rimuovere il nocciolo dalla carne. Sono ideali per cucinare.

Semi-freestone : Questo tipo di pesca è un ibrido versatile con un nucleo facilmente rimovibile. È ottimo da mangiare fresco e da usare nelle ricette.


Cold Hardy Varietie s

Le varietà di pesca adatte alla Zona 5 (e in alcuni casi alla Zona 4) comprendono

  • Canadian Harmony – Questa varietà produce grandi frutti gialli con polpa a nocciolo libero. Il frutto è perfetto per il congelamento e matura da metà agosto a fine mese.
  • Glohaven – Glohaven produce un frutto giallo, rossastro e soffice, con polpa e nocciolo liberi. Il frutto matura da inizio a metà agosto.
  • Fiducia – Questo tipo produce frutti dorati di medie dimensioni su un piccolo albero. I frutti sono pronti per metà luglio.
  • Contender – Il Contender è un albero resistente che produce frutti di medie e grandi dimensioni. È resistente alle malattie e matura a metà agosto.
  • Madison – Questa varietà ha polpa di colore giallo scuro e buccia di colore rosso vivo. È resistente, vigorosa e pronta per la raccolta a fine agosto.
  • Redhaven – Il frutto della pesca Redhaven è quasi senza pelucchi e incredibilmente delizioso. E’ resistente alle malattie e molto pesante.


Pesche nane

Se vedete la parola “compatto” davanti al nome di un albero da frutta, potete scommettere che è una specie di nano.

  • El Dorado – Questa varietà è compatta, con frutti di medie dimensioni che maturano all’inizio dell’estate.
  • Redwing – Redwing produce frutti con polpa bianca squisita e buccia giallo-rossastra.
  • Orange Cling – Come suggerisce il nome, si tratta di una pesca con la pelle rossa e dorata. È pronto per essere raccolto da metà a fine estate.
  • Halloween – Come suggerisce il nome, questa varietà nana è pronta per essere raccolta in autunno.
  • Redhaven – Come il suo fratello maggiore, Redhaven è resistente ai climi più freddi pur essendo compatta.


Varietà resistenti alle malattie

Se avete avuto esperienze di malattie nel vostro giardino, potreste voler considerare la scelta di una pesca resistente alle malattie.

  • Clayton – Clayton è resistente sia all’arricciamento delle foglie di pesca che alla macchia batterica.
  • Champion – Champion è una varietà a polpa bianca intensamente dolce. È resistente alle macchie di foglie.
  • Contender – Oltre a crescere in climi freddi, questa varietà è anche incredibilmente resistente alle malattie.
  • Elberta – Elberta è una varietà incredibilmente popolare che si presenta in varietà standard e nane. È resistente agli insetti e alle malattie.


Varietà di pesca ornamentale

I peschi non solo producono frutti gustosi, ma sono anche belli quando sono in fiore. Alcune varietà di pesche sono coltivate per il loro valore ornamentale. Sono alberi che vengono coltivati principalmente per i loro bei fiori, e il frutto è commestibile ma non altrettanto gustoso.

Le varietà includono la pesca rossa a doppio fiore, la pesca a cubetti di ghiaccio e la pesca alla menta.


Pesche in crescita


Aree di coltivazione

L’indurimento avviene quando le temperature sono di almeno 75°F. I peschi preferiscono le temperature calde durante la stagione della crescita e non vanno bene nelle estati fresche e umide. La maggior parte delle pesche cresce nelle zone da 5 a 9, ma si possono trovare alcune varietà che prosperano nella zona 4.


Vita

Una cosa da notare sulle pesche è che, a differenza di altri tipi di alberi da frutto, come le pere, non sono piante longeve. Anche se piantato in un luogo ideale e in circostanze ideali, un pesco non durerà per sempre. La maggior parte degli alberi durerà poco più di dieci o due anni prima di smettere di produrre.


Requisiti della luce solare

Si possono coltivare le pesche in ombra parziale, ma non produrranno tanta frutta come in pieno sole. Se volete un raccolto completo, piantate in pieno sole, con almeno 6 ore di luce diretta al giorno. Se non si possono usare tutte queste pesche, la soluzione può essere una sfumatura parziale.


Requisiti del suolo

Tenete il vostro pesco lontano dalle aree sommerse d’acqua per evitare il marciume delle radici. La zona in cui si pianta un pesco deve avere un terreno ben drenato con un pH di circa 6,0-7,0. Le pesche hanno bisogno di un terreno fertile e ben drenato, con l’aggiunta di molta materia organica ben drenata.


Impianto

Quando piantare il tuo nuovo pesco? Mettete la vostra pianta nel terreno all’inizio della primavera o a fine inverno, non appena il terreno può essere lavorato. Non dimenticate di annaffiare subito dopo la semina. Tuttavia, non concimate il vostro giovane pesco per evitare di stressare la pianta.

Durante il primo anno di crescita, rimuovere i fiori per reindirizzare l’uso di energia verso un sistema radicale sano. Fate lo stesso l’anno successivo. Un pesco sarà pronto per la raccolta nel suo terzo anno.


Impollinazione

Non c’è bisogno di diversi alberi di pesco per godersi la frutta. La maggior parte delle varietà sono autofertili, ma controllate la vostra varietà per esserne sicuri.


Crescita del contenitore

Vi chiedete se è possibile coltivare le pesche in contenitori? Certo che posso! Infatti, se siete maledetti dai rigidi inverni, potreste preferire di coltivare le vostre pesche in vaso e mettere le vostre piante in casa per evitare l’esposizione al gelo prolungato, che può uccidere le vostre pesche.

Scegliete le varietà nane appropriate per i contenitori, in modo che non superino il vostro spazio vitale. Avrete bisogno di un vaso grande per ospitare questo tipo di albero da frutto, di almeno 36 cm di diametro. Una volta arrivato l’inverno, i vostri alberi amanti del caldo hanno ancora bisogno di un periodo di ibernazione per dare frutti l’anno successivo, quindi conservateli in un luogo fresco come un garage.


Spaziatura

Gli alberi possono raggiungere un’altezza di 25 piedi, anche se le pesche nane sono molto più piccole e non superano i 10 piedi di altezza.

Se si prevede di piantare alberi di pesco, è necessario spaziare gli alberi di conseguenza. Gli alberi nani possono essere piantati più vicini, ma le varietà di dimensioni regolari devono essere piantate ad almeno 18 cm di distanza l’una dall’altra.


Raffreddamento

Per produrre frutta è necessario un periodo di ibernazione. Diverse varietà di pesche richiedono diverse “ore di freddo”. Il numero di ore di refrigerazione richieste dalle varietà di pavone varia notevolmente. Alcuni richiedono meno di 100 ore a temperature inferiori a 45°F, mentre altri richiedono più di 800 ore di refrigerazione.

E’ fondamentale scegliere un tipo di pesca che abbia ore fredde compatibili con il proprio clima. Troppe poche ore di freddo rovineranno le vostre possibilità di ottenere frutta.


Prendersi cura del proprio pesco

Come ti prendi cura della tua pesca mentre cresce? Continua a leggere per scoprirlo.


Irrigazione

Annaffiare frequentemente e regolarmente, soprattutto quando l’albero è ancora giovane. Evitare l’irrigazione eccessiva, che può portare a malattie. Pianificare l’irrigazione ogni 10-14 giorni durante i periodi caldi e asciutti.


Fecondazione

Alimentare un albero stabilito con un concime bilanciato durante la stagione di crescita. Dare ad un giovane albero 34 libbre di azoto una volta in primavera e di nuovo in estate. Dopo il terzo anno, dare agli alberi una libbra di azoto ogni anno. Evitare la concimazione quando il frutto è in piena crescita o un mese prima della prima gelata.


Dimensione

È essenziale potare le pesche ogni anno per evitare la crescita eccessiva e per favorire la fruttificazione e la resa. Potete potare il vostro pesco in qualsiasi momento, ma se avete molto da raccogliere, risparmiate il lavoro per la caduta. Sbarazzarsi sempre prima dei rami spezzati e morti, poi togliere le ventose dalla base dell’albero.

Sbarazzarsi anche dei rami deboli che non sono in grado di contenere il pesante insieme di frutti. Potare i rami troppo vicini tra loro per consentire la circolazione dell’aria ed evitare urti che possono lasciare spazio a malattie e infiltrazioni di parassiti.

Una potatura regolare e appropriata favorirà una crescita sana, la fruttificazione e contribuirà a mantenere la salute del vostro albero anno dopo anno. Una volta che il frutto è legato, è anche essenziale diradarlo all’inizio della stagione. L’eliminazione di alcune pesche giovani permetterà ad altri frutti di crescere di più.


Problemi e soluzioni relative alla pesca

Il pesco, che ama il calore, richiede molto amore e cura ed è sensibile a una moltitudine di parassiti. La cosa più importante è tenere d’occhio i vostri alberi per individuare i problemi non appena compaiono.

I parassiti che invadono i rami possono essere controllati eliminando rapidamente i rami infetti. I coleotteri e gli acari si staccano facilmente scuotendo l’albero e pulendo i detriti. Evitate di essere troppo rudi con i giovani alberi. Le malattie sono spesso un problema per gli alberi di pesco che crescono in climi più freschi e umidi. I parassiti trasmettono anche malattie che infettano gli alberi di pesco.


Punto di foglia batterica

Questa malattia è causata da un batterio che infetta frutta e foglie, causando lesioni nel frutto e fori di proiettile nelle foglie. Per evitarlo, scegliete una varietà resistente e assicuratevi che il vostro albero sia sano in modo che possa resistere a questa malattia.


Gallo della corona

La cistifellea della corona è causata da batteri, che causano la formazione di cistifellea nelle radici e nella parte inferiore del fusto dell’albero. Le branchie impediscono all’albero di ottenere le sostanze nutritive di cui ha bisogno. Evitare di danneggiare l’albero con la potatura o l’abbattimento ed evitare di distruggere gli alberi infetti.


Crosta di pesche

La ticchiolatura della pesca è causata da un fungo che attacca i piccoli frutti con macchie scure simili a lentiggini. Per evitare che ciò accada, tenere le pesche ben potate e applicare fungicidi ogni due settimane durante la stagione della fioritura.


Marciume marrone

Il marciume bruno è una delle peggiori malattie che possono colpire il raccolto di pesche, in quanto è comune e devastante. Fa marcire fiori e frutti e si diffonde facilmente.

Per controllare il marciume bruno, raccogliere e distruggere i frutti malati e spruzzare le piante con un fungicida ogni due settimane durante il periodo di fioritura.


Ruggine

La ruggine della pesca è causata da un fungo e si trova generalmente nei climi caldi, dove si diffonde nell’aria attraverso le spore. Mantenere gli alberi ben potati ed evitare di innaffiare troppo. È anche possibile utilizzare un fungicida per aiutare a controllare questa malattia.


Anello a foglia

Questo fungo attacca i frutti, i fiori e le foglie, facendo ingiallire le foglie infette e facendole cadere dall’albero. Se questa malattia diventa abbastanza grave, può ridurre significativamente i rendimenti. Applicare un buon fungicida prima che i germogli si rompano per controllarlo.


Marciume delle radici

Il marciume delle radici è una malattia fungina che attacca le pesche. Provoca un cancro alla radice dell’albero e può uccidere la pianta. Non può essere eliminata, quindi evitatela piantandola in un’area ben drenata e non inondare troppo. Sterilizzare gli strumenti tra un utilizzo e l’altro. Se l’albero è infetto, rimuovere il terreno alla base dell’albero per evitare che la malattia progredisca e spruzzare il tronco con un fungicida a base di rame.


Rotolo di foglie

Gli involtini di foglie sono piccoli bruchi che, come suggerisce il nome, arrotolano le foglie del vostro pesco per creare un piccolo rifugio. Potete raccogliere i parassiti dal vostro albero o usare un pesticida per controllarli

.


Tignola orientale della frutta

Tunnel di larve di falena orientale della frutta attraverso il fusto della pianta ed emergono vicino al foro. Usano trappole a feromoni per catturare le tarme prima di poter deporre le uova.


Afidi

Gli afidi attaccano praticamente ogni pianta del giardino, e le pesche non fanno eccezione. Saprete di averle se le foglie del vostro pesco si addensano, ingialliscono e cadono. Vedrete anche le pesche lasciate dai parassiti, che possono attirare le malattie.

Utilizzare uno spray a base di olio di neem per controllare gli afidi.

Perché il mio pesco non cresce ora che il tempo si è riscaldato?

Ciò significa che il vostro albero è morto o ancora dormiente. Se non ha ricevuto abbastanza ore di freddo durante l’inverno, o se l’inverno è stato anormalmente caldo, il vostro albero non sarà in grado di uscire dalla sua dormienza. Il marciume delle radici è un altro possibile colpevole nell’aspetto opaco del vostro albero.


Compagni per le pesche

I peschi sono buoni compagni per un certo numero di piante, tra cui

  • Basilico
  • Tansy
  • Southernwood
  • Aglio
  • Piselli
  • Fagioli
  • Trifoglio
  • Calendula
  • Camomilla
  • Consuelda

Non piantate le pesche con esso:

  • Mela
  • Mais
  • Patata dolce
  • Piselli di mucca
  • Patata
  • Pomodoro
  • Lampone


Raccolta delle pesche

I peschi sono pronti a produrre 3-4 anni dopo la semina. Il periodo del raccolto è a metà e a fine estate. I frutti appaiono di solito 3-5 mesi dopo l’inizio della fioritura e dell’impollinazione. È preferibile lasciare maturare i frutti sull’albero piuttosto che raccoglierli in anticipo. In questo modo il gusto sarà sempre superiore. Le pesche sono pronte per essere raccolte quando sono leggermente morbide al tatto e si staccano facilmente dal ramo.

Mangia le pesche velocemente dopo averle raccolte. Il loro sapore è migliore quando sono appena raccolti. Tenerli al fresco per una settimana. Utilizzare pesche a pietra libera per cucinare o inscatolare.

Se non avete mai provato a coltivare pesche prima d’ora, avete intenzione di aggiungerle al mix per la prossima stagione di coltivazione? Che tipo di varietà di pesca avete in mente? Fateci sapere nei commenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *