Suggerimenti

Domande e risposte sull’agricoltura biologica

L’agricoltura biologica si basa su coltivazioni che sfruttano le risorse naturali per, ad esempio, combattere i parassiti , mantenere o aumentare la fertilità del suolo, ecc., senza ricorrere a prodotti chimici di sintesi come fertilizzanti, pesticidi, antibiotici e simili, e nel non -Uso di organismi che sono stati geneticamente modificati , quelli transgenici . In questo modo si ottengono cibi più naturali, sani e nutrienti. Inoltre, aiuta a raggiungere una maggiore sostenibilità dell’ambiente causando il minimo impatto ambientale.

PRODUZIONE ECOLOGICA

Perché sorge?

Perché è ecologico?

Cosa ci porta la Produzione Ecologica?

Quali altri nomi riceve?

Perché la Produzione Ecologica rispetta l’ambiente?

Come si ottiene che la produzione agricola sia biologica?

E i prodotti trasformati?

È produttivo come altri sistemi di produzione agricola?

Agricoltura ecologica significa agricoltura tradizionale?

In che modo la produzione biologica contribuisce allo sviluppo rurale?

.

PRODOTTI ORGANICI

Che tipo di prodotti biologici ci sono in Spagna?

Come facciamo a sapere che un prodotto è ecologico?

I prodotti biologici sono salutari?

Sono di buona qualità?

Come sono fisicamente?

Possiamo ottenere una dieta equilibrata da prodotti biologici?

Sono più costosi?

Quali sono i principali motivi per cui si consuma cibo biologico?

Dove possiamo trovarli?

.

CONTROLLO DELLA PRODUZIONE BIOLOGICA

Chi esercita il controllo per certificare che un prodotto è biologico?

Quale sigillo contraddistingue i prodotti biologici?

Quali altri francobolli possiamo trovare?

Come viene effettuato il controllo?

Quali prodotti possono utilizzare l’indicazione Produzione Biologica?

Qual è il periodo di conversione alla produzione biologica?

Quali sono le principali disposizioni di legge che regolano questi prodotti?

.

PRESENTE E FUTURO DELLA PRODUZIONE BIOLOGICA

Quali sono le principali colture biologiche?

Quale percentuale suppone la Produzione Ecologica sulla produzione totale?

Quanti produttori e trasformatori di prodotti biologici abbiamo?

Come si è evoluta la Produzione Biologica negli ultimi anni?

E nel resto d’Europa, e nel Mondo?

Qual è la situazione dei consumi interni rispetto agli altri paesi europei?

La produzione biologica viene esportata in altri paesi?




Perché sorge?

Nasce dalla preoccupazione, sempre più presente nella nostra società, di conservare il nostro ambiente, nutrirci per prenderci cura della salute e promuovere lo sviluppo rurale in modo sostenibile.

Perché è ecologico?

Perché mira a conservare le risorse naturali: terra, acqua, aria, piante e animali, rispettando i cicli biologici e cercando di non degradare l’ambiente, ma di collaborare con esso.

Cosa ci porta la Produzione Ecologica?

Avere a portata di mano prodotti sani e di qualità ci aiuta a prendere coscienza dell’importanza del rispetto e della cura dell’ambiente.

Quali altri nomi riceve?

Conosciuto anche come Biologico o Biologico, allo stesso modo, è consuetudine trovare i prefissi Eco e Bio per designare gli alimenti biologici. Esistono anche vari tipi di agricoltura biologica che si basano sull’equilibrio e sul rispetto dell’ambiente, come l’ agricoltura biodinamica , l’ agricoltura naturale o Fukuoka , l’ agricoltura sinergica , l’agricoltura messianica, la permacultura , ecc.

Perché la Produzione Ecologica rispetta l’ambiente?

L’agricoltura biologica fertilizza la terra e rallenta la desertificazione; favorisce la ritenzione idrica e non inquina le falde acquifere; promuove la biodiversità; mantiene gli habitat degli animali selvatici, permettendo e favorendo la vita di numerose specie; rispetta i cicli naturali delle colture, evitando il degrado e la contaminazione degli ecosistemi; favorisce la biodiversità e l’equilibrio ecologico attraverso diverse pratiche: rotazioni, associazioni, sovesci, siepi, allevamenti estensivi, ecc.; migliora la naturale fertilità dei suoli e la capacità produttiva del sistema agrario; ricicla i nutrienti reintegrandoli nel terreno come compost o fertilizzanti organici e fa un uso ottimale delle risorse naturali.

In breve, rispetta l’equilibrio della natura, contribuendo alla conservazione dell’ecosistema e allo sviluppo rurale sostenibile.

Come si ottiene che la produzione agricola sia biologica?

Gli agricoltori biologici coltivano senza danneggiare l’ambiente, utilizzando fertilizzanti organici, alcuni insetti e pratiche di coltivazione sostenibili. La chiave è aumentare la biodiversità.

E i prodotti trasformati?

Sono ecologici quando si tratta di prodotti ottenuti con ingredienti che provengono da produzione biologica, nella loro preparazione non sono ammessi additivi, aromi o conservanti non biologici.

È produttivo come altri sistemi di produzione agricola?

La produzione ecologica ricerca la sostenibilità , l’equilibrio nell’uso delle risorse naturali, senza subordinare la qualità alla quantità. La produttività aumenta gradualmente, con l’adozione di tecniche ecologiche, riuscendo a raggiungere nel tempo una produttività equivalente ad altri modelli produttivi.

Agricoltura ecologica significa agricoltura tradizionale?

L’agricoltura ecologica è un’evoluzione dei metodi agricoli tradizionali verso tecniche di produzione moderne, rispettose dell’ambiente, e che quindi recupera le conoscenze delle generazioni precedenti e allo stesso tempo fa un uso razionale delle nuove tecnologie.

In che modo la produzione biologica contribuisce allo sviluppo rurale?

La produzione e la preparazione di diversi alimenti biologici promuovono lo sviluppo e la dinamizzazione delle economie rurali, è un incentivo per i giovani a rimanere nei territori rurali ed è un settore in cui le donne giocano un ruolo di primo piano.

Che tipo di prodotti biologici ci sono in Spagna?

La varietà è tanto ampia quanto ricca e diversificata è la dieta stessa: frutta, verdura, oli, conserve, marmellate, pane, dolci, legumi, noci, vino, olio, succhi, aromi, aceti, ecc.

Come facciamo a sapere che un prodotto è ecologico?

Sulla sua etichetta deve indicare che si tratta effettivamente di un prodotto ecologico. L’etichetta del prodotto deve contenere quanto segue, nell’ordine indicato di seguito:

  • Il nome del prodotto che include qualsiasi menzione che si riferisca al metodo di produzione biologico. L’elenco degli ingredienti dovrebbe includere quelli biologici.
  • Il logo della comunità. Obbligatorio negli alimenti confezionati, facoltativo alla rinfusa e vietato nei prodotti di conversione.
  • Il codice dell’organismo di controllo, formato dalle iniziali del Paese in cui si certifica. Di seguito la sigla ECO, riferita ad ecologico, codice che identifica l’ente certificatore e termina con la sigla della comunità autonoma in cui è autorizzato: ES-ECO – *** – AN.
  • Le indicazioni “Agricoltura UE”, “Agricoltura extra UE”, “Agricoltura UE / Extra UE” (a seconda di dove sono state ottenute le materie prime: UE o paesi terzi). Facoltativamente, può apparire il logo dell’organismo di controllo certificatore.

I prodotti biologici sono salutari?

I prodotti biologici sono più sani in quanto privi di residui tossici persistenti di pesticidi , insetticidi, antibiotici, fertilizzanti sintetici, additivi e conservanti , molti dei quali utilizzati nell’agricoltura convenzionale per eliminare insetti o parassiti e combattere malattie, per aggiungere colore e lucentezza (mele, arance, ecc.) e che a medio o lungo termine producono effetti molto negativi sul nostro organismo. Non contenendo sostanze artificiali, gli alimenti provenienti da agricoltura biologica vengono correttamente assimilati dall’organismo senza alterare le funzioni metaboliche. Secondo gli specialisti della nutrizione, gran parte delle malattie degenerative hanno origine nella dieta .

Un’altra caratteristica dell’agricoltura biologica è che, coltivando cibo in terreni bilanciati da fertilizzanti naturali, i prodotti sono più nutrienti in quanto contengono livelli più elevati di vitamine –soprattutto C–, minerali essenziali –calcio, magnesio, ferro, cromo…-, antiossidanti , carboidrati e proteine.

Sono di buona qualità?

Grazie al particolare modo di ottenerli, presentano una qualità differenziata e apprezzata. Tutti gli agenti coinvolti nella filiera agroalimentare sono soggetti al controllo e all’ispezione delle materie prime utilizzate, del processo di fabbricazione, del confezionamento, dell’etichettatura, ecc. attraverso organismi e società di controllo e certificazione accreditati.

Come sono fisicamente?

I prodotti biologici tendono ad avere differenze nelle dimensioni e un aspetto più naturale, che mostra una minore manipolazione ambientale della produzione, mantenendo tutto il suo sapore e le sue proprietà nutritive.

Possiamo ottenere una dieta equilibrata da prodotti biologici?

Sì, grazie alla sua grande varietà

Sono più costosi?

L’acquisto di prodotti biologici direttamente dal produttore o tramite associazioni di consumatori di solito non aumenta notevolmente il prezzo rispetto ai prodotti convenzionali (tenendo conto che la qualità è molto più elevata). Anche se a volte possono avere un costo maggiore quando si tratta di colture molto specifiche, per via del sistema produttivo adattato a cicli ambientali naturali più lunghi e del controllo di qualità certificato a cui sono sottoposte. È necessario valorizzare i benefici ambientali, per la salute e per la popolazione rurale, che promuove la produzione ecologica.

Quali sono i principali motivi per cui si consuma cibo biologico?

  • Sono più sani
  • Per evitare di consumare prodotti cresciuti con pesticidi chimici di sintesi e fertilizzanti.
  • Per la sua qualità superiore
  • Per il suo più grande sapore
  • Per preservare l’ambiente.

Dove possiamo trovarli?

Li possiamo trovare nei mercati , supermercati, negozi biologici , associazioni di consumatori , erboristerie, online, oppure acquistandoli direttamente da agricoltori e trasformatori .

Chi esercita il controllo per certificare che un prodotto è biologico?

In Spagna, il controllo e la certificazione della produzione agricola biologica è di competenza delle Comunità Autonome ed è svolto principalmente da autorità pubbliche di controllo, attraverso Consigli territoriali o Comitati di Agricoltura Biologica che sono organismi dipendenti dai Ministeri o Dipartimenti dell’Agricoltura corrispondenti, o direttamente dalle Direzioni Generali ad esse collegate.

Tuttavia, le Comunità Autonome dell’Andalusia e della Castiglia La Mancha hanno autorizzato organismi privati ​​a svolgere tali funzioni e, nel caso dell’Aragona, le autorità competenti hanno designato un’autorità di controllo pubblica e hanno a loro volta autorizzato organismi di controllo privati.

Puoi vedere le organizzazioni delle diverse comunità qui

Quale sigillo contraddistingue i prodotti biologici?

Dal 1 luglio 2010, l’uso del nuovo logo biologico UE è obbligatorio sui prodotti alimentari prodotti utilizzando l’agricoltura biologica. Il logo dell’agricoltura biologica dell’UE offre ai consumatori tutte le garanzie che l’origine e la qualità degli alimenti e delle bevande soddisfano i requisiti stabiliti dal regolamento sull’agricoltura biologica dell’UE.

Il nuovo logo biologico è il secondo simbolo di certificazione per i prodotti biologici nell’UE. Il primo è stato lanciato alla fine degli anni ’90 e applicato su base volontaria. Questo è stato deprecato a partire dal 1 luglio 2010, sebbene possa ancora apparire in alcuni prodotti mentre attraversano la catena di approvvigionamento.

Puoi saperne di più sull’etichettatura in Etichettatura di alimenti biologici

Quali altri francobolli possiamo trovare?

Accanto al logo UE possiamo trovare l’ente o l’azienda di certificazione. Puoi vederli in Organismi di controllo .

Come viene effettuato il controllo?

L’ente di certificazione controlla l’intero processo attraverso visite ispettive presso allevamenti e centri di lavorazione, oltre al prelievo di campioni per l’analisi dei prodotti. Dal canto suo, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Ambientali assicura che gli organi di controllo svolgano scrupolosamente il loro lavoro.

Quali prodotti possono utilizzare l’indicazione Produzione Biologica?

Solo quelli controllati e certificati da un organismo autorizzato, e quindi quelli che hanno soddisfatto gli standard stabiliti nel Regolamento Europeo applicabile.

Qual è il periodo di conversione alla produzione biologica?

Il periodo di conversione in agricoltura biologica è il periodo di tempo che deve trascorrere da quando l’operatore si registra presso un organismo di controllo autorizzato, fino a quando non può vendere i suoi prodotti come biologici. Inizia a contare dal momento della registrazione nell’organismo di controllo ed è stabilito in conformità alla normativa applicabile.

Questo periodo temporaneo garantisce al consumatore l’assenza di residui di prodotti chimici di sintesi negli alimenti. Il periodo di conversione dipenderà dalla sua gestione storica e dal tipo di coltura da produrre e sarà:

  • Colture annuali ed erbacee: 2 anni prima della semina o del trapianto la coltura da raccogliere come biologica.
  • Prati: 2 anni prima dello sfruttamento per erba, fieno o insilato come biologico.
  • Colture perenni o perenni diverse dai prati (alberi da frutto, vigneti, …): tre anni prima del primo raccolto biologico.

Quali sono le principali disposizioni di legge che regolano questi prodotti?

L’agricoltura biologica è stata regolamentata legalmente in Spagna dal 1989, quando è stato approvato il Regolamento della Denominazione Generica ” Agricoltura Biologica “, che era applicabile fino all’entrata in vigore del Regolamento (CEE) 2092/91 sulla produzione agricola biologica e la sua indicazione in agricoltura e prodotti alimentari.

Attualmente, dal 30 maggio 2018, la produzione biologica è regolamentata dal Regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla produzione ed etichettatura dei prodotti biologici e dal quale è abrogato il Regolamento (CE) 834/2007 del Consiglio, di 28 giugno 2007 , (che ha precedentemente abrogato il regolamento (CEE) 2092/91)., e il regolamento (CE) 889/2008 della Commissione, del 5 settembre 2008 in cui stabiliscono le disposizioni per l’applicazione del regolamento (CE) 834/2007 del Consiglio . Puoi vedere di più nei Regolamenti UE .

Quali sono le principali colture biologiche?

Cereali, uliveti, legumi, noci, ortaggi, frutta.

Quale percentuale suppone la Produzione Ecologica sulla produzione totale?

La quota dell’agricoltura biologica spagnola nella produzione agricola totale è del 6,52%, molto inferiore a quella di altri paesi dell’UE e del mondo. Ad esempio, in Austria è del 19,7%, in Svezia del 15,4% e in Svizzera dell’11,7%.

Quanti produttori e trasformatori di prodotti biologici abbiamo?

Nel 2014 c’erano 34.891 operatori registrati, 30.602 produttori e 3.082 trasformatori, oltre a importatori, commercianti e altri. Che pone la Spagna al 2° Paese in Europa per numero di operatori e al 9° nel Mondo.

Come si è evoluta la Produzione Biologica negli ultimi anni?

La Spagna è il primo paese produttore biologico in Europa e il quinto nel mondo. Da quando l’agricoltura biologica ha iniziato a essere regolamentata in Spagna, c’è stata una crescita costante, sia nel numero di operatori biologici che nell’area dedicata all’agricoltura biologica. Si è passati, ad esempio, da 18.505 operatori registrati e una superficie di 725.254 ha nel 2003, a 34.891 operatori e 1.633.189 ha. Puoi controllare le statistiche del 2016.

E nel resto d’Europa, e nel Mondo?

C’è stato un continuo aumento della superficie destinata alla produzione biologica in tutti i continenti. In Europa negli ultimi 10 anni, tutti i paesi hanno aumentato significativamente la produzione di prodotti biologici. Puoi consultare il rapporto The World of Organic Agriculture Statistics and Emerging Trends 2015 (in inglese)

Qual è la situazione dei consumi interni rispetto agli altri paesi europei?

Il consumo di prodotti biologici in Spagna supera i 1.000 milioni di euro/anno, ma la sua percentuale sul consumo interno è ancora molto inferiore rispetto ad altri paesi. Il suo consumo non raggiunge il 2% della spesa alimentare totale, e la spesa media per persona/anno è di 21 euro, quando ad esempio in Svizzera è di 210 euro, in Danimarca 163 o in Germania 93 (indagine FIBL-IFOAM 2015).

La produzione biologica viene esportata in altri paesi?

Sì, la Spagna è uno dei principali esportatori mondiali di prodotti biologici , oltre il 75% della produzione viene esportato. Ha una forte propensione all’export e ha un alto grado di internazionalizzazione (il 32% delle aziende sono esportatrici). Il 35% dei prodotti biologici consumati in Europa sono spagnoli. I principali paesi di destinazione delle esportazioni sono: Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Svizzera ,,,

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *