Suggerimenti

Il Pino: [Pianta, Caratteristiche, Irrigazione, pH, Potatura, Problemi]

Un pino è un tipo di conifera del genere Pinus, nella famiglia delle Pinaceae.

Pinus è l’unico genere della sottofamiglia Pinoideae. L’elenco delle piante compilato dai Royal Kew Botanical Gardens e dai Missouri Botanical Gardens accetta come attuali 126 nomi di specie di pino, insieme a 35 specie irrisolte e molti altri sinonimi.

Il pino può anche riferirsi al legno derivato da alberi di pino; il pino è uno dei tipi di legno più utilizzati come legno .

Caratteristiche del pino

Nome botanico: Pinus pinea.
Nome comune: Pino cembro, pino domestico, pino cembro italiano, pino domestico.
Tipo di impianto : Pianta perenne con aghi.
Taglia per adulti: Da 3 a 80 m di altezza e la maggior parte delle specie raggiunge tra i 15 ei 45 m.
Esposizione solare: Pieno sole.
Tipo di terreno: Terreno da asciutto a medio, ben drenato.
pH del suolo: Tollera una vasta gamma, da acido a leggermente acido.
Colore del fiore: Non fiorisce.
Tempo di fioritura: Non fiorisce.
Zona natale: Regione mediterranea.

I pini sono alberi resinosi sempreverdi (o, raramente, arbusti) che crescono tra i 3 e gli 80 m di altezza, con la maggior parte delle specie che raggiungono tra i 15 ei 45 m.

I più piccoli sono il pino siberiano nano e il pino Potosi, e il più alto è un pino ponderosa alto 81,79 m situato nella foresta nazionale di Rogue River-Siskiyou nell’Oregon meridionale.

I pini sono longevi e di solito raggiungono un’età compresa tra 100 e 1.000 anni, alcuni anche di più. Il più antico è il pino d’Aleppo del Gran Bacino, Pinus longaeva. Un individuo di questa specie, soprannominato “Matusalemme” , è uno degli organismi viventi più antichi del mondo, a circa 4.600 anni.

Questo albero si trova nelle White Mountains della California. C’è un albero più vecchio, ora abbattuto, che è stato datato a 4.900 anni. È stato scoperto in un boschetto sotto Wheeler Peak ed è ora conosciuto come “Prometeo” in onore dell’immortale personaggio greco.

Lo sapevate…?
La crescita a spirale di rami di pino, aghi e scaglie di cono può essere organizzata in rapporti numerici di Fibonacci.

I nuovi germogli primaverili sono talvolta chiamati “candele”; sono ricoperti da scaglie di gemme marroni o biancastre e puntano dapprima verso l’alto, poi diventano verdi e si espandono verso l’esterno. Queste “candele” offrono ai forestali un mezzo per valutare la fertilità del suolo e il vigore degli alberi.

Come sono gli aghi di pino?

  • Le foglie dei semi (cotiledoni) nelle piantine sono portate in una spirale di 4-24.
  • Le foglie giovanili, che seguono immediatamente le piantine e le giovani piante, sono lunghe 2-6 cm, semplici, verdi o spesso verde-bluastro, e sono disposte a spirale sul germoglio. Si verificano da sei mesi a cinque anni, raramente di più.
  • Le foglie di scaglie, simili alle scaglie di germoglio, sono piccole, marroni e non fotosintetiche e a spirale come le foglie giovanili.
  • Gli aghi, le foglie adulte, sono verdi (fotosintetici) e sono raggruppati in grappoli chiamati fascicoli. Gli aghi possono essere da uno a sette per numero, ma generalmente da due a cinque. Ogni fascicolo è prodotto da una piccola gemma su un germoglio nano all’ascella di una foglia squamosa.
  • Queste scaglie di gemme rimangono spesso sul fascicolo come una guaina basale. Gli aghi persistono per 1,5-40 anni, a seconda della specie. Se la punta di crescita di un germoglio è danneggiata (ad esempio, se mangiata da un animale ), i fasci di aghi appena sotto il danno genereranno una gemma che produce stelo, che può sostituire la punta di crescita persa.

Come far crescere più velocemente i nostri pini?

Il pino può essere considerato un albero a crescita rapida .

Tuttavia, ci vorranno anni per raggiungere dimensioni considerevoli.

La potatura di nuovi rami o germogli in primavera può incoraggiare una crescita più intensa nel tuo pino se vuoi che appaia più pieno. Usa i potatori manuali per tagliare le candele all’incirca a metà per incoraggiare una nuova crescita.

È difficile coltivare un pino?

Non.

I pini sono alberi a crescita rapida praticamente in qualsiasi condizione. Infatti in molti luoghi sono considerate specie invasive .

Avrai bisogno di poco per far aderire il tuo pino e crescere forte.

Dove piantare un pino?

Precauzioni da prendere prima di piantare un pino

Tieni d’occhio dove pianti i tuoi pini.

I pini possono crescere estremamente grandi e le loro radici sono molto potenti. Alzeranno i piani e potranno persino toccare la struttura di una casa.

Non piantare questi alberi vicino a casa, piscine o qualsiasi altra struttura. Inoltre, non piantarli vicino ad altri alberi se non vuoi che il pino li divori.

Il pH del terreno

Controlla il livello di pH del terreno con la sonda pH e regola il pH del terreno se necessario.

Per un pino bianco orientale, ad esempio, il livello di pH ottimale del terreno dovrebbe essere leggermente acido, compreso tra 6,5 ​​e 6,8. Se il livello di pH è molto più alto di 7,0, il terreno è troppo alcalino.

Procurati una quantità di zolfo dal giardino e applicalo sulla superficie del terreno intorno all’albero. Se il livello di pH è molto al di sotto dell’intervallo ottimale, il tuo terreno è troppo acido. Un’applicazione superficiale di calce dolomitica addolcirà il terreno al giusto livello di pH.

Bisogno di luce

Il pino ha bisogno di molta luce solare. Prova a piantarlo in un luogo dove non riceverà ombra da altri alberi e/o edifici.

Riproduzione del pino

Il metodo di riproduzione più comune è dai semi , ma questi non saranno praticabili a meno che l’albero non sia relativamente maturo.

L’albero deve avere diversi anni di produzione di ananas prima di poter riprodurre i semi. La propagazione dei semi è un processo alquanto complicato:

  1. Raccogliete i semi di un ananas essiccato e metteteli a bagno in acqua per una notte. Quindi, metti i semi in un sacchetto di plastica pieno di muschio di sfagno umido e mettili in frigorifero per 60-90 giorni freddi per innescare la germinazione.
  2. Riempi dei piccoli vasi con una miscela di semi (o una miscela di sabbia, muschio di torba e vermiculite) e pianta i semi a un centimetro di profondità.
  3. Spruzzare la superficie con acqua e posizionare i vasi in una finestra soleggiata.
  4. Controllare quotidianamente e mantenere umida la superficie del terreno con lo spray. Quando i semi germogliano, elimina le piantine più deboli.
  5. Coltiva le piante nei loro vasi per un anno intero finché non iniziano a formare rami. Saranno quindi pronti per essere trapiantati in un posto in giardino.

Raccomandazione: seminare il pino tagliando

Come abbiamo visto prima, la riproduzione del pino per mezzo del seme (ananas) è complicata. Quindi consigliamo di farlo tagliando o piantando.

Passi da seguire:

  1. Scava una buca abbastanza profonda da consentire alla pianta di adattarsi liberamente. Ma senza andare in profondità.
  2. Innaffia la buca e deposita del compost (letame, per esempio).
  3. Depositare il brodo di pino. Coprire di nuovo con il terreno e annaffiare leggermente.
  4. Aspetta qualche giorno per vedere come reagisce il campus.
  5. Nel caso vivessi in una zona molto fredda e/o ventosa, proteggi il pino con una plastica che faccia da scudo.

Qual è il miglior fertilizzante da usare per i nostri pini?

Secondo l’Università del Minnesota, i pini dovrebbero ricevere un fertilizzante completo con azoto , fosforo e potassio . Il contenuto di azoto dovrebbe essere leggermente superiore ai livelli di fosforo e potassio; generalmente 10-8-6 è consigliato per pini e arbusti.

Può troppa acqua uccidere il mio pino?

Innaffiare eccessivamente il tuo pino può ucciderlo rapidamente quanto renderlo assetato. Troppo di tutto è dannoso, anche quando si tratta di innaffiare i tuoi alberi, quindi è importante sapere se il tuo pino (Pinus spp.) È troppo innaffiato .

Le radici hanno bisogno di ossigeno per sopravvivere, ma innaffiare troppo il tuo pino lo affogherà.

Nello specifico, il pino è una specie che si è caratterizzata per sopravvivere in aree dove le precipitazioni sono scarse (come il Mediterraneo). Quindi il ristagno e l’annegamento delle sue radici lo fanno molto male.

Come far rivivere un pino morente?

Il legno morto e morente è una calamita per malattie e parassiti, quindi deve andare via.

Potare quanto necessario, tagliando i rami sani. Usa alcol denaturato tra un taglio e l’altro per disinfettare i tuoi strumenti. Cerca di mantenere la forma naturale dell’albero ed evita di tagliare i rami a filo del tronco, poiché ciò potrebbe danneggiare la corteccia.

Parassiti e malattie che colpiscono il pino

Le specie di pino in generale sono molto resistenti . Quindi, sono considerati invasivi.

Malattie del pino

Hanno pochi problemi di malattia seri. È possibile che gli aghi di pino si sciolgano, una malattia fungina che fa sì che gli aghi diventino rosso-brunastri e cadano.

Questo di solito è un sintomo di altri problemi, come gli scarabei di corteccia, quindi controlla l’albero per altri parassiti e malattie.

parassiti del pino

I potenziali parassiti includono scolitidi e conifera occidentale di semi di bug (Leptoglossus occidentalis).

Gli insetti di conifere occidentali raramente danneggiano l’albero in modo permanente, sebbene riducano la produzione di semi. I coleotteri della corteccia sono un problema più serio, sebbene non siano comuni nei pini cembri.

Questi parassiti tagliano tunnel nello strato interno della corteccia, al di sotto della corteccia esterna . Sono difficili da trattare con i pesticidi, quindi il controllo consigliato è rimuovere e distruggere i rami colpiti. Una grave infestazione può richiedere la rimozione dell’intero albero.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *