Suggerimenti

Potare i ciliegi: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

La potatura del ciliegio è molto importante se vogliamo mantenere l’albero sano e garantire una buona produzione di ciliegie.

Sapendo che le ciliegie sono così preziose nel mondo gastronomico, non puoi permetterti un raccolto scadente o di scarsa qualità.

Naturalmente, questa è un’azione che devi intraprendere con una procedura specifica in mente per ottenere i migliori risultati. E visto che ci siamo, qui ti diremo esattamente cosa farebbe un giardiniere professionista per avere tutto in condizioni ottimali.

Perché potare i ciliegi?

L’idea principale quando si potano i ciliegi è di migliorarne la produzione effettuando un rinnovamento pianificato della struttura dei rami. Naturalmente, questo è utile anche per garantire un migliore stato di salute delle piante .

La potatura aiuta anche durante il processo di crescita e sviluppo dell’albero perché rende facile dargli la forma desiderata.

Quando è meglio eseguire la potatura delle ciliegie?

La potatura dei ciliegi deve essere effettuata durante il periodo vegetativo (dove ci sono ancora le foglie) perché possa recuperare meglio.

Ciò significa, all’inizio della primavera o durante l’ autunno , dopo che la fase produttiva è terminata.

Ci sono persone che osano potare durante l’ inverno, ma questo rappresenta un grande rischio che l’albero non si riprenda bene. Quindi è meglio evitarlo.

Quali strumenti dovremmo usare per potare i ciliegi?

La potatura può essere effettuata con le forbici da giardino perché i suoi rami sono più o meno sottili. Queste forbici devono essere preventivamente disinfettate, preferibilmente con alcool, e ben affilate per garantire tagli fermi e puliti.

Sega elettrica o a benzina

Se il tuo ciliegio è adulto, grande e forte, puoi optare per strumenti più potenti. Come seghe elettriche o seghe a benzina.

Ti faranno risparmiare molto lavoro e sarai in grado di eseguire la potatura del ciliegio a una velocità maggiore. Tuttavia, attenzione: questi strumenti sono delicati e un incidente con loro può essere terribile.

 

Cesoie

In questo caso, le forbici da potatura sono un’ottima opzione per poter eliminare ramoscelli e polloni attaccati e in questo modo condizionare il nostro ciliegio ad avere una forma più ornamentale o per ventilare il suo interno.

Un’altra opzione possono essere le seghe. Molto più potenti delle forbici da potatura, per rami più spessi. Non hanno bisogno di elettricità o benzina. Inoltre, farai un po’ di esercizio.

 

Guanti, evitare possibili danni

Per evitare danni alle mani, si consiglia inoltre di utilizzare i guanti .

Quali considerazioni dobbiamo tenere in considerazione quando si potano i ciliegi?

La definizione dell’obiettivo che avrà la potatura è la prima considerazione da avere perché può essere di diversi tipi. Occorre anche riconoscere le caratteristiche dei rami dell’albero, essendo più decisivi per differenziare i rami misti dai rami legnosi .

I rami misti sono quelli con una struttura che produce fiori . Vale a dire, è qui che usciranno i boccioli in modo che nascano le ciliegie. Nel caso dei rami di legno, hanno solo la capacità di creare gemme di legno quindi hanno una funzione strutturale, non per i frutti.

Come potare i ciliegi senza danneggiare l’albero?

La potatura dei ciliegi viene effettuata secondo due orientamenti principali: formazione e produzione.

Potatura di formazione

È quello che si realizza nei primi anni di vita e che determinerà lo stato dell’albero nella sua fase adulta. Qui puoi decidere tra due modi principali:

Piramide

È una potatura che permette di distribuire i rami secondari dell’albero per piani (per dare la forma di una piramide).

Il raggiungimento di questo risultato può richiedere fino a 4 anni perché è necessario lasciare che i rami crescano fino a una certa lunghezza per potarli al punto desiderato.

La cosa normale è che la distanza tra un piano e l’altro sia di 80 centimetri e che l’albero abbia al massimo 20 rami secondari.

Volume

In questo caso si cerca di stabilire l’altezza dell’albero secondo la definizione del tronco.

Può essere di un calice ridotto, dove il tronco misurerà tra i 20 ei 25 centimetri e facilita la successiva raccolta dei frutti.

L’altra opzione è un vaso regolare che lasci il tronco fino ad un massimo di 60 centimetri e poi si cerca che i rami secondari rimangano della stessa altezza.

Potatura di produzione

Dopo che l’albero ha avviato il processo di produzione del frutto, la cura della potatura sarà finalizzata al mantenimento delle sue buone condizioni. Ovviamente l’albero continuerà a crescere e sarà necessario che abbiate cura di tagliare i rami secondari in modo che non siano eccessivamente alti.

Un caso simile si verifica con il tronco, che dovrai potare quando appropriato. Altre azioni che corrispondono alla potatura di produzione sono:

  1. Rimuovere i polloni non appena si notano spuntare dal ramo principale.
  2. Taglia i rami secchi o malati .
  3. Rimuovi i rami che si scontrano o si aggrovigliano tra loro.
  4. Indicare i rami terziari poco produttivi per migliorare la distribuzione dei nutrienti e ottenere così condizioni migliori negli altri rami.

La potatura non è un compito molto complesso ma bisogna prestare molta attenzione per assicurarsi che tutto vada bene perché da questo dipende la buona salute dell’albero. Ecco perché ognuno dovrebbe essere pianificato con sufficiente cura e seguendo le istruzioni raccomandate.

Il risultato? Un albero bello e sano che ricompenserà molti frutti.

Forse ti interessano anche:
  • Quali malattie e parassiti attaccano il ciliegio? [Identifica e tratta]
  • Come fertilizzare un ciliegio: [Date, componenti e fasi]
  • Piantare un ciliegio: la guida per farlo dall’inizio [Immagini + Step by Step]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.