Suggerimenti

Pioppo nero: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Populus nigra è una delle specie autoctone più importanti dell’Europa centrale e mediterranea. Si è diffuso dalle isole britanniche al Kazakistan e alla Cina, comprese gran parte del Vicino Oriente e del Medio Oriente.

Ha un grande valore ecosistemico. È considerata una specie pura nella protezione dei suoli e nel rimboschimento delle aree contaminate. Allo stesso modo, è stato riconosciuto come specie indicatrice della foresta ripariale e rifugio per le specie minacciate.

Viene spesso utilizzato come albero ornamentale. D’altra parte, è riconosciuto per il suo legno chiaro, morbido e bianco, che viene utilizzato nella produzione di materiale da costruzione, carpenteria, mobili, tra le altre applicazioni.

Il pioppo nero era considerato un albero sacro per i Celti. Allo stesso modo, era una specie molto apprezzata dagli indiani Hidatsa del Nord America.

Punti importanti quando si pianta il pioppo nero
  • Nome scientifico: Populus nigra.
  • Nome comune: pioppo, pioppo, pioppo nero, olmo.
  • Altezza: da 20 a 30 metri.
  • Fabbisogno di luce: Luce diretta.
  • Temperatura: Clima temperato e temperato freddo.
  • Irrigazione: alta.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Che caratteristiche ha il pioppo nero?

Il pioppo è un albero dioico che presenta esemplari maschili e femminili, che raggiungono il loro stadio riproduttivo tra i 10 ei 15 anni. Normalmente misura dai 20 ai 30 metri, ma può raggiungere i 40 metri di altezza e i 2 metri di diametro.

Questo albero è costituito da un tronco dritto che in seguito diventa leggermente sinuoso. Le sue ramificazioni sono aperte e robuste. Nel caso dei rami, sono flessibili, lucidi, grigio-verdastri. Le foglie del pioppo nero sono decidue e semplici.

Sono lunghe tra i 5 e gli 8 centimetri e hanno una forma romboidale con bordi seghettati. Durante la primavera e l’ estate hanno un colore verde, ma quando arrivano in autunno virano al giallo intenso. I fiori del pioppo sono raggruppati in amenti. I fiori femminili hanno un pistillo con due stimmi.

Nel caso dei maschi, hanno numerosi stami di antere rosse o nere. Fioriscono durante i mesi di marzo e aprile. Il suo frutto è una capsula verde che si apre durante i mesi da aprile a maggio. Quando si aprono, rilasciano semi cotonosi che si diffondono con l’aiuto del vento.

Quando piantare il pioppo nero?

Il pioppo nero si semina per talea da metà autunno a fine inverno , durante il riposo vegetativo. Tuttavia, di solito è fatto durante il mese di marzo, dopo l’ultima gelata. In caso di semina per seme, va effettuata nel periodo primaverile .

Dove piantare il pioppo nero?

Il cosiddetto pioppo nero deve essere collocato in un luogo ampio, con installazioni aeree libere ea 12 metri di distanza dagli edifici. Ciò è dovuto al fatto che ha un sistema di root molto esteso e aggressivo.

Inoltre, dovrebbe essere esposto alla luce solare diretta per tutto il giorno in quanto non tollera l’ombra. Il pioppo nero infatti è una specie che non tollera la competizione con altre specie perché ha bisogno di luce solare e acqua per svilupparsi.

D’altra parte, sebbene abbia una grande plasticità, è favorita dai climi temperati o temperato-freddi. Infatti questo albero è in grado di resistere alle basse temperature, sopportando anche quelle inferiori a -25°C.

Come preparare il terreno?

Il pioppo si coltiva in quasi tutti i tipi di terreno purché umido, sciolto, con pH neutro e profondo, non inferiore a 80 centimetri o 1 metro. Può anche essere seminato in terreni asciutti, ma non crescerà come fa normalmente.

Generalmente è piantato in golene o in zone dove la falda freatica è accessibile alle radici del pioppo nero. Il tipo di terreno in queste aree è solitamente argilloso sabbioso, terreno ed estremamente umido o allagato.

Per quanto riguarda il contenuto di nutrienti, il pioppo nero ha bisogno di materia organica per svilupparsi correttamente e avere una buona capacità di trattenere l’umidità. A tal proposito si può applicare qualsiasi fertilizzante organico, come compost o letame .

Come innaffiamo il pioppo nero?

L’acqua è necessaria affinché il pioppo nero si sviluppi in modo ottimale. Pertanto, vanno annaffiate durante tutto il loro periodo di crescita vegetativa, dalla primavera alla tarda estate.

Ogni quanto annaffiamo il pioppo nero?

La frequenza dell’irrigazione dipenderà dal tipo di terreno, dal livello della falda freatica e dalle condizioni climatiche. Si consiglia comunque di effettuare un’irrigazione profonda una volta alla settimana o ogni 15 giorni e adattarla alle condizioni locali.

Come piantare un pioppo nero passo dopo passo?

Come altre specie della sua famiglia, il pioppo nero si propaga facilmente per talea o talea, sebbene possa essere seminato anche per mezzo di semi. Di seguito sono riportate le istruzioni per entrambi i metodi.

Per semi

  1. Dopo aver raccolto i semi, riponeteli in un contenitore con substrato universale precedentemente inumidito e ricopriteli con un sottile strato di substrato.
  2. Innaffia abbondantemente e metti il ​​contenitore all’esterno , in pieno sole
  3. Mantenere l’umidità costante fino alla comparsa delle piantine.
  4. Trapiantare quando un paio di foglie vere sono germogliate, alla fine della primavera successiva.

Tagliando

  1. Dal ramo di un albero maturo, taglia una sezione lunga 20 e 35 centimetri e spessa 2 centimetri. Deve avere almeno due tuorli.
  2. Prendi la base e impregnala di ormoni radicanti.
  3. Scavare una buca nel terreno, o in un vaso con un substrato universale precedentemente umido, e interrare la base della talea, lasciando in superficie lo spazio delle due gemme.
  4. Attendi un mese affinché le radici germoglino e continua ad applicare frequenti annaffiature.

Di che cure ha bisogno il pioppo nero?

Il pioppo non è un albero che necessita di cure particolari. Tuttavia, una delle cure più importanti è l’eliminazione delle erbacce durante il primo anno di crescita.

Quali parassiti e malattie colpiscono il pioppo nero?

Tra le malattie più significative ci sono quelle causate dal cancro batterico del pioppo, dalla defogliazione primaverile, dalla marssonina, nonché dal pioppo toya.

Nel caso dei parassiti, sono stati attaccati , tra gli altri, i pioppi del punteruolo , l’afide lanoso del pioppo, la perforazione del pioppi neri americani.

Riferimenti

  • https://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwjtiYrLtejvAhVHKa0KHVdWABgQFjAAegQIBBAD&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwjtiYrLtejvAhVHKa0KHVdWABgQFjAAegQIBBAD&source=web&cd=&cad=rja&uact=8&ved= 2ahUKEwjtiYrLtejvAhVHKa0KHVdWABgQFjAAegQIBBAD&url%2Ficologo2 %79Funulo2Ficologo2 %792Ficoload% 792Fulo2 load %792Ficologo2%.pdf & usg = AOvVaw0NktZwHpcwdi
  • http://www.redforesta.com/blog/2011/04/11/populus-nigra-chopo-negro-europeo/
  • https://elmedinaturaldelbages.cat/es/species/chopo-alamo-negro-populus-nigra-es/
  • https://www.sinavimo.gob.ar/cultivo/populus-nigra
  • http://xiloca.org/data/Bases%20datos/Patolvgido/6252.pdf
  • https://inta.gob.ar/sites/default/files/script-tmp-manual_salix.pdf

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.