Suggerimenti

Cura di Opuntia ficus-indica, fico d’india o pianta Nopal

Il nome Opuntia deriva dall’antica città greca dove crescevano piante simili a quelle che noi chiamiamo fichi d’india. È originario del continente americano e si estende dal Canada all’Argentina e al Cile. Questo impianto è arrivato in Europa 400 anni dopo la scoperta dell’America. È diffuso nel Mediterraneo, in particolare in Sicilia, Corsica e Sardegna.

Genere composto da circa 200300 specie. Appartiene alla famiglia Cacti . Volgarmente noto come fico d’india, cactus, fico d’india, tonno.

Alcune specie di questo genere sono : Opuntia ficus-indica, Opuntia brasiliensis, Opuntia rufida, Opuntia durangensis, Opuntia santa-rita, Opuntia microdasys, Opuntia bergeriana, Opuntia subulata, Opuntia spinulifera, Opuntia vestita, Opuntia leucotricha, Opuntia robusta, Opuntia linguiformis, Opuntia phaeacantha, Opuntia salmiana.

È una pianta eretta; è il tipico cactus delle penne appiattite verde chiaro disposte in modo disordinato una sopra l’altra. Su tutta la superficie degli steli, che sono gli steli compressi, ci sono molte spine che possono essere di due tipi: alcune sono grandi e forti e altre piccole e sottili.

I fiori escono sulle pale, di solito sui bordi. Completano il frutto nascente che è come un piccolo fico d’india. Hanno una forma tra conica e cilindrica, molto aperta. La loro colorazione varia tra l’arancione, il giallo, il rosso e il viola.

Il frutto è carnoso, di solito commestibile una volta tolto il coperchio duro e spinoso. La polpa è succosa e dolce, con molti semi. Fioriscono e fruttificano in estate.

Opuntia è utilizzata come pianta da frutto, siepe difensiva o elemento decorativo per i pendii marini. Viene anche usato per l’alimentazione del bestiame.

Nelle regioni con clima mediterraneo, la gente vive bene all’aperto. Nelle regioni fredde è preferibile coltivarlo al chiuso o in serra. Le piante giovani dovrebbero essere collocate in luoghi che abbiano un po’ di ombra. Quando sono maturi, potete metterli in pieno sole.

Il terreno può essere di qualsiasi tipo. Vive meglio se è ben fertilizzato. La semina nel luogo finale dovrebbe avvenire in primavera.

Si raccomanda l’irrigazione periodica per mantenere umido il terreno.

È un impianto molto resistente alle malattie .

Nella medicina popolare , viene utilizzato come antidiarroico. Il frutto è astringente.

In alcuni luoghi , i fichi d’india sono utilizzati per la riproduzione della cocciniglia, un parassita che produce un colorante marrone utilizzato fin dall’antichità. In paesi come il Messico , mangiano anche fichi d’india .

La propagazione può essere effettuata separando e poi piantando un segmento o una pala, collocandola in piano sul terreno ad una profondità di 2 o 3 cm, in estate.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.