Suggerimenti

Deforestazione: [Concetto, cause e soluzioni]

Tra i problemi nel campo dell’ecologia che stanno occupando l’attenzione di tutte le persone in tutto il mondo c’è: deforestazione. 

Per questo oggi abbiamo voluto farvi conoscere un po’ di più su tutto ciò che questo concetto rappresenta e sui problemi reali che porterà all’umanità di non fermarla adesso. 

Che cos’è la deforestazione?

La deforestazione è un processo mediante il quale l’uomo rimuove le piantagioni di alberi esistenti per utilizzare la terra per altri scopi.

Immagina di vivere in una zona boscosa e uno dei tuoi piani preferiti è di percorrere i sentieri che hai fatto insieme alla tua comunità.

Ora immagina che questa zona venga eliminata per installare un caseificio.

Avrai sicuramente un beneficio quotidiano di latte e formaggio freschi , ma Questo cambiamento è davvero positivo? 

Il punto è che questo problema ha molti più elementi da considerare rispetto alla semplice rimozione di alcune piantagioni .

Devi sapere che la loro formazione richiede anni, che lì vivono molti esseri viventi che ora rimarranno senza casa e che buona parte dell’ossigeno che hai consumato proviene da lì.

La deforestazione è  una questione delicata oggi perché il legno è assai prezioso per l’uomo , perché attraverso di esso si ottiene una grande varietà di prodotti .

Inoltre, la crescita demografica rende sempre più necessario lo spazio per costruire nuove abitazioni. Quindi, se continuiamo a questo ritmo veloce, non sarebbe male pensare , cosa ci resterà alla fine?

Perché le foreste vengono distrutte?

La Banca Mondiale stima che dall’inizio del XX secolo siano andati perduti circa 10 milioni di chilometri quadrati di foresta.

Negli ultimi 25 anni, le foreste sono state ridotte di 1,3 milioni di chilometri quadrati, un’area più grande delle dimensioni del Sudafrica. Nel 2018, The Guardian ha riferito che ogni secondo si perde un pezzo di foresta equivalente alle dimensioni di un campo da calcio.

Agricoltura e allevamento

La deforestazione si verifica spesso quando un’area boschiva viene abbattuta e disboscata per far posto all’agricoltura o al pascolo.

UCS riferisce che solo quattro prodotti sono responsabili della deforestazione tropicale: manzo, soia, olio di palma e prodotti del legno. L’UCS stima che un’area delle dimensioni della Svizzera (38.300 chilometri quadrati) vada persa a causa della deforestazione ogni anno.

Fuochi naturali e artificiali

Gli incendi naturali nelle foreste tropicali tendono ad essere rari ma intensi. I fuochi artificiali sono comunemente usati per sgombrare il terreno per ulteriori usi agricoli.

Prima viene raccolto legno pregiato, poi la vegetazione rimanente viene bruciata per far posto a colture come la soia o il bestiame.

Nel 2019, il numero di incendi causati dall’uomo in Brasile è salito alle stelle. Nell’agosto 2019, in Amazzonia sono bruciati più di 80.000 incendi, con un aumento di quasi l’80% dal 2018, secondo National Geographic .

Il problema dell’olio di palma

Molte foreste vengono abbattute per far posto alle piantagioni di olio di palma. L’olio di palma è l’olio vegetale più comunemente prodotto e si trova nella metà di tutti i prodotti dei supermercati.

È economico, versatile e può essere aggiunto sia al cibo che a prodotti personali come rossetti e shampoo. La sua popolarità ha spinto le persone ad abbattere le foreste tropicali per far crescere più palme.

La coltivazione degli alberi che producono l’olio richiede il livellamento della foresta nativa e la distruzione delle torbiere locali, che raddoppiano l’effetto dannoso sull’ecosistema.

Secondo un rapporto pubblicato da Zion Market Research , il mercato globale dell’olio di palma è stato valutato 65,73 miliardi di dollari nel 2015 e dovrebbe raggiungere i 92,84 miliardi di dollari nel 2021.

Quali sono i principali tipi di deforestazione?               

 I tipi di deforestazione Sono classificati in base allo scopo perseguito di utilizzare il terreno.

Questo ha evidenziato 4 tipi principali:

  • Industriale.
  • agricolo
  • Estrazione.
  • Altri fini umani.

In questo senso, è importante conoscere il modo di procedere di ciascuno e l’impatto che stanno attualmente generando.

Deforestazione industriale

Nasce dalla ricerca della materia prima per apportare una modifica che porti ad altri prodotti.

In questo caso, è comune trovarlo in industrie dedicate alla produzione di mobili o alla produzione di carta, ad esempio.

È uno dei tipi che ha causato il maggior numero di danni in tutto il mondo da allora non rispetta i cicli riproduttivi, la fauna selvatica che vive lì, né la durata della vita delle piantagioni.

La deforestazione industriale è troppo aggressiva per la flora e la fauna selvatiche.

Deforestazione agricola

Consiste nella pulizia che viene effettuata di un terreno da adibire ad altre tipologie di colture.

A seconda degli sforzi compiuti dagli agricoltori, può portare ad alcuni benefici , come l’utilizzo di grandi piantagioni per l’estrazione della gomma.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi si perseguono obiettivi individuali che sfociano in uno sfruttamento sproporzionato del suolo rendendolo inutilizzabile in futuro. 

Deforestazione per estrazione mineraria

L’estrazione mineraria è una delle  I problemi principali quelli affrontati da suoli e, quindi, piantagioni.

Questo perché queste risorse sfruttate sono generalmente intrinseche al suolo e le persone non si preoccupano dei danni che gli causerà.

In questi casi ciò che conta è l’arricchimento che si otterrà, senza che il danno prodotto giochi un ruolo di primo piano.

Deforestazione per altri scopi umani

A questo punto vengono trattate ragioni molto varie che possono includere la crescita dei terreni produttivi , la costruzione di nuove case, la creazione di strade, ecc.

Sebbene generalmente si presentino in numero inferiore rispetto ai tipi precedenti , causano ancora a enorme impatto negativo. 

Quali sono le conseguenze della deforestazione?

È evidente che un problema così grave porta con sé una serie di  conseguenze in molte aree dell’ambiente: atmosfera , territorio e biodiversità. 

L’idea è, quindi, che possiamo conoscerli ciascuno e comprendere  l’importanza di combatterne gli effetti, sapendo che non è solo un danno per noi ma anche per le generazioni future.

Effetti sull’atmosfera

Le piante hanno determinate funzioni nel mantenere la vita sul pianeta.

L’atmosfera , nel frattempo, è lo strato protettivo che ha la terra  contro gli effetti del sole e di altri elementi spaziali.

Così accade che parte della buona gestione degli impianti si evidenzia nel mantenimento del clima interno e  purificazione dell’aria  dandogli un alto contenuto di ossigeno.

Nel primo caso, si nota che uno dei problemi che sta interessando maggiormente il mondo in questo momento è il riscaldamento globale.

Il fatto è che la perdita di vegetazione dovuta alla deforestazione fa sì che l’anidride carbonica presente nell’ambiente venga trattata troppo poco alla volta, generando un maggiore riscaldamento. 

Questo non solo incide in quella misura, ma fa sì che la radiazione solare rimanga nell’ambiente più a lungo e, quindi, aumenta i danni causati dall’effetto serra .

È inoltre evidente che quando un’area è priva di vegetazione , il suolo tende a scaldarsi più facilmente per azione diretta del sole.

D’altra parte, dobbiamo essere consapevoli che tutto in natura è collegato, in modo che anche altri elementi come l’acqua e i venti siano colpiti dalla deforestazione.

Effetti sulla terra

Non c’è dubbio che la terra sia direttamente collegata ai danni causati dalla deforestazione, poiché è proprio quella che tiene in vita tutte le piantagioni.

Ma l’impatto non finisce qui, poiché è comune riscontrare che la perdita di protezione degli alberi accelera la loro erosione.

Inoltre, a seconda dello scopo che si prevede di promuovere con l’uso del suolo , il più comune è che sia sottoposto a processi diversi.

L’erosione del suolo è in grado di intaccarlo fino a  lasciarlo asciutto e senza proprietà utili,  ma anche facendo spostare i sedimenti in altri siti.

Con ciò è possibile osservare come ne risentano anche gli alvei fluviali e altre sorgenti idrografiche.

Effetti sulla biodiversità

Intendiamo la biodiversità come l’insieme di flora e fauna che convivono negli ambienti.

Quando in essi è presente la deforestazione , la prima cosa che fa è eliminare tutte le specie di piante che vi hanno fatto la vita .

Ma lasciano senza tetto anche tutte le specie di fauna che lo abitavano , contando dalle più grandi alle microscopiche che si muovono sul terreno.

Provocano inoltre un indescrivibile effetto negativo sul suolo e sui microbi che in esso vivono e che esercitano una funzione specifica nelle aree, come quella di combattere l’inquinamento.

Allo stesso modo, dobbiamo considerare il fatto che molte specie possono essere in pericolo di estinzione o avere proprietà significative che possono essere utili all’umanità in materia medicinale , ad esempio.

Il punto è che  questo danno è praticamente irreversibile, non basta piantare un albero in una zona quando un’altra è stata totalmente devastata.

Come si combatte la deforestazione?

Oggi hanno ideato  diversi metodi per combattere questo problema. 

Secondo gli esperti, alcuni stanno dando risultati davvero positivi , quindi vale la pena fare la tua recensione.

Riduzione delle emissioni

In questo caso si tratta di una misurazione che viene effettuata di comune accordo tra i Paesi aderenti alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici in termini di emissioni da deforestazione.

Secondo esso , si intende  che i paesi con livelli più elevati di emissioni dovute alla deforestazione le riducano progressivamente promuovendo incentivi per questo .

L’iniziativa dell’azienda di auto elettriche Tesla ha anche questo come uno dei suoi obiettivi principali.

Pagamenti per la protezione delle foreste e passaggio di proprietà

È una pratica che è stata avanzata in alcune parti del mondo,  dando buoni risultati. 

Ciò che si cerca è che i proprietari di terreni con foreste ottengano benefici economici curandoli e preservandoli.

Inoltre, è qualcosa che fa loro comodo perché hanno questo vantaggio aggiunto ad altre fonti che provengono dalle zone, come la produzione di miele.

In questo senso, un altro buon modo che è stato trovato per combattere la deforestazione è che la protezione e la custodia delle aree siano a carico delle popolazioni indigene.

Sviluppano la loro vita a diretto contatto con la natura e il loro interesse principale è prendersene cura e proteggerla.

Nuovi metodi di coltivazione

L’innovazione non ha raggiunto solo le apparecchiature elettroniche, perché oggi è possibile utilizzare diversi metodi di coltivazione (come la coltivazione idroponica ) che non sono direttamente legati alla deforestazione.

Con l’utilizzo delle serre si sono ottenuti buoni risultati di produzione alimentare e sono aree riutilizzabili.

Un caso simile vale per gli orti domestici , dove sebbene la produzione non sia molto elevata , aiuta a frenare il consumismo commerciale.

Un altro buon modo è fare uso dell’agricoltura biologica , dove viene promossa la produzione alimentare  senza causare enormi danni ai pavimenti. 

Questo sistema evita l’uso di sostanze chimiche dannose e anzi rinforza le piantagioni con composti organici che forniscono sostanze nutritive.

Tra gli altri metodi utilizzati in questa materia, ci sono anche foreste artificiali.  Questi sono stati creati dall’uomo ma con i loro processi naturali offrono nuovamente condizioni adatte allo sviluppo degli esseri viventi.

Sono necessari ancora molti progressi in materia, perché non solo basta combatterla, ma lavorare per recuperare tutto ciò che è andato perduto e che è possibile con l’ attuazione del rimboschimento e la piantumazione di alberi.

Tuttavia, il ritmo della deforestazione è molto più accelerato ed è essenziale fermarlo prima che diventi insostenibile per l’umanità.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.