Suggerimenti

Cura del gelsomino cinese

Il gelsomino cinese è uno dei vitigni dai fiori profumati più apprezzati dagli appassionati di giardinaggio, poiché non è una pianta esigente nelle sue cure e, d’altronde, contribuisce molto a qualsiasi spazio con il bel verde delle sue foglie e il bianco copertura che i suoi fiori formano nella stagione della fioritura, anch’essa molto profumata.

Se vuoi imparare a prenderti cura di un gelsomino cinese in vaso o all’aperto, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui vedrai una guida pratica e completa di giardinaggio sulla cura del gelsomino cinese.

Caratteristiche del gelsomino cinese

È comunemente chiamato gelsomino cinese, gelsomino invernale o gelsomino rampicante, sebbene il suo nome scientifico sia Jasminum polyanthum. È una pianta rampicante originaria della Cina e della Birmania, come indica il nome comune, ed è sempreverde. Coltivata come pianta rampicante può raggiungere altezze fino a 6 metri se si dispone del giusto supporto, motivo per cui è molto utilizzata per pergolati e muri.

Questo tipo di gelsomino dà origine a un gran numero di gemme rosa, che in seguito formano fiori bianchi con cinque petali a forma di stella. La sua fioritura è precoce, tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, e non è una specie radicale invasiva, quindi può essere coltivata insieme ad altre piante senza alcun problema.

Posizione e luce per il gelsomino cinese

Il gelsomino invernale può essere coltivato sia nel terreno che in vaso, anche se, come con la maggior parte degli alpinisti, è normale trovarlo all’aperto. La pianta si sviluppa bene in zone di luce solare diretta o in penombra, ma non cresce bene in una zona dove il sole non arriva mai o se ne fa ben poco. Per quanto riguarda il clima, è una pianta in grado di resistere a leggere gelate occasionali, per le quali è riconosciuta una certa resistenza al freddo, ma non tollera temperature molto basse per lunghi periodi.

Se vuoi sapere come guidare un gelsomino cinese, segue la maggior parte delle regole di qualsiasi altro alpinista e non avrà problemi a scalare qualsiasi superficie adatta su cui ha un supporto. Tuttavia, se vedi che è difficile per lui, fornisci guide o bastoncini vicino ai suoi steli in modo che possa sostenersi e crescere.

Terreno per gelsomino cinese

Il terreno non è una delle cure più importanti per questa pianta e l’unica cosa veramente importante è che abbia un buon drenaggio. Il gelsomino invernale non tollera l’umidità in eccesso nelle sue radici, quindi un terreno argilloso o che tende a impregnarsi d’acqua finirà per uccidere la pianta o non permetterle di svilupparsi bene.

Trova un’area in cui mettere la tua pianta di gelsomino nel giardino che non trattiene l’irrigazione o l’acqua piovana e, se sei chiaro sul luogo in cui vuoi piantarlo, puoi preparargli una buona buca con una miscela di terreno adatta. La fibra di cocco miscelata in parti uguali con la torba si traduce in un substrato molto leggero con ottimo drenaggio, molto adatto. Se lo arricchisci anche con humus di lombrico o qualche altro fertilizzante organico, la tua pianta si svilupperà inizialmente meglio.

Irrigazione del gelsomino cinese

Questo è il punto chiave nella cura del gelsomino invernale. Le sue radici marciranno se innaffi troppo spesso, quindi devi aspettare che il terreno o il substrato si siano asciugati oltre il terriccio prima di annaffiare di nuovo. Questo tende ad accadere a giorni alterni nei mesi caldi e fino a una volta alla settimana nei mesi freddi. Logicamente, questi sono tempi guida per l’irrigazione del gelsomino cinese e dipendono dal clima e dal suolo di ciascuna area. Infatti, all’aperto e con pioggia, è meglio non annaffiare durante i mesi freddi.

Se hai il tuo gelsomino cinese in una pentola, non mettere la pianta sotto di essa, o se lo fai, svuotala circa dieci minuti dopo aver annaffiato.

Potatura del gelsomino cinese

Il gelsomino cinese non necessita di potature intense e, a meno che non si voglia mantenerlo ridotto a determinate dimensioni, è sufficiente fare una manutenzione regolare per rimuovere le parti secche o danneggiate, nonché i rami che crescono in modo da ostacolarne gli altri. Puoi potarlo in qualsiasi momento tranne nella stagione della fioritura. Qui ti diciamo di più su quando e come potare il gelsomino.

Come riprodurre il gelsomino cinese

Il gelsomino cinese si riproduce molto facilmente sia per polloni che per talea.

  • I cuccioli vengono prelevati dalla pianta madre in primavera e possono essere trapiantati nella nuova posizione.
  • Le talee vanno fatte a fine estate, ed è consigliabile scegliere rami semilignati, dove il legno non è ancora completamente duro.

Come trapiantare il gelsomino cinese

Se hai coltivato il tuo gelsomino cinese in vaso e pensi che sia giunto il momento di portarlo all’aperto, il momento migliore per trapiantarlo è la primavera, soprattutto considerando che il rischio gelo nella tua zona non esiste più.

Se volete continuare a tenerla in vaso ma la vostra pianta necessita di un contenitore più grande, si consiglia di effettuare il trapianto anche durante la primavera, anche se se andrà in casa avrete un periodo di lavoro più lungo. Qui ti diciamo come piantare un gelsomino in modo da poter vedere meglio i passaggi da seguire durante un cambio di vaso o terriccio.

Malattie del gelsomino cinese

Il gelsomino cinese non è particolarmente sensibile a nessun particolare parassita, venendo occasionalmente attaccato da quelli più comuni, come la cocciniglia o gli afidi. In ognuno di questi casi, prestare attenzione alle foglie e alla loro parte inferiore e trattarle il prima possibile con rimedi ecologici, come l’olio di Neem o il sapone di potassio, che non danneggeranno la pianta e uccideranno il parassita.

Ti consigliamo di leggere queste guide su Come eliminare la cocciniglia cotonosa e Rimedi casalinghi contro gli afidi.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cura del gelsomino cinese, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.