Suggerimenti

Irrigazione dell’aglio: [Necessità, frequenza e procedura]

Essendo l’aglio una specie che cresce sotto terra sotto forma di bulbi, il tema dell’irrigazione è uno dei più delicati da considerare.

La scarsità d’acqua o di ristagno avrà un impatto decisivo sulla struttura della pianta e, naturalmente, sulla sua parte commestibile.

Per questo motivo le persone che si dedicano alla loro coltivazione passano molto tempo a controllare le condizioni per dare loro l’esatta quantità di acqua.

Sapete quali sono queste condizioni e come gestire i rischi in sicurezza? Se la risposta è negativa, non preoccuparti perché qui ti diremo tutto.

Punti importanti quando si innaffia l’aglio:
  • Frequenza di irrigazione: una volta alla settimana nella prima fase, quasi tutti i giorni nella seconda e sopprimerle quando si avvicina il momento della raccolta.
  • Metodo di irrigazione: il metodo più consigliato è a goccia.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: è preferibile nelle prime ore del mattino.
  • Identificare l’acqua in eccesso: marcire nel bulbo.
  • Identificare la carenza idrica: Secchezza sulle foglie e sul substrato .

Quali esigenze di irrigazione ha l’aglio?

Le esigenze irrigue dell’aglio variano a seconda dello stadio di sviluppo che la specie ha dal momento della messa a dimora. La cosa normale è iniziare con annaffiature distanziate mentre la pianta si deposita dopo la semina.

Successivamente, il fabbisogno aumenta man mano che il bulbo cresce, finendo per essere completamente soppresso nei giorni prossimi alla raccolta.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nell’aglio?

La principale manifestazione della mancanza di acqua all’aglio è evidente nel substrato, che apparirà asciutto.

Tuttavia, è necessario verificare in profondità che questo sia il caso perché le radici sono in grado di ottenere l’acqua dagli strati più profondi.

Quindi, quando vedete che il substrato è un po’ asciutto, l’ideale è scavare un po’ per controllare se anche la parte più interna è asciutta. In tal caso, è necessario applicare un’irrigazione.

In caso contrario, puoi aspettare ancora qualche giorno per andare avanti con maggiore sicurezza.

Ogni quanto dobbiamo innaffiare l’aglio?

Qui si possono considerare tre fasi:

  1. I primi tre mesi, l’irrigazione deve essere distanziata, in ragione di 1 volta a settimana , circa.
  2. Il mese successivo, cioè quando il bulbo è in netta crescita, le innaffiature dovranno aumentare fino a raggiungere le innaffiature giornaliere , se la pianta viene tenuta in ambiente più o meno asciutto.
  3. Verso la fine della fase produttiva, quando i giorni di raccolta si avvicinano, le innaffiature devono essere sospese .

L’idea di sospendere le annaffiature quando si avvicina la fine della fase produttiva, 3 settimane prima della raccolta, è quella di fare in modo che i bulbi si secchino. Quando questa azione non viene intrapresa, l’estrazione è complicata perché i bulbi tendono a smembrarsi e possono anche marcire.

Qual è il modo migliore per innaffiare l’aglio?

L’annaffiatura dell’aglio è consigliata mediante la tecnica a goccia perché facilita il controllo esatto dell’acqua che si sta fornendo. Qui dovrai semplicemente orientare la sorgente d’acqua verso la base della pianta, facendo attenzione che non ci siano pozzanghere nel suo ambiente.

Per evitare questi inconvenienti, si consiglia di piantare l’aglio in un terreno con un alto livello di drenaggio che faciliti il ​​rapido deflusso dell’acqua.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nell’aglio?

L’acqua in eccesso nell’aglio culminerà nel marciume che in primo luogo coprirà il bulbo sotto terra. È molto importante avere il controllo su questa cura perché forse quando le foglie mostrano che qualcosa non va, sarà già troppo tardi per riguadagnare la salute dell’aglio.

Questa eccezione non si applica nelle ultime settimane, poiché i bulbi tendono a maturare all’interno della terra e le foglie iniziano piuttosto a seccarsi. È importante notare che se l’aglio viene seminato durante la stagione primaverile e ci sono piogge, non sarà necessario applicare l’irrigazione in quei giorni.

E sebbene questa metodologia sia la più comune da applicare, le condizioni specifiche in cui hai piantato l’aglio hanno molta influenza. Ad esempio, nei terreni sabbiosi il drenaggio dell’acqua è più rapido, quindi le annaffiature dovrebbero essere più frequenti.

Tuttavia, i terreni argillosi trattengono più umidità e sono facilmente allagabili, quindi la quantità di acqua deve essere molto inferiore. Conoscendo questi dettagli e applicando la logica al tuo caso particolare, la cosa più sicura è che stabilirai presto la quantità e la frequenza corrette dell’acqua.

E questo, ovviamente, si tradurrà in un raccolto di aglio di alta qualità e in condizioni ottimali.

Forse ti interessano anche:
  • Parassiti e malattie dell’aglio: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Produzione di aglio: è redditizia? Quanto ci vuole?

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.