Suggerimenti

23 verdure che puoi piantare in autunno

Se vuoi iniziare un orto biologico o semplicemente vuoi continuare a coltivare i tuoi ortaggi, ti diremo cosa puoi piantare o seminare durante l’autunno.

A questo punto dell’anno avremo raccolto praticamente tutti i frutti e gli ortaggi della primavera e dell’estate ed è tempo di seminare gli ortaggi autunnali .

Possiamo iniziare preparando i nostri semenzai (si consiglia l’uso di semi biologici ) o acquisire piantine già pronte e semplicemente trapiantarle (questa seconda opzione è la più veloce e garantisce una maggiore vitalità di sopravvivenza delle piante).

Leggi i post Preparare semenzai o piantine in modo semplice e 5 consigli per il trapianto per maggiori informazioni.

In questo periodo dell’anno le temperature scendono rispetto all’estate, c’è più vento, le giornate sono più corte e quindi c’è meno luce e piove di più.

Nelle zone con molto vento (soprattutto da nord) e/o gelo può essere una buona idea coltivare ortaggi che potrebbero risultare meno resistenti in serra o sotto la plastica. Può anche tornare utile aggiungere arbusti al tuo giardino per fungere da frangivento.

Tieni presente che per alcune verdure (come bietole, cavoli o zucca, ecc.) esistono varietà estive, autunnali, invernali … scegli quella giusta per ogni stagione dell’anno.

Per maggiori informazioni è possibile consultare la tabella di associazione delle colture .

Ti consigliamo inoltre quali semi biologici utilizzare , le migliori fioriere, cassette e tavoli da coltivazione per il tuo giardino e libri indispensabili per imparare tutto sul giardinaggio biologico .

Vediamo quali piante riescono a sopportare bene le temperature fredde e umide caratteristiche dell’autunno.

23 verdure che puoi piantare in autunno

1.- Bietola

Un ortaggio a foglia verde che non può mancare in cucina. Se vivi in ​​una zona a clima temperato praticamente tutto l’anno puoi piantare bietole.

Localizzate questo ortaggio sia in pieno sole che in mezz’ombra, in entrambi i casi si adatta molto bene. Ma sì, se hai intenzione di coltivare la bietola in zone con clima freddo, è preferibile lasciarla fino alla fine dell’inverno o farlo in serra.

In un periodo da 50 a 60 giorni, avrai la tua bietola biologica pronta per la raccolta.

Qui hai maggiori informazioni sulla coltivazione biologica della bietola.

.
2.- Aglio

A metà autunno possiamo iniziare a seminare l’aglio.

È un tipo di coltura molto poco impegnativo, quindi è molto adatto a chi è alle prime armi con l’orticoltura oa chi non può dedicare molto tempo al proprio giardino.

Ci serve semplicemente uno spicchio d’aglio che inseriremo in un piccolo foro profondo circa 4 cm che faremo nel terreno.

Possiamo coltivare l’aglio sia direttamente sul terreno che in contenitori, vasi e tavoli di coltivazione.

Accedi al file di coltivazione dell’aglio .

3.- Borragine

Normalmente inizia a coltivare mediante semina diretta. È un ortaggio poco esigente in termini di fabbisogno di macro e micronutrienti nel terreno di coltivazione e può sopportare l’inverno con relativa facilità.

Lasciare una cornice di piantagione di circa 40 cm per consentire alle piante abbastanza spazio per svilupparsi.

Cerca di posizionare le tue piante di borragine in pieno sole per ottenere raccolti migliori e per mantenere il terreno con un grado di umidità costante.

Un grande vantaggio della coltivazione della borragine nel nostro giardino è che i suoi bellissimi fiori attirano le api, uno dei principali impollinatori .

Dalla borragine possiamo consumare sia i suoi fiori, sia le foglie e gli steli.

4.- Broccoli

Per ottenere un raccolto scaglionato, puoi seminare o trapiantare a una o due settimane di distanza.

Normalmente il broccolo viene seminato in semenzaio e dopo circa 50 giorni viene solitamente trapiantato.

Per questo tipo di coltivazione è preferibile che il terreno abbia un pH intorno a 6,5 ​​perché prediligono suoli con una certa acidità. È importante che il terreno sia ricco di sostanza organica perché in questo senso è una coltura impegnativa.

Assicurarsi che le innaffiature siano sufficienti e regolari, soprattutto durante lo sviluppo del pellet.

Accedi al file di coltivazione del broccolo .

5.- Zucca o zucca

Un ortaggio molto versatile in cucina che vale la pena coltivare noi stessi.

Per rendere più facile e veloce la germinazione dei semi di zucca o zucca, lasciarli in un panno umido per 48 ore prima di seminarli.

Evitare l’acqua in eccesso nelle innaffiature perché la zucca potrebbe marcire.

Affinché le zucche crescano in tutto il loro splendore, mettile in una zona che riceva il sole diretto e cerca di evitare l’ombra.

Accedi alla scheda coltivazione biologica della zucca cliccando qui

6.- Canoni

Stanno benissimo nelle insalate e sono una delle verdure a foglia verde che possiamo coltivare sia direttamente a terra che in contenitori e tavoli di coltivazione.

È importante assicurarsi di mantenere il terreno sufficientemente umido e che abbia un buon apporto di sostanza organica, perché richiede suoli ricchi di sostanze nutritive.

Metti la valeriana in uno spazio soleggiato, perché crescono meglio con una buona esposizione al sole.

In soli 50-60 giorni avremo la nostra valeriana biologica pronta per la raccolta.

Guarda cosa serve per coltivare la valeriana .

7.- Cipolla

Esistono molte varietà diverse di cipolle, scegli quelle che ti piacciono di più e che si adattano meglio al clima della zona in cui pianterai le cipolle in modo da ottenere risultati migliori.

È importante annaffiarle regolarmente, che non abbiano acqua in eccesso e posizionarle in una zona con una buona esposizione al sole, anche se di solito possono adattarsi a zone con mezz’ombra.

A seconda della varietà di cipolla che seminiamo, possiamo iniziare a raccoglierla tra 60 giorni e 120 giorni.

Trova maggiori informazioni sulla coltivazione delle cipolle qui .

8.- Cavolo cappuccio, cavolo rosso e cavolo

È un tipo di coltivazione che richiede terreni ricchi di sostanza organica, per questo è possibile incorporare humus di lombrico o compost al terreno di coltivazione.

È un ortaggio molto sensibile alla siccità, sarebbe bene utilizzare l’irrigazione a goccia o ad essudato per garantire che l’umidità del terreno sia ottimale e costante senza sprechi d’acqua.

I cavoli necessitano di una buona esposizione al sole, la luce diretta ne migliora lo sviluppo.

Accedi al file di coltivazione del cavolo .

9.- Cavolfiore

I semi di cavolfiore impiegano pochissimo tempo per germogliare, hanno solo bisogno di una settimana. Ovviamente è necessario mantenere i semenzai ad una temperatura media di 14ºC.

Il cavolfiore è una coltura esigente quando si tratta di acqua. Avrai bisogno di annaffiature generose e abbondanti. Evita di coltivare il cavolfiore se ti trovi in ​​una zona secca con poche precipitazioni.

Per evitare che il cavolfiore abbia un sapore amaro dovuto all’esposizione al sole, è importante coprirlo con le foglie. Ecco perché è preferibile coltivarlo in mezz’ombra.

Maggiori informazioni sulla coltivazione del cavolfiore .

10.- Pastinaca

È un ortaggio a radice che resiste bene al freddo e la sua coltivazione di solito non ha molti problemi, quindi è un buon ortaggio da coltivare se si inizia nel mondo dell’orticoltura.

Con la pastinaca possiamo optare per la semina diretta e possiamo anche preparare semenzai o piantine.

Trattandosi di un ortaggio a radice, dobbiamo fare in modo che il terreno abbia una buona profondità, sia ben areato e spugnoso, non sia incrostato e non ci siano sassi o grosse zolle di terra che potrebbero ostacolare lo sviluppo della pastinaca.

Vuoi saperne di più sulla coltivazione della pastinaca? Clicca qui .

11.- Indivia

È un ortaggio a foglia verde che resiste abbastanza bene alle basse temperature dell’autunno.

Con l’indivia possiamo sia preparare piantine che acquisire piantine e trapiantarle direttamente. Scegli l’opzione più adatta alle tue esigenze.

Affinché possa crescere bene, lascia una cornice di piantagione di almeno 40 cm x 40 cm per l’indivia. In questo modo lasciamo spazio sufficiente per ogni indivia e può ricevere meglio la luce solare.

In circa 80-90 giorni puoi già raccogliere le tue indivie biologiche.

12.- Spinaci

Un altro grande ortaggio a foglia verde da coltivare in questo periodo dell’anno.

Mantenere un’irrigazione regolare durante la coltivazione degli spinaci, evitare ristagni d’acqua perché è particolarmente sensibile all’acqua in eccesso. Un altro fattore che influenza il ristagno idrico è la capacità di drenaggio del terreno.

Se hai un giardino in vaso, gli spinaci sono ottimi da coltivare in contenitori e coltivare tavoli.

Pianta gli spinaci in una zona luminosa, dove riceva la luce solare diretta.

In soli 45-55 giorni possiamo raccogliere i nostri spinaci biologici.

Accedi al file di coltivazione degli spinaci .

13.- Piselli, piselli o piselli

Non è necessario preparare piantine, quindi le semineremo direttamente nel luogo di coltivazione finale.

Se hai poco spazio per il tuo giardino, i legumi come i piselli sono ottimi perché sono colture verticali che non occupano molto spazio.

È necessario tutorare le piante in modo che crescano dritte e ricevano il sole su tutta la loro superficie.

Può essere una pianta sensibile al gelo, quindi sarà necessario proteggerla se si vive in una zona fredda o posticiparne la coltivazione fino alla fine dell’inverno.

Maggiori informazioni sulla coltivazione biologica dei piselli .

14.- Fave

Di solito scelgo di piantare i fagioli di Lima direttamente nel loro sito di crescita finale invece di preparare le piantine.

Lascio uno spazio tra seme e seme di circa 30 cm.

Se non innaffiate a sufficienza (ma senza innaffiarla) ve ne accorgerete perché le piante danno pochi baccelli o perché sono più piccoli e anche i loro semi (fagioli).

Assicuratevi che il terreno coltivabile sia sciolto, senza impaccamenti, che sia ricco di sostanza organica e che abbia una buona profondità.

Come i piselli, i fagioli di Lima hanno bisogno di un tutore in modo che durante la loro crescita ricevano una buona luce e che l’aria possa circolare tra le piante.

È interessante coltivare i legumi in giardino perché aiutano a fissare l’azoto nel terreno e rendono più vantaggioso, tra l’altro, coltivare successivamente ortaggi che hanno un elevato fabbisogno di azoto.

In circa 120-140 giorni puoi iniziare a raccogliere i tuoi fagioli nutrienti o biologici e gustarli nei tuoi piatti preferiti.

Clicca qui per vedere maggiori informazioni.

15.- Lattuga

Un’opzione per coltivare la lattuga è da seme e un’altra opzione è per crescere da piantina. Sia che tu lo coltivi direttamente nel terreno o in vaso o che coltivi i tavoli, lascia un telaio minimo di semina di 20 centimetri per 20 centimetri.

Mantenere le innaffiature regolari e il terreno sempre con un po’ di umidità. Il pacciame o l’imbottitura possono tornare utili.

A seconda della varietà di lattuga che seminiamo e delle condizioni di crescita, in circa 50-60 giorni puoi già raccogliere lattuga biologica.

Accedi al file di coltivazione della lattuga .

16.- Rapa

Ci sono varietà che resistono molto bene alle condizioni autunnali e invernali.

Inizia coltivando la tua rapa mediante semina diretta. Lascia una cornice di piantagione di circa 12 cm.

Il terreno deve essere sciolto e privo di sassi e grossi pezzi di terra in modo da non ostacolare la crescita della rapa.

Questa coltura è esigente in termini di irrigazione.

Ah! Non buttate via le foglie perché sono commestibili e molto nutrienti. Puoi cucinarli proprio come gli spinaci, anche sostituirli nelle ricette di cucina.

17.- Patata o patata

Anche in vaso e in sacco possiamo coltivare patate biologiche. Ovviamente assicurati che abbiano una profondità di circa 60 cm.

Il terreno deve essere sciolto, ben setacciato e privo di pezzi di terra o sassi per permettere lo sviluppo di questo tubero.

Cerca di mantenere il terreno sempre un po’ umido (umido, non bagnato) e metti le piante in un luogo dove ricevano la luce del sole.

A seconda della varietà di patata o patata che semini e delle condizioni di crescita, dopo 12 settimane potresti iniziare a raccogliere le tue patate biologiche.

Guarda come piantare le patate .

18.- Porri o porri all’aglio

Scegli una delle varietà di porro da coltivare in autunno e in inverno.

È possibile sia seminarli direttamente sia preparare le piantine e trapiantarle successivamente.

Non richiedono molto spazio per crescere e puoi coltivarlo in vasi o tavoli di coltivazione che abbiano una profondità minima di 30 cm. Lascia una cornice di piantagione di 12 “x 12” tra il porro e il porro.

Poiché si tratta di una coltura che richiede azoto, coltiva i porri nella stessa posizione in cui hai precedentemente piantato i legumi.

E’ importante effettuare il rincalzo, che consiste nell’ammassare la terra per coprire il fusto man mano che cresce in modo che rimanga bianco.

In un periodo da 100 a 120 giorni inizierai a raccogliere il tuo aglio o porri biologici.

19.- Ravanelli

Una coltura molto comune negli orti urbani perché crescono molto bene in contenitori e tavoli di coltivazione per via del poco spazio che richiedono.

Sono anche abbastanza rustici, quindi devi solo prendere in considerazione alcuni problemi di base, come mantenere un’irrigazione regolare per evitare screpolature.

Effettua la semina diretta dove vuoi far crescere i tuoi ravanelli, non è necessario preparare le piantine o le piantine.

Pianta i ravanelli in modo sfalsato in modo da avere una scorta di ravanelli per diverse settimane successive.

In soli 30 giorni abbiamo già i nostri ravanelli biologici pronti per essere raccolti.

Entra nella scheda di coltivazione del ravanello .

20.- Ravanello

Esistono molte varietà di ravanelli e sicuramente ce n’è uno che meglio si adatta al clima della zona in cui li coltiverai.

Possiamo iniziare seminando direttamente i semi di ravanello. Se hai intenzione di coltivarli in vaso o sui tavoli di coltivazione, devono avere una profondità minima di 20 cm.

A seconda della varietà di ravanello e se ha avuto le condizioni ideali per la sua crescita, puoi gustare i ravanelli biologici in circa 30 giorni.

21.- Barbabietola o barbabietola

Un’altra delle colture comuni negli orti urbani e nei frutteti in vaso.

Come nelle colture di ortaggi a radice e tuberi e bulbi, occorre prestare particolare attenzione che la terra abbia un buon drenaggio dell’acqua in modo che non rimanga accumulata e possa marcire.

Posiziona le beterradas in pieno sole ed evita di stare all’ombra di altre piante.

A seconda della varietà di barbabietola e delle condizioni di crescita, dopo 90 giorni puoi iniziare a raccogliere barbabietole biologiche.

Leggi di barbabietole in crescita .

22.- Rucola

Una verdura a foglia verde che viene utilizzata principalmente nelle insalate ma può anche essere aggiunta a ricette di pasta e pizza dove ha un bell’aspetto.

È un tipo di coltivazione ideale per vasi, contenitori e tavoli di coltivazione perché non richiede un grande telaio di semina e possiamo sfruttare al meglio il poco spazio che abbiamo.

È in grado di resistere alle basse temperature e non è una coltura esigente per quanto riguarda i suoli.

In soli 30 o 40 giorni puoi iniziare a raccogliere la tua rucola biologica e gustarla come preferisci.

Scopri altri fatti sulla coltivazione della rucola .

23.- Carote

La semina diretta dei semi di carota tende a dare risultati migliori rispetto alle piantine perché non sopportano bene i trapianti.

Il terreno deve essere ben lavorato e privo di zolle e sassi che possano ostacolare la crescita della carota.

È un tipo di ortaggio a radice che possiamo seminare senza problemi in vasi e tavoli di coltivazione che hanno una profondità di 30 cm. Lasciare uno spazio tra seme e seme di 10 cm.

Cerca di evitare annaffiature eccessive perché possono marcire la carota e mantenerle regolari per tutto il raccolto in modo che non si rompano.

A seconda della varietà, della carota che coltivi, in un periodo di 15 settimane potresti già assaggiare le tue deliziose carote biologiche.

Accedi al file di ritaglio della carota .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *