Suggerimenti

Quali proprietà ha il curry? Vi raccontiamo i benefici di questa famosa spezia

Il curry è diventato molto popolare, soprattutto negli ultimi anni. E poiché lo troviamo molto interessante, in questo post ti diremo tutto ciò che devi sapere sul curry, in modo che tu lo sappia e approfitti dei suoi benefici.

Cos’è il curry?

Il termine curry deriva da “kari”, con il quale si indicano i piatti in umido che si ottengono aggiungendo diverse spezie ed erbe aromatiche preparate con diverse lavorazioni.

Il curry è una miscela di spezie e condimenti e questa miscela può includere diversi condimenti.

Il sapore caratteristico della cucina tradizionale indiana richiede la lavorazione di una varietà di spezie, comprese una o più operazioni come arrostire, friggere e polverizzare per ottenere un profilo aromatico appropriato attraverso la stagionatura.

Ecco perché il curry commerciale può essere definito come un mix stabile di spezie già lavorate e pronte all’uso in una varietà che solitamente comprende:

peperoncino verde, rizoma di galanga, scalogno, citronella, lime kaffir, aglio , cumino e pepe nero , oltre alla curcuma (che gli conferisce il suo colore giallo) o allo zenzero .

Naturalmente, questi ingredienti variano da una casa e da una regione all’altra, ed è per questo che esistono molte varietà di curry ottenute da diverse combinazioni e processi a cui le spezie e gli aromi sono sottoposti per fare il condimento.

I tipi più popolari di curry già pronti preparati commercialmente includono anche cannella , noce moscata , chiodi di garofano , coriandolo , senape e semi di papavero , tamarindo , cardamomo , zafferano e pepe di Caienna.

Le varietà sono tante quanti sono i luoghi in cui viene preparato, corrispondenti alla diversità delle specie presenti nella regione, tuttavia una semplice classificazione si basa sui colori:

  • Curry rosso : comprende peperoncino e pepe rosso, oltre ad altre spezie arrostite e macinate, generalmente utilizzate con le carni.
  • Curry verde : preparato con spezie fresche, cumino, coriandolo e buccia di lime, generalmente utilizzato con il pesce.
  • Curry giallo : in cui predomina la curcuma, che gli conferisce il tono giallo, e viene solitamente utilizzato con il riso , ma anche con carne e pesce.

A cosa serve il curry?

Trattandosi di un preparato che può essere realizzato con molteplici e diverse specie vegetali, i benefici possono variare a seconda dei suoi componenti, ma di solito si tratta di un integratore ricco di vitamine e minerali e altri componenti interessanti per la salute.

Essendo una miscela originaria dell’India, le spezie più utilizzate nel curry sono le specie tradizionalmente utilizzate nella cucina indiana come:

  • Pepe nero ( Piper nigrum ): principale responsabile del sapore intenso e piccante, che contiene olio essenziale con terpeni, piperina, chavicine e bisabolene, con effetto antipiretico, tonificante e antisettico.
  • Curcuma ( Curcuma longa ): usata come colorante alimentare e uno dei più rilevanti nel curry giallo, essendo quella che gli conferisce quel colore, oltre che un sapore un po’ piccante. I suoi principi attivi più importanti sono i curcuminoidi e i composti fenolici, con proprietà ed effetti terapeutici che stimolano la respirazione e la circolazione sanguigna, riducono i livelli di grasso e hanno un effetto antinfiammatorio.
  • Zenzero ( Zingiber officinale Roscoe): dall’aroma agrumato intenso e leggermente speziato, composto da zingiberene, responsabile dell’aroma, arilalcani e gingerdiolo, che stimolano la secrezione di saliva e succhi gastrici, con effetti carminativi, mucolitici e antibatterici, oltre a rafforzare il sistema immunitario e la digestione.

Altri elementi importanti nel curry sono:

  • Cile o Peperoni (del genere Capsicum ): il frutto di diverse specie e varietà con più o meno capsaicinoidi a cui è attribuito il prurito o la purga, con effetto anestetico e che aumenta la produzione di saliva e succhi gastrici favorendo la digestione.
  • Cumino ( Cuminun cyminum ): che conferisce un sapore amaro e aromatico, con effetto astringente, spasmodico, calmante e antibatterico.
  • Chiodo di garofano ( Syzygium aromaticum ): contiene principalmente eugenolo, con effetto antisettico, analgesico e leggermente anestetico.

I vantaggi di usare il curry nei tuoi piatti

Le caratteristiche e gli effetti sulla salute di tutte queste spezie sono molteplici per contribuire alla prevenzione delle malattie e al miglioramento di diverse patologie. Come abbiamo già indicato delle suddette spezie.

La verità è che tutti loro e altri che vengono utilizzati nelle diverse miscele per la preparazione del curry, sia casalingo che preparato in precedenza per la commercializzazione, hanno la qualità di esaltare il sapore e ridurre le quantità di zuccheri e sale nei pasti, con i benefici che questo comporta per la salute.

Dall’altro c’è l’apporto organolettico del curry, percepito dai sensi in termini di untuosità, sapidità e lucentezza, nonché le proprietà chimiche della stessa miscela di spezie.

Ad esempio, la curcuma, attenua l’effetto irritante del peperoncino o del peperoncino; i peperoni stimolano l’appetito e la secrezione dei succhi gastrici, facilitando la digestione; e l’effetto carminativo dello zenzero, che favorisce l’espulsione dei gas dal tubo digerente.

In quali ricette usare il Curry

Dalla gastronomia dell’Asia meridionale, il curry si è fatto strada nella cucina mondiale, prima nella cucina inglese, fino ad occupare un posto importante nei piatti di tutto il mondo, condendo carni, pesce, frutti di mare, legumi e stufati.

Pollo al curry

Senza dubbio il piatto più riconosciuto, economico e facile da preparare. Le ricette e le guarnizioni possono variare tanto quanto le famiglie lo preparano, ma gli ingredienti base sono:

  • Pollo senza pelle tagliato a cubetti
  • Cipolle tagliate a pezzetti
  • Curry in polvere o pasta
  • Acqua o, preferibilmente, brodo .

Il pollo viene rosolato con le cipolle e, una volta dorato, aggiungete il brodo e il curry (2 cucchiai per litro di brodo), mescolate per sciogliere e amalgamate bene gli ingredienti e lasciate cuocere a fuoco lento per circa 15-20 minuti.

Condimento per insalata o salsa

Insalate di ogni tipo, in particolare le insalate a foglia verde con carne o pesce, possono essere condite con questa semplice ricetta dal profumo esotico:

  • Una tazza di yogurt bianco (convenzionale o vegetale)
  • 2 cucchiai di curry
  • 1 peperone rosso medio , tagliato a pezzi
  • Succo di 1 limone

Si prepara direttamente nel frullatore, incorporando gli altri ingredienti nello yogurt e mescolando fino ad ottenere una salsa omogenea.

Può essere utilizzato anche per aromatizzare e colorare il riso, incorporando il curry nell’acqua di cottura, facendo attenzione che si sciolga bene prima di cuocere il riso.

Per le verdure e le zuppe, il curry può essere aggiunto come qualsiasi altro condimento, a fine cottura per godere di un sapore più intenso.

Consumo moderato di curry Se …

Il curry, usato con moderazione, non avrebbe effetti collaterali se non in caso di allergia a una qualsiasi delle spezie utilizzate per realizzarlo.

È anche importante considerare la dose massima in caso di disturbi della colecisti e malattie gastriche, nonché durante la gravidanza, l’allattamento, l’interazione con farmaci e in caso di interventi chirurgici, poiché la curcuma, in particolare, può rallentare la coagulazione del sangue.

Non è consigliabile prepararlo a casa, poiché la quantità di ciascuna delle spezie secondo il suo processo di preparazione deve avere un dosaggio specifico in modo che risulti una miscela stabile. Ma quando acquisti un curry, assicurati che sia fatto con spezie biologiche, coltivate senza pesticidi sintetici, scegli il Curry biologico .

Bibliografia consultata

  • “Determinazione delle caratteristiche fisiche, chimiche e sensoriali del mix di curry istantaneo per ricette vegetariane”, SV Karadbhajne, Neha A Saraf. Rivista internazionale di scienze alimentari e nutrizione, vol. 2 numero 6. 2017
  • “Paste di curry tradizionali durante Sukhothai to Ratthanakosin: l’esperienza soggettiva del passato e del presente”, Taddara Kanchanakunjara, Songkoon Chantacon, Marisa Koseyayothin e Tiwatt Kuljanabhagavad. Cultura e storia dell’Asia, vol. 7 n. 1. 2015
  • “Spezie indiane da utilizzare nella cucina spagnola e i loro benefici per la salute”, Carmen Wilson Peña. Lavoro di laurea, Facoltà di Farmacia, Università Complutense.
  • “La chimica e l’arte culinaria”, Ma. Graciela Coello Domínguez. 2014
  • “Ricettario madrileno per casalinghe”, ricetta di Manuela Carmena. mercato madrileno. 2019

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *