Suggerimenti

Potare i mandorli: quando e come farlo

Con il nome scientifico Prunus dulcis, il mandorlo è un albero a foglie caduche molto noto sia per i suoi frutti, i mandorli, sia per i suoi bellissimi e piccoli fiori di colore chiaro, che conferiscono un aspetto unico a qualsiasi giardino con tutti i suoi rami coronati di bianco.o rosa pallido.

Come nella maggior parte degli alberi, la potatura del mandorlo è molto importante per il suo corretto sviluppo. Per questo motivo, in EcologíaVerde, abbiamo preparato questo articolo come guida pratica per aiutarti a sapere quando e come potare i mandorli.

Quando potare i mandorli

La prima cosa da chiarire è che esistono diversi tipi di potatura del mandorlo, anche se in realtà avviene sia nel caso del mandorlo che nella maggior parte degli alberi che portano frutto. Da un lato vi è la potatura di addestramento, dall’altro la potatura a fruttificazione e, infine, la potatura di ripristino.

Tutti devono essere eseguiti nel periodo di riposo vegetativo dell’albero, cioè all’inizio dell’inverno, ma applicheremo un tipo o l’altro di potatura a seconda dell’età e delle condizioni del nostro albero.

Come potare i mandorli passo dopo passo

Successivamente, spieghiamo come eseguire ogni tipo di potatura del mandorlo:

Potatura di allevamento dei mandorli

La potatura di formazione del mandorlo viene praticata per la prima volta quando l’albero è alto circa 1 metro e, da lì, si effettua nei quattro anni successivi. Con questa potatura, quello che cerchiamo è dare al mandorlo una buona struttura e forma, in cui i rami siano concentrati nella chioma e verso l’esterno, senza disturbarsi a vicenda.

In questo modo, il primo anno devi tagliare tutti i rami principali (i 3 o 4 superiori) a 2 gemme di distanza e il resto a 1 gemma. Nel secondo anno ripetiamo il processo, lasciando i rami principali a 2/3 della loro dimensione e il resto ancora a 1 gemma. Questa volta togliamo i rami che crescono verso l’interno, così come i resti di quelli rimasti alla base del tronco. Dal terzo e quarto anno l’operazione si ripete dando priorità all’eliminazione dei polloni e dei rami interni, poiché il resto sarà già abbastanza formato.

Manutenzione o potatura a frutto

Dal quarto anno si pratica la potatura di mantenimento o fruttificazione, che consiste nel dare all’albero buoni rami secondari che producono molti frutti. I polloni vengono rimossi, i loro rami sono ben distribuiti e le parti secche o malate vengono rimosse. Se non vuoi il tuo mandorlo per il frutto, puoi concentrarti solo sulla pulizia delle parti che ne hanno bisogno.

potatura di ripristino

Infine, si pratica la potatura di restauro del mandorlo su alberi vecchi o molto malati. Viene eseguita come ultima risorsa, poiché è una potatura molto aggressiva che mette a rischio l’albero. Quando viene eseguito, lasciamo solo i rami principali dell’albero, già lunghi non più di mezzo metro.

Potatura di mandorla verde

C’è una sola eccezione al fatto del momento in cui si deve praticare la potatura del mandorlo. Il periodo di potatura dei mandorli è sempre invernale, con l’albero in riposo vegetativo, ma dopo la prima potatura, in quella prima estate bisogna effettuare una potatura verde.

La cosiddetta potatura verde è quella che cerca di eliminare precocemente polloni e rami indesiderati con un orientamento indesiderato, poiché saranno cresciuti molto rapidamente.

Come potare mandorli abbandonati o vecchi

Quando si cerca di ridare forza e vitalità ad un mandorlo molto vecchio o abbandonato da molto tempo, di solito non c’è altra scelta che ricorrere alla potatura di ripristino.

Come abbiamo detto prima, è una potatura molto aggressiva che mette in pericolo la salute dell’albero. Infatti, se i rami principali sono più spessi di 10 centimetri, le ferite da chiudere sono molto grandi e l’albero potrebbe non sopravvivere. Tuttavia, poiché molte volte non c’è altro rimedio, devi correre un rischio. Quando si esegue la potatura di ripristino, tutti i suoi rami principali vengono potati a non più di 50 cm dalla fonte, senza lasciare rami secondari. Questo è un tentativo di «ripartire» l’albero fino al punto in cui lo abbiamo posizionato con la prima potatura di addestramento. In questo modo, se il mandorlo sopravvive alla potatura, ricrescerà correttamente e con più forza.

Ricorda che le tue forbici da potatura per mandorle, così come il resto del tuo kit di attrezzi da giardinaggio e orticoltura, devono essere sempre ben disinfettate e molto affilate per poter eseguire tagli netti, cosa particolarmente importante in potature aggressive come questa.

Inoltre, se noti che in qualsiasi momento il tuo albero mostra il minimo sintomo di una delle malattie che sono frequenti negli alberi da frutto, come i funghi, ti consigliamo di utilizzare questi fungicidi per alberi fatti in casa. Tieni presente che i funghi possono comparire in qualsiasi momento, ma dopo la potatura possono raggiungere le zone della ferita, poiché sono i punti più deboli in quel momento, quindi puoi usarli anche preventivamente.

Se desideri leggere altri articoli simili a Potare i mandorli: quando e come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.