Suggerimenti

Come far rivivere un’orchidea

Le orchidee sono un’intera famiglia di piante con fiori incredibilmente diversi che, nonostante tutto, coincidono nella grande bellezza della loro fioritura, che è sempre molto suggestiva e le rende molto apprezzate nel giardinaggio e nella decorazione. Queste graziose piante hanno un’immeritata reputazione di essere difficili da curare, ma questo non si estende a tutte, tutt’altro. Infatti, con un po’ di conoscenza della pianta, è molto facile mantenerle sane e, anche quando sembra che l’orchidea si sia seccata o morta, spesso è possibile farla rivivere.

Se vuoi imparare a far rivivere un’orchidea morta, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde. Le orchidee hanno esigenze molto diverse a seconda della loro ampia morfologia, quindi ci concentreremo sul tipo Phalaenopsis, che sono epifite e di gran lunga le più comuni nella maggior parte delle case.

Come far rivivere un’orchidea essiccata

L’orchidea è una pianta di origine tropicale che ha esigenze di umidità abbastanza importanti. In un clima temperato di tipo mediterraneo o similare, un’orchidea avrà solitamente bisogno di irrigazioni settimanali che mantengano un certo livello di umidità nel substrato tra loro, aumentando la frequenza nei mesi più caldi. Quando ciò non accade, l’orchidea inizia a seccarsi. Se vuoi recuperare un’orchidea secca, segui questi passaggi:

  1. Eliminare foglie e steli completamente asciutti, risparmiando così alla pianta la fatica di cercare di nutrire parti inutili.
  2. Innaffia abbondantemente fino a quando il substrato è ben imbevuto, ma sempre senza allagarlo, cioè cercando di non trattenere troppa acqua per troppo tempo. Puoi immergere il fondo della pentola in acqua per alcuni minuti, quindi lasciar defluire l’acqua in eccesso prima di rimetterla al suo posto. Ricorda che il contenitore deve avere fori di drenaggio.
  3. Una volta che l’orchidea è stata innaffiata, guarda le sue radici. Se sono completamente bianchi e asciutti, è probabile che la tua pianta sia morta e il suo recupero non sia possibile. Se, invece, vedete delle radici di nuovo verdi, almeno sulle punte, significa che l’orchidea ha ancora vita e forza per riprendersi.
  4. Successivamente sarà necessario fornire alla pianta condizioni di umidità il più possibile simili a quelle del suo ambiente di origine. Se il tuo clima è molto secco o molto caldo, spruzza regolarmente acqua sulle sue foglie per dare loro quella spinta in più, anche se è molto importante che quando lo fai la pianta non sia esposta al sole diretto. Queste piante di solito preferiscono sempre la luce indiretta, ma se le esponi alla luce diretta dopo aver inumidito le foglie, l’acqua le ingrandirà e le brucerà.

Scopri di più con questo altro post su Come innaffiare un’orchidea per evitare che la tua si secchi di nuovo e muoia.

Come far rivivere un’orchidea annegata

Potrebbe anche essere necessario salvare un’orchidea in decomposizione, una che è stata innaffiata troppo o non ha ricevuto il drenaggio di cui ha bisogno. Quando si tratta di come far rivivere un’orchidea appassita, ecco i passaggi da seguire:

  1. Togli la pianta dal vaso, facendo molta attenzione alle radici, che potrebbero risultare morbide a causa dell’eccesso di umidità.
  2. Rimuovi gli steli dei fiori se ce ne sono, nuovi o vecchi, poiché consumano molta energia per la pianta e deve concentrarsi sul recupero e sulla sopravvivenza. Effettuare la potatura con forbici opportunamente affilate e disinfettate, come si deve sempre fare con qualsiasi pianta.
  3. Taglia anche qualsiasi radice o parte che è in cattive condizioni, annerito o brunastro. Lascia le radici verdi o bianche.
  4. Preparare un nuovo vaso o disinfettare accuratamente quello vecchio, sostituendo il sottofondo con uno nuovo ed idoneo: deve essere sciolto e offrire un ottimo drenaggio. Qui ti diciamo come realizzare un substrato per orchidee.
  5. Durante il reimpianto, non forzare tutte le radici nel vaso, poiché ciò non è necessario: l’orchidea può sopravvivere senza problemi con le sue radici aeree. Aggiungi un po’ di sfagno sulla superficie del substrato.
  6. Spruzza leggermente la pianta con un piccolo rivitalizzante per foglie, concentrandoti sulla parte inferiore delle foglie.
  7. Metti il ​​vaso in una zona illuminata, ma senza luce solare diretta e non innaffiare la pianta fino a dopo 24-48 ore.

Ti consigliamo di leggere questi altri articoli su Come piantare orchidee e Come trapiantare un’orchidea.

Come far rivivere un’orchidea senza foglie

Il recupero delle orchidee è necessario anche quando la pianta ha appena le foglie o le ha perse direttamente tutte. In questo caso è necessaria una potatura aggressiva, asportando i gambi del fiore se ne ha, tranne quelli più recenti che sono in buone condizioni. Qui ti diciamo tutto su Come potare un’orchidea.

Dare alla pianta un luogo luminoso, fornire umidità ambientale e assicurarsi che abbia un drenaggio adeguato. In questo caso, il tonificante fogliare specifico può essere anche un ottimo alleato per recuperare la tua pianta, così come il fertilizzante per orchidee.

Come recuperare un’orchidea che non ha quasi radici

Se quello che vuoi è sapere come far rivivere un’orchidea con radici secche, il più comune è utilizzare una tecnica con lo sfagno e un sacchetto di plastica per ricreare un ambiente ad alta umidità.

  1. Rimuovi tutto il suo substrato dalla tua orchidea, facendo attenzione alle radici e pota quelle che sembrano più secche o irrecuperabili.
  2. In un contenitore con acqua tiepida, aggiungere un radicante specifico per orchidee e immergervi le radici della pianta per circa un’ora.
  3. Nel frattempo, in un sacchetto di plastica trasparente, aggiungi il muschio di sfagno imbevuto di acqua e mettilo in un angolo del sacchetto.
  4. Rimuovere la pianta dall’acqua, applicare il fungicida per orchidee sulle radici e metterlo nel sacchetto in modo che le radici non siano a diretto contatto con il muschio.
  5. Chiudere accuratamente il sacchetto per non danneggiare la pianta. In questo modo avrai creato una piccola serra.
  6. Posizionalo in una zona calda con luce indiretta e in poche settimane dovresti essere in grado di vedere i nuovi germogli di radice se la tua orchidea è riuscita a riprendersi. Se hai macchie bianche o altri segni di funghi, applica nuovamente il fungicida. Quando lo vedi con abbastanza radici, rimettilo in una pentola con un nuovo substrato.

Ora che sai come recuperare un’orchidea, ti invitiamo a saperne di più su queste curiose piante con queste guide su Come compostare le orchidee, Come riprodurre le orchidee, Cura dell’orchidea Cymbidium e Cura dell’orchidea Phalaenopsis.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come far rivivere un’orchidea, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.