Suggerimenti

Substrato per orchidee: come farlo

Le orchidee sono piante con fiori molto belli, ma con la nota reputazione di essere complicate da coltivare. È vero che a volte questa affermazione è esagerata e si tratta semplicemente di alcune piante con delle esigenze specifiche, ma un buon substrato aiuterà sempre molto a mantenere in salute le vostre orchidee.

Se vuoi imparare come creare il tuo substrato o terreno per orchidee, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui ti diciamo tutto su come realizzare un substrato per orchidee e usarlo correttamente, oltre a preparare i vasi e quando è conveniente per trapiantare orchidee queste piante, cambiando il loro substrato.

Come realizzare un substrato per orchidee: ricette facili

Prima di preparare la tua miscela di substrato o terriccio per orchidee, dovresti controllare se le tue orchidee sono piante epifite, terrestri o semiterrestri, poiché richiedono caratteristiche e componenti diverse. A seconda del tipo, ecco come preparare il substrato per le orchidee:

Come realizzare un substrato per orchidee epifite

Per questo tipo di orchidea, è meglio realizzare un substrato con questi materiali:

  • Tre parti di corteccia di pino (se possibile, corteccia di pino mediterraneo).
  • Tre parti di sughero.
  • Una parte di torba bianca.
  • Un’ultima parte di seramis o granuli di argilla.
  • 2 g di calce acida per litro di supporto.

La corteccia di pino e il sughero saranno la base del substrato e contribuiranno a conferire all’impasto un adeguato livello di acidità, che la calce acida appena regola. La torba bianca ha la missione di immagazzinare l’acqua, per fornire alla pianta l’umidità di cui ha bisogno in modo duraturo, e il seramis aiuta il substrato ad essere più ventilato.

Substrato per orchidee terrestri o semiterrestri

In questo caso, usa questi substrati per orchidee o materiali del terreno:

  • Cinque parti di corteccia di pino.
  • Una parte di torba bianca.
  • Una parte di carbone.
  • Una parte di vermiculite.
  • 2 grammi di calce acida per litro.

La principale differenza con il substrato per le orchidee epifite è che aggiungiamo più corteccia di pino e rimuoviamo il sughero, oltre a fornire carbone per aumentare ulteriormente il livello di pH del substrato. La vermiculite ci aiuta affinché la miscela mantenga i suoi sali nutrienti.

In entrambi i casi, una volta che hai tutte le proporzioni di ogni materiale, non devi far altro che mescolare il tutto per riempire il vaso.

Se non sei sicuro della specie della tua pianta, qui puoi conoscere 12 tipi di orchidee e identificarle, ma se non ci riesci, ti consigliamo di parlare con un professionista di un negozio di giardinaggio vicino e mostrargli la tua pianta.

Quali sono i migliori vasi per orchidee e come prepararli

Si dice che le orchidee abbiano bisogno di vasi trasparenti perché fotosintetizzano attraverso le loro radici. È vero che un vaso trasparente ci aiuterà a prenderci più cura della nostra orchidea, ma non perché la pianta svolga la fotosintesi con le sue radici, il che è totalmente falso. Quello che succede è che in queste piante è particolarmente importante controllare lo stato delle loro radici, soprattutto quando si tratta di sapere quando annaffiarle.

Quando le radici sono verdi la pianta ha acqua a sufficienza, mentre se diventano biancastre è segno che è necessario annaffiarla. Alcune specie sono particolarmente sensibili a questi sbalzi di umidità, come nel caso della Phalaenopsis, e la più comune è trovarle sempre in contenitori trasparenti.

Oltre a questo, è bene che il vaso in cui poni la tua orchidea abbia un piccolo orlo o zampe che la sollevino da terra, in modo che il substrato non sia a diretto contatto con l’acqua che fuoriesce dai fori di drenaggio, poiché Questa umidità in eccesso può causare ristagni d’acqua ed essere molto dannosa.

Nel caso delle orchidee epifite, possono trarre grandi benefici anche dall’uso di cesti appesi. Ciò consente alle sue radici aeree di fuoriuscire, il che aiuta la pianta ad assorbire meglio l’umidità di cui ha bisogno dall’aria e quindi a crescere correttamente. In effetti, è una possibilità fare a meno di qualsiasi cestino e appendere semplicemente la pianta allo stelo, che conferisce un aspetto molto suggestivo e audace.

Quando e come trapiantare le orchidee

Queste piante necessitano di trapianti periodici per crescere correttamente. Si consiglia infatti di effettuare il trapianto ogni 2 anni, tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, prima che la pianta attivi i suoi ritmi.

In caso di trapianto di orchidee epifite, attenersi alla seguente procedura:

  1. Preparare una nuova pentola con un substrato adatto, riempiendola di poco più della metà.
  2. Innaffia la pentola con abbondante acqua 2 ore prima del trapianto.
  3. Estrarre la pianta con molta attenzione e sfruttare l’umidità del substrato per rimuoverla più facilmente dalle radici, prestando particolare attenzione a non danneggiarle.
  4. Pianta l’orchidea nel nuovo vaso, aggiungi il resto del substrato dell’orchidea e annaffia la pianta.

Se si tratta di orchidee terrestri, segui i soliti passaggi per un trapianto ma tieni presente che non è necessario inumidire così tanto la pianta prima del trapianto. Fai solo attenzione con le radici per non danneggiarle.

Scopri di più su questo processo con quest’altra pratica guida al giardinaggio di EcologíaVerde su Quando e come rinvasare le orchidee. Inoltre, di seguito puoi vedere un video dal nostro canale YouTube sugli errori più comuni nella cura delle orchidee, incluso un substrato inadeguato.

Se desideri leggere altri articoli simili a Substrato per orchidee: come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.