Suggerimenti

Peronospora di pomodoro, patata, cipolla, vite e altre piante

La peronospora , nota anche come peronospora , causa la malattia è un diverso tipo di fungo che colpisce le piante. Colpisce principalmente le coltivazioni di pomodoro, cipolla, patate, vite, melanzana, peperone.

La muffa può colpire le foglie, i frutti e gli steli della pianta.

È un parassita tanto comune quanto distruttivo.

Perché compare la muffa?

La muffa appare quando si verificano temperature comprese tra 15 e 22 ºC, insieme a piogge o annaffiature costanti o umidità mantenuta.

Inoltre, fattori come la mancanza di biodiversità nel giardino (monocolture), scarsa aerazione delle piante (semina molto ravvicinata), eccesso di azoto presente nel terreno, irrigazione a pioggia, o quando le piante sono poco esposte a il sole e troppa ombra.

Le spore di muffa possono essere facilmente diffuse ad altre piante attraverso l’irrigazione o l’acqua piovana, strumenti scarsamente puliti o persino dal vento.

Come differenziare la muffa

Se la malattia di cui soffrono le vostre piante è causata dalla muffa, noterete un tocco untuoso sulle foglie, comparirà una polvere biancastra sulla pagina inferiore delle foglie (lato inferiore) e delle macchie di tonalità variabili: prima sono verdi, poi passano attraverso il giallo e alla fine finiscono per essere marroni. Sul fusto si vedono solitamente delle macchie brune che, quando circondano l’intero fusto, interrompono la circolazione della linfa attraverso la pianta, provocando un indebolimento e perfino la morte nella parte che rimane al di sopra di questa macchia.

Quando il parassita non viene posto rimedio, può anche portare le foglie a seccarsi completamente e continuare con il resto della pianta.

Rimedi ecologici per la muffa

Se ci sono foglie, frutti o anche gran parte della pianta che è colpita dalla muffa, rimuovili per ridurre le possibilità che si diffonda ad altre piante sane.

Poiché la muffa colpisce principalmente gli ortaggi della famiglia della belladonna, è importante effettuare la rotazione delle colture e che nell’anno successivo coltivi altre piante resistenti alla peronospora come fagiolini, carote, barbabietole, cavoli o lattughe.

  • Equiseto: mettete 100 g di equiseto essiccato (200 g se usate l’equiseto fresco) in una casseruola con 4 litri di acqua bollente. Coprire, mettere a fuoco medio e far bollire per altri 20 minuti. Togliete dal fuoco e lasciate riposare per 3 ore. Quindi filtrare e spruzzare le piante colpite al mattino e nel tardo pomeriggio.
  • Basilico: se pianti il ​​basilico intorno alle belladonna, eviterai la comparsa della muffa.
  • Ortica: a 5 litri di acqua aggiungete 1 kg di ortiche fresche (o 300 g se sono secche) e lasciate marinare per 8 giorni. Quindi filtrare e diluire la macerazione prima di applicare 1 parte di macerato di ortica per 2 di acqua. Spruzzare le piante per prevenire e combattere la muffa.
  • Aglio: fate bollire 2 teste d’aglio schiacciate in 2 litri d’acqua per 15 minuti (coprite il tegame). Quindi togliete dal fuoco e lasciate riposare per 4 ore. Filtrare e spruzzare le piante colpite. Puoi anche aggiungere una cipolla per litro d’acqua per rafforzare le proprietà antimicotiche di questa preparazione.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.