Suggerimenti

Laurisilva: [Coltivazione, Irrigazione, Associazioni, Parassiti e Malattie]

Punti importanti quando si semina Laurisilva
  • Dove seminare? In semiombra.
  • Quando? In autunno o primavera .
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso, eliminando le erbacce . Con substrato organico prodotto dal proprio ecosistema.
  • Come innaffiamo? Con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo?  L’irrigazione è assicurata dal regime fluviale della zona.
  • Piaghe e malattie? È resistente a parassiti e malattie, anche se l’umidità dell’ambiente può causare problemi con i funghi.

Laurisilva costituisce un gruppo di piante o un loro ecosistema noto come giungla alta o foresta pluviale subtropicale, caratteristica dei luoghi caldi e umidi.

Nell’ecosistema dell’alloro predominano i grandi alberi , oltre a viti e liane con una foglia simile a quella dell’alloro da cui prende il nome.

Questa foresta temperata è sempreverde, cioè ha specie di fogliame persistente. In base alle condizioni meteorologiche, le foreste di alloro si osservano in tre regioni geografiche ben definite:

Sud-est del Brasile, Uruguay, Argentina e Paraguay. Nella zona costiera del Cile , dalla Valdivia al sud del Sudamerica. E nei territori che comprendono Isole Canarie, Azzorre, Madeira e Capo Verde.

Nelle Isole Canarie, la migliore rappresentazione della foresta di alloro corrisponde al Bosque del Cedro, a La Gomera, che nel 1981 è stato dichiarato “Parco Nazionale di Garajonay” e Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO (1986).

Le specie che compongono la foresta di alloro nell’emisfero settentrionale in Europa, Asia e Nord America sono: prune, ocotes, castagni, allori, rododendri, maytenus, eriche arboree, quercus, persea, lecci, muschi, rutáceas, felci ed epatiche .

La comunità vegetale della foresta di alloro nell’emisfero australe è costituita da una maggiore varietà di conifere esclusive, come la ciprea, altre varietà come l’araucaria, il nothofagus, i muschi epifiti e le felci arboree.

Quando piantare la foresta di alloro?

Si potrebbe dire che Laurisilva sia un ecosistema che si sviluppa con poco intervento umano, nei periodi autunnali o primaverili.

Dove farlo?

Laurisilva nidifica in climi caldi e umidi, con stagioni definite.

Seppur senza contrasti pronunciati a causa della poca variazione delle temperature annuali, nella regione in cui si trova questa specie.

La necessità di un elevato grado di umidità per lo sviluppo degli ammassi forestali ne condiziona la distribuzione ai versanti settentrionali tra 400-1500 m di quota.

La comunità vegetale della foresta di alloro ha la possibilità di sperimentare gelate durante l’ inverno e piogge abbondanti durante tutto l’anno, ma senza la presenza di una stagione secca.

Come preparare il terreno?

Il terreno per questa varietà di foresta richiede zone temperate molto particolari che si trovano nelle terre di Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay; in Cile nella parte del Sud America.

Anche i terreni dei territori che comprendono le Isole Canarie, le Azzorre, Madeira e Capo Verde, che compongono la regione Macaronesica, sono ottimi per ospitare foreste di alloro.

I suoli, per la loro età e per gli effetti del clima e della vegetazione, hanno generalmente un notevole sviluppo, con grande profondità e un orizzonte organico superiore ben definito.

Le condizioni ambientali di elevata umidità e temperature calde provocano una rapida umificazione e mineralizzazione della sostanza organica (foglie che cadono), liberando elementi nutritivi che vengono assorbiti dalle radici.

Oltre a quelle latitudini con suoli molto caratteristici e specifici per l’ecosistema laurifero, può riprodursi in microambienti con clima favorevole al suo sviluppo, con acqua abbondante e poco intervento umano.

Nel suo ambiente naturale, il terreno ideale della foresta di alloro, trasudante di umidità e scarsa luminosità, è ricoperto da uno spesso strato di materia organica dove crescono felci, muschi e licheni che si arrampicano anche sui tronchi e sui rami.

L’introduzione di colture successive come canna da zucchero, vigneto, patate, ecc., e la piantumazione di alberi da frutto, ha portato ad un grande declino di questo tipo di bosco, dando luogo a un’intensa erosione del suolo.

Le varietà delle specie forestali di alloro e le particolari condizioni di umidità e ombra favoriscono lo sviluppo di vermi, molluschi e, soprattutto, artropodi.

Come innaffiamo la foresta di alloro?

Laurisilva richiede acqua abbondante e, trattandosi di ecosistemi forestali, l’irrigazione deriva generalmente dall’umidità dell’ambiente in cui si sviluppano e dal livello di piovosità della zona.

Per l’irrigazione del sistema forestale che compone i boschi di alloro, l’intervento umano è nullo o quasi.

Come le altre foreste, la vegetazione di alloro non richiede un eccesso di umidità. Laurisilva si è adattata all’umidità sviluppando un tipo di foglie che respingono l’acqua in eccesso sulla loro superficie.

Come seminare la foresta di alloro?

Il sistema vegetale della foresta di alloro è costituito da una grande varietà di specie e la loro formazione e sviluppo corrisponde alla natura stessa.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Nel caso della foresta di alloro, l’ombra sotto la sua chioma viene utilizzata per sviluppare associazioni con altre varietà tipiche delle foreste tropicali .

Quali parassiti e malattie attaccano la foresta di alloro?

L’ecosistema formato dall’insieme di piante che compongono la foresta di alloro sono resistenti a parassiti e malattie.

I funghi legati all’umidità dell’ambiente in cui si sviluppa, possono colpire il bosco di alloro.

Nei resti della lettiera del suolo sono abbondanti i coleotteri, soprattutto carabidi, con numerose specie endemiche, e molluschi come Craspedopoma costata e Insulvitrina oromii .

La farfalla cleopatra ( Gonepteryx cleobule ), endemica delle Isole Canarie, è strettamente legata alla Laurisilva, le sue larve si nutrono dei germogli e delle foglie della sanguigna.

Bibliografia e riferimenti

  • Fragoso, R; Lussier A., ​​​​(1971) Storia naturale, vita di animali e piante. Settima edizione, Instituto Gallach de Librería y Ediciones, SL Barcellona-Spagna.

Banca dati digitale

  • Laguia200.com. (2012-6 marzo). Laurisilva . Riprodotto da: https://geografia.laguia2000.com/general/laurisilva
  • Step.es. Laurisilva. Riprodotto da: http://www.step.es/jardcan/pagina9.htm
  • Joseeljadinero.com. Errori durante l’irrigazione delle piante . Riprodotto da:  https://www.joseeljardinero.com/errores-al-regar-las-plantas/
  • Floracanaria.com. Laurisilva . Riprodotto da: https://floracanaria.com/ecosistemas/laurisilva.html

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *