Suggerimenti

7 tipi di giardini urbani, i loro obiettivi e benefici

Ecco il seguito del post “Come sono gli orti nelle città” , in cui ho parlato delle principali tipologie di orti urbani . Bene, ora vado a spiegare un po’ le peculiarità di ognuno di essi.

Quali tipi di orti urbani esistono? Come sono i frutteti nelle città?  Di seguito vedremo un elenco di vari tipi di giardini, varie forme di agricoltura urbana con obiettivi diversi ma con molti vantaggi.

1. Giardini privati ​​a scopo di lucro

I proprietari di questi frutteti li coltivano e vendono i prodotti biologici raccolti ai loro clienti (individui, ristoranti o associazioni di consumatori). Un esempio sono le serre ecologiche di Apadrinauntomate (beh… sarebbe se fossero in una grande città, voglio dire… perché in questi frutteti sono in una zona rurale, in Cantabria).

Fanno parte di questo gruppo anche i giardini in affitto o giardini per il tempo libero: terreni privati ​​su cui vengono affittati piccoli appezzamenti a giardinieri urbani , come i frutteti Tomba L’Olla a Valencia. Gli utenti privati ​​pagano canoni mensili o annuali per i propri giardini, che solitamente includono servizi come irrigazione, attrezzi necessari alla coltivazione, consulenza professionale, ecc.

Nell’articolo  Orti urbani: crea, affitta, condividi , puoi saperne di più su più tipi di giardini in affitto o giardini condivisi .

2. Giardini domestici o giardini domestici

Giardini privati ​​coltivati all’interno delle case, patii, giardini o balconi dei proprietari.

Esistono molte modalità, poiché la loro forma dipende dallo spazio e dal tempo a disposizione: frutteti in vaso o in vaso, frutteti su tavoli di coltivazione, frutteti su terrazze o direttamente a terra , giardini verticali … post sulla classificazione dei giardini domestici .

3. Giardini pubblici per il tempo libero

I giardini pubblici sono appezzamenti ceduti (o in affitto) situati su terreni pubblici gestiti da governi statali o locali. Sono normalmente utilizzati per l’ agricoltura biologica e per l’insegnamento di tecniche sostenibili .

L’amministrazione è incaricata della gestione e manutenzione degli impianti, e stabilisce le assegnazioni dei lotti, gli orari, le norme di utilizzo, ecc. Un esempio è il giardino del Retiro , a Madrid.

In molti casi, i giardini pubblici sono destinati a gruppi sociali specifici, come anziani, disoccupati, bambini, persone in situazione di esclusione sociale, ecc.

Gli obiettivi principali degli orti comunali e degli altri giardini pubblici sono:  il recupero e la conservazione degli spazi urbani e delle varietà locali , la pratica e la diffusione dell’agricoltura biologica , la fruizione didattica e formativa, e la creazione di spazi di socializzazione , soprattutto per le fasce più deboli .

4. Orti urbani comunitari

Gli orti comunitari sono normalmente situati su terreni pubblici o proprietà limitrofe (che vengono affidati alla comunità dei giardinieri), e sono spazi liberi ad accesso libero, dove i residenti della zona lavorano per portarli avanti grazie al lavoro di squadra e tenendo conto delle tecniche agroecologiche per ottenere alimenti più sani e naturali.

Un esempio è il Community Garden El Campo de Cebada , ti consiglio di leggere il post sulla nostra visita a questo orto biologico nel cuore di Madrid.

In questi orti ci sono persone di tutte le età, ideologie e culture (dal momento che chiunque lo voglia può entrare a far parte della “comunità di giardinieri” di un orto comunitario), quindi si condividono conoscenze ed esperienze utili, arricchenti, e anche terapeutiche . Vengono inoltre promossi valori e atteggiamenti sociali di base, come la tolleranza, la solidarietà o il rispetto per l’ambiente.

5. Orti Didattici

Esistono diversi tipi di orti il cui obiettivo è l’educazione ambientale, la formazione agricola o il sostegno all’istruzione di base .

Alcuni esempi sono gli orti scolastici , i frutteti allestiti in strutture pubbliche (università, centri didattici, ecc.), come l’ Orto Ecologico negli Agronomi o l’ Aula Verde della Serra Didattica , o gli orti didattici collettivi , a cui le persone che partecipano collaborano a la manutenzione del giardino organizzando attività gratuite o corsi pensati come pratica di apprendimento.

In questi giardini, l’organizzazione si occupa di insegnare ai partecipanti le tecniche di coltivazione e di sensibilizzarli sui temi ambientali, come fanno nella HuertAula Cantarranas , che abbiamo visitato qualche mese fa.

6. Giardini terapeutici

Il lavoro di orticoltura e giardinaggio è un’alternativa per il tempo libero e il recupero per tutti i tipi di pazienti e gruppi vulnerabili . Queste persone aumentano così le loro possibilità di distrazione promuovendo al contempo il loro benessere fisico e psicologico.

L’orto come terapia è sempre più considerato dai terapisti di tutti i tipi di centri, per questo gli orti sono sempre più diffusi nelle case di cura , nei centri di inserimento sociale, nei frutteti negli ospedali e in altri centri sanitari , nelle carceri, nelle scuole per disabili, ecc.

La Huerta de Montecarmelo è un esempio di come l’attività in giardino sia vantaggiosa per le persone con disabilità intellettiva, per le quali il lavoro nei frutteti è un modo per l’integrazione sociale e la soddisfazione personale.

7. Giardini decorativi

I giardini sono ancora spazi verdi e belli, ed è per questo che sempre più ristoranti, hotel, case e tutti i tipi di spazi pubblici e privati ​​ne fanno uso per un duplice scopo: la produzione alimentare e il miglioramento estetico dell’ambiente .

Puoi vedere alcuni esempi di questo tipo di giardino nell’articolo Giardini decorativi  o nel post sui giardini negli hotel .

Spero che tu abbia trovato interessante l’articolo e che tu non smetta di commentare aggiungendo altre tipologie di frutteto che non ho menzionato!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.