Suggerimenti

Insetti nei fiori delle piante: cosa sono e come combatterli

Ciao a tutti gli Agrohuerter! Sicuramente hai mai visto insetti nei fiori . Ciò può verificarsi nei fiori di piante da giardino come peperoni o pomodori, oppure quando si è raccolta una margherita in campo. A volte appaiono piccoli insetti neri che li investono.

Cosa sono i tripidi?

Bene, oggi parleremo di questi insetti su fiori, tripidi dei fiori o Frankliniella occidentalis scientificamente parlando Queste creature sono molto piccole e corrono intorno ai fiori, quindi non sono facili da vedere.

I tripiditripidi  sono un ordine di piccoli insetti. La loro dieta è quasi esclusivamente vegetale e se ne conoscono circa 5.600 specie. Molte specie sono parassiti delle piante coltivate e vettori di virus.

Sono piccoli insetti (1 – 6 mm) , il normale è di 1 – 3 mm, di forma cilindrica, allungata e con un’estremità posteriore molto appuntita . Sono gialli, marroni o neri con bande chiare e scure alternate. Possiedono un apparato boccale raedor-suctor con il quale graffiano e lacerano la superficie del vegetale per poi aspirare i succhi versati risucchiandoli attraverso il canale alimentare . Le loro antenne sono molto corte.

Ci sono aptera (senza ali) e specie alate . In quest’ultimo caso le ali sono molto strette e circondate da alcuni filamenti (frange) che danno loro l’aspetto di piume. In generale non sono buoni volatori ma possono saltare. L’addome ha 11 segmenti.

Il tripide dei fiori: Frankiniella occidentalis

Questa specie di tripide è originaria del Nord America, ma ora si è diffusa in altri continenti, tra cui Europa, Australia e Sud America, principalmente a causa del trasporto di materiale vegetale infetto.

Questo minuscolo tripide ha una grande predilezione per i fiori, tanto che se li scuotiamo su una base scura possiamo vederli cadere come piccole particelle allungate, che, viste con una lente d’ingrandimento, mostrano movimenti nervosi .

Gli adulti si disperdono saltando su e giù e trascinati in aria. Il colore varia dal rosso al giallo e al marrone . Le ninfe, cioè allo stato giovanile, sono giallastre con occhi rossi.

Una curiosità è che i maschi sono scarsi, la maggior parte di questi viaggi sono solitamente femminili e si riproducono per partenogenesi , che consiste nello sviluppo di una cellula riproduttiva fino alla formazione di un nuovo individuo, senza fecondazione, cioè senza l’intervento del maschio.

Questo insetto può vivere nella sua fase adulta da due a cinque settimane e anche più a lungo e la ninfa circa 20 giorni . Ogni femmina può deporre da 40 a 100 uova nei tessuti vegetali, spesso nei fiori, ma anche nei frutti o nelle foglie.

Colture colpite da tripidi: danni da Frankiniella occidentalis

Questo insetto si nutre di un enorme numero di colture, in particolare pomodori , peperoni , melanzane , fagioli , lattuga e fragole.

Durante la loro alimentazione, provocano lesioni nella parte inferiore delle foglie, lasciando un aspetto argenteo che in seguito diventa necrotico . Sui fiori del peperone possono provocare disseccamento e aborto dei frutti . Sulla buccia dei frutti maturi, possono produrre aree con macchie scolorite nutrendosi o deponendo piatti . Inoltre, e soprattutto, sono trasmettitori di virus come Tomato Tan (TSWV) , per i quali non esiste alcun trattamento e che provocano danni irreversibili alle colture.

Come eliminare gli insetti dei fiori?:  Frankiniella occidentalis

Come sempre, prevenire è meglio che curare , quindi ecco alcune misure preventive contro questi tripidi:

  • Introdurre piante insettifere fiorite come riserva per i loro nemici naturali : ombrellifere, composte, labiate, leguminose o crocifere.
  • Se hai una serra piccola, installa delle barriere fisiche, come maglie fitte , con un’apertura molto molto piccola, per bloccare l’ingresso laterale dovuto al trascinamento del vento.
  • Evitare che le colture più sensibili ai tripidi dei fiori di cui abbiamo parlato prima si sovrappongano.
  • Rileva la presenza utilizzando trappole per piastre adesive bianche o blu , poiché hanno una preferenza per questi colori.

Se non sei stato in grado di impedire alla Frankiniella di prendere il controllo della tua coltura, devi procedere a trattarla , ma solo in assenza di fauna ausiliaria, per evitare di causare danni:

  • Neem-azadiractina alla sera, anche se la sua efficacia è limitata
  • In serra o con elevata umidità, commercialmente formulato con funghi entomopatogeni , cioè che colpiscono insetti, come Beauveria bassina o Verticillium lecanii.
  • In serra o con elevata umidità, commercialmente formulato con nematodi entomopatogeni, come  Steinernema spp.  Heterorhabditis  sp.
  • Spinosad, anche se non lo consiglio poiché può colpire per contatto la fauna utile, soprattutto gli imenotteri dove troviamo api e bombi che fungono da impollinatori, e molti parassitoidi.
  • Uso di nemici naturali commerciali, autoctoni o esotici: cimici dei letti e acari predatori . Attualmente il più utilizzato in serra è l’ acaro Amblyseius swirskii.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.