Suggerimenti

Come coltivare il cacao biologico

Il cacao , Theobroma cacao , è il frutto o la spiga di un albero tropicale appartenente alla famiglia botanica delle Sterculaceae , originario dell’area del Rio delle Amazzoni che può misurare tra i 4 e gli 8 metri di altezza. Attualmente la coltivazione del cacao è sviluppata in più di 60 paesi, con l’Africa che è il maggior produttore mondiale di cacao, seguita dall’Asia e infine dall’America.

Le piantagioni di cacao , le piantagioni di cacao, traggono vantaggio dall’essere coltivate con altre piante e alberi, cioè se creiamo diversità nel frutteto sarà molto favorevole alla coltivazione del cacao e alle prestazioni. Ecco perché è importante dare la priorità alla policoltura rispetto alla monocoltura.

Principalmente ci sono 3 varietà di alberi di cacao : il creolo, il forastero (il più coltivato, con maggiore resistenza a parassiti e malattie) e il Trinitario.

Conosceremo alcuni dati importanti quando si tratta di coltivare cacao biologico o biologico.

Come coltivare il cacao biologico

Semina

Possiamo iniziare col coltivare il cacao per semina o per innesto. Le piantine si preparano da aprile a maggio e da luglio a ottobre. Il secondo metodo è il più utilizzato perché offre risultati migliori. Tieni presente che dovrebbe essere lasciata una distanza approssimativa di 1,5-2 metri tra l’albero e l’albero di cacao.

Terreno per la coltivazione del cacao

Prima della coltivazione, la calce può essere incorporata nel terreno o nella terra per eliminare possibili parassiti o malattie che si presenteranno una volta coltivato il cacao. La calce aggiungerà anche minerali al substrato. Possiamo anche usare la cenere al posto del lime. La piantagione di cacao necessita di terreni profondi (le radici possono misurare facilmente un metro e mezzo), con pH compreso tra 5,5 e 7,5, ricchi di sostanza organica, con buon drenaggio, senza sassi o zolle di terra che possano ostacolare lo sviluppo delle radici e che non sia estremo: né molto argilloso né molto sabbioso.

Temperatura per l’albero di cacao

La temperatura ottimale per la coltivazione del cacao è compresa tra 20 e 30ºC. A meno di 20 ºC ci sono problemi nella formazione dei fiori e non compaiono né cadono.

Tempo metereologico

Le piantagioni di cacao crescono molto bene in aree con climi da temperati a caldi con un’umidità intorno all’80%. Dobbiamo posizionare le piantagioni di cacao in un luogo senza forti venti, perché sono particolarmente vulnerabili durante le prime fasi della crescita.

Leggero

Durante la germinazione e la crescita delle piantine, terremo la piantagione di cacao in mezz’ombra o mezz’ombra, perché essere in pieno sole non le conviene. Una volta trapiantato nel luogo definitivo, la piantagione di cacao deve essere coltivata in un luogo che non riceva luce diretta e abbia una limitata esposizione alla luce solare. Pertanto, la coltivazione del cacao può trarre vantaggio dall’essere coltivata insieme ad altri alberi più grandi che forniscono ombra.

Irrigazione delle piantagioni di cacao

È una coltura esigente in termini di fabbisogno idrico. Quasi ogni giorno richiede irrigazione. Si consiglia di utilizzare l’irrigazione a goccia per ottimizzare l’uso dell’acqua in modo che questa coltura sia più sostenibile o sostenibile.

Potatura dell’albero di cacao

È un compito favorevole per tutta la vita dell’albero del cacao eliminare polloni e rami che non sono in buone condizioni o non sono necessari. Altri vantaggi della potatura è che miglioriamo l’accesso della luce a tutto l’albero, favorisce la fioritura e la formazione e l’aerazione dei frutti.

Pacciamatura, pacciamatura o pacciamatura

L’albero del cacao richiede molta irrigazione e umidità. Con l’imbottitura si favorisce la ritenzione dell’umidità del terreno e la sua fertilità. È una pratica altamente raccomandata in questa coltura. Possiamo anche utilizzare piante da copertura o rampicanti per questo scopo. Leggi di più su questa pratica qui .

Gestione ecologica dei parassiti e delle malattie del cacao

Per prevenire malattie e parassiti è fondamentale attuare rotazioni e associazioni colturali, molto importanti in qualsiasi orto agroecologico. Pianificare questi dati ci aiuterà a prevenire. Ma se sorgono parassiti o malattie, le più comuni sono il cacao e la moniliasi del baccello nero (entrambe malattie fungine) che colpiscono i baccelli del cacao, i parassiti delle formiche, i vermi, i coleotteri e gli afidi come gli afidi. Possiamo prevenirli e combatterli con questi suggerimenti .

Raccolta dei baccelli di cacao

Un albero di cacao adulto può produrre tra 40 e 60 baccelli all’anno, che vengono raccolti in due raccolti durante l’anno. I frutti cambiano dal verde al giallo-arancio o addirittura rossastri e possono raggiungere i 30 centimetri di lunghezza e 10 di larghezza. Gli alberi di cacao iniziano a produrre baccelli dall’età di 5 anni. Le fave o fave di cacao sono protette all’interno da una polpa bianca. Una volta che i fagioli o i chicchi sono fermentati ed essiccati (nella foto), sono pronti per essere preparati per il consumo.

Unisciti ad altri giardinieri che stanno già godendo i loro orti biologici con l’aiuto del nostro libro “Orti urbani e aiuole” in cui troverai molte informazioni utili sull’orto biologico urbano, scaricalo ora!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *