Suggerimenti

Kalanchoe Blossfeldiana Care: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Quali caratteristiche ha la kalanchoe blossfeldiana?

Kalanchoe blossfeldiana (nome scientifico) è una pianta ornamentale perenne semiarbustiva di splendida bellezza.

Viene utilizzato per decorare gli spazi interni della nostra casa per le sue ridotte dimensioni e per i bellissimi fiori che produce.

È una pianta del genere delle Crasulaceae e per questo motivo è succulenta grossolana o non cactus, endemica del Madagascar.

La sua coltivazione è semplice. Non presenta grossi problemi di coltivazione o sviluppo, nemmeno durante l’inverno.

La sua altezza può essere di 40 cm con fusti succulenti, eretti, da cui spuntano foglie carnose dai margini dentati verdi, e le sue radici sono fascicolate, sviluppate in uno strato di substrato di 15-25 cm.

I fiori spuntano da fine inverno a fine primavera in infiorescenze raggruppate a forma di racemo, con quattro petali e di vari colori, bianco, giallo, rosso, porpora o arancio con un’ampia gamma di tonalità.

All’interno della casa dobbiamo posizionarlo in un luogo dove abbia una buona illuminazione, facendo attenzione che i raggi del sole non lo tocchino direttamente perché possono provocare ustioni irreversibili, quindi sono sconsigliate le finestre.

Possiamo anche piantarlo all’esterno , in quanto è un bellissimo ornamento che adorna il giardino; Là lo metteremo in penombra, con più luce che ombra, perché al buio non gode.

È una pianta così bella che possiamo metterla nella sala da pranzo, nello studio, nel bagno e persino in cucina, perché ovunque si trovi allieterà i nostri sensi poiché sarà come un’oasi di pace che ci curerà di fatica.

Che bisogno di terreno ha la kalanchoe blossfeldiana?

Come abbiamo indicato è una pianta di facile coltivazione che, in vaso, necessita di un substrato di coltivazione universale misto a perlite in parti uguali, e in giardino il terreno deve essere sabbioso con un buon drenaggio.

Potremmo anche usare un semenzaio torboso e leggero o un substrato per piante da interno con un pH di 6,5, leggermente fertilizzato.

Se non si dispone di terreno sabbioso, si consiglia di realizzare una buca di semina di 50 cm nel terreno e di riempirla con il suddetto substrato, previa copertura con rete ombreggiante e antierbaccia.

Come far crescere la kalanchoe blossfeldiana forte e vigorosa?

La Kalanchoe blossfeldiana si trova nei diversi punti vendita della filiale in Spagna, come fioristi, garden center, vivai, poiché la sua coltivazione è stata industrializzata in tutti i suoi processi (taglio, radicazione, commercializzazione) grazie alle tecniche che vengono applicate nel centri coltivazione.

I coltivatori non professionisti, come noi, possono farlo moltiplicando la talea, una talea apicale (testa) con tre paia di foglie ben sviluppate e ben tagliate e un centimetro di fusto, che andremo a interrare nel substrato preferibilmente da la fine della primavera all’inizio dell’autunno.

Possiamo anche fare il taglio in vasetti di 10 cm di diametro. Dopo quindici giorni avrà messo le prime radici e dopo un mese avrà radicato, quindi possiamo spostarlo in un vaso più grande, soprattutto in primavera quando è passato il rischio di gelate e la temperatura rimane sopra i 10ºC.

Il fertilizzante consigliato è cactus e altre piante grasse o fertilizzanti naturali come il guano in forma liquida, poco ricco di azoto, anche se ricco di potassio per favorire lo sviluppo.

È una pianta dal clima caldo la cui temperatura dovrebbe essere compresa tra 18ºC e 25ºC, mai sotto i 10ºC, perché presenterà problemi che potrebbero diventare irrisolvibili.

Di quale umidità ha bisogno la kalanchoe blossfeldiana?

La Kalanchoe blossfeldiana è una pianta delle regioni calde, ma è conveniente mantenere il substrato umido, ma non allagato, perché, essendo una pianta succulenta, potrebbe facilmente marcire.

In questo senso dobbiamo occuparci dell’irrigazione, che deve essere più intensa rispetto alle altre specie, ma senza andare agli estremi.

Né troppo né troppo poco, quindi è consigliabile controllare l’umidità del terreno, prima di farlo, con il dito o con un bastoncino o un igrometro digitale.

Se lo abbiamo in una pentola, si consiglia di pesarlo durante l’irrigazione per controllare il volume d’acqua e fare attenzione! non posizionare sotto una piastra per evitare l’accumulo di acqua che potrebbe causare danni irreversibili.

In ogni caso, gli esperti consigliano di annaffiare tre volte a settimana in estate e una o due volte a settimana durante il resto dell’anno. Non spruzzare perché le foglie potrebbero marcire rapidamente.

L’eccesso di umidità fa male a questa specie, che per questo motivo potrebbe riempirsi di macchie nere su foglie e fusti, che rappresenta un problema di difficile soluzione se non viene attaccata in tempo.

È necessario potare la kalanchoe blossfeldiana?

Proprio per eliminare questi problemi è la potatura, che in questa pianta va fatta con l’intento di togliere le foglie secche, malate o deboli, eliminando i germogli che guidano lo sviluppo in zone non idonee.

La potatura non deve essere per modellarla, ma per alleviare la densità della vegetazione, perché è una specie che non ne ha bisogno, come una di quelle signore dalla bellezza spontanea e semplice che non hanno bisogno di trucco per attirare l’attenzione.

Quanto spesso dovremmo potare la kalanchoe blossfeldiana?

Non esiste un momento specifico per la potatura, perché non è una pianta che ha problemi fitosanitari, al di là della possibilità di marciume di foglie e radici, quindi bisogna stare attenti ad applicare potature correttive quando ciò accade.

Allo stesso modo, è conveniente notare in inverno se si è verificata una colorazione rossastra tipica delle basse temperature.

Come evitare parassiti e malattie della kalanchoe blossfeldiana?

La Kalanchoe blossfeldiana è una pianta sensibile alle cocciniglie , soprattutto cotonose. Anche alle patelle che si nutrono della linfa dei teneri steli e foglie. Pertanto, poiché si tratta di una piccola pianta, dobbiamo essere vigili e avere a portata di mano alcol da farmacia per rimuovere questi parassiti con un pennello.

È anche possibile che venga attaccato da malattie come la peronospora , fungo favorito dall’eccesso di umidità. Poi, come abbiamo indicato, ci saranno delle macchie nere su foglie e steli, quindi dovremo andare alla potatura per eliminare il problema.

Forse ti interessano anche:
  • 4 tipi e varietà più famosi di Kalanchoe
  • Kalanchoe Care: [sporco, umidità, potatura e problemi]
  • Talee di Kalanchoe: [Innesto, Stagione, Radicazione e Semina]
  • Prune Kalanchoe: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Irrigazione Kalanchoe: [Necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.