Suggerimenti

Come piantare un albero di mele alla crema: [Guida completa passo passo]

Personalmente, sono fortunato ad avere un albero di mele alla crema. 

È un albero molto riconoscente , perché ha bisogno di poche cure, porta molti frutti e una buona ombra. 

 La Spagna è il primo produttore mondiale di questo frutto unico . Ne detiene l’80% del totale, anche se questa pianta è originaria del Sud America (tra Perù ed Ecuador) si è adattata perfettamente al clima e ai terreni di Granada, Malaga e delle Isole Canarie.

Si crede sia originario dell’India occidentale, ma è stato portato in America Centrale e successivamente ha raggiunto il sud del continente americano, essendo attualmente molto popolare in Perù e Brasile . Il Cile è il secondo produttore al mondo.

Punti importanti quando si piantano mele alla crema
  • Quando? Durante la primavera . Anche se può essere fatto in qualsiasi momento se il tempo lo consente (senza sbalzi di temperatura).
  • Dove? Ha bisogno di molta acqua, quindi se hai una sorgente o un ruscello naturale, crescerà molto forte e molto velocemente. Altrimenti, in un luogo dove riceve una buona luce solare e il terreno è ricco di sostanze nutritive.
  • Come cresce? L’ albero della crema pasticcera, se vengono soddisfatte le giuste condizioni, cresce molto velocemente.
  • Quanti frutti può portare? Un singolo albero può produrre tra 34-45 kg di frutta all’anno.
  • Come innaffiamo? È ideale per l’irrigazione a goccia o per microaspersione. L’importante è non inondare.
  • Quali associazioni favorevoli ha?  yucca , bouganville , la tua, palme e persino stelle di Natale,  avocado o papaya .
  • Piaghe e malattie? La mosca calcida Diplodia annonae.

Quando piantare la crema pasticcera?

 In primavera,  Questa è di solito la stagione di impollinazione di maggior successo per la cherimoya.

Dove piantare una mela cannella?

Una volta che il seme di ananas germina , l’ albero è in rapida crescita e risponde molto bene ai fertilizzanti organici e alle frequenti annaffiature purché si sviluppi con tempo asciutto durante il periodo di crescita.

Il clima che più  È favorito dal subtropicale umido. Se questo ambiente è permanente, possiamo piantare mele alla crema tutto l’anno , perché amano i climi stabili dove non ci sono sbalzi di temperatura.

Come prepariamo il terreno per la coltivazione delle mele alla crema?

In realtà, la crema di mele si adatta molto bene a diversi tipi di terreno . Ma si può anche dire che cresce molto meglio in terreni argillosi con drenaggio e ricchi di sostanza organica ( letame animale ).

Non sopporta, sì, terreni allagati e il PH deve essere costantemente monitorato , perché l’alcalinità genera clorosi molto rapidamente.

 I terreni devono essere mantenuti neutri. 

Il periodo di raccolta inizia a fine inverno e dura fino alla primavera.

 Un singolo albero può produrre da 34 a 45 kg di frutta all’anno e vengono raccolte quando hanno perso il loro colore verde , in modo che maturi senza screpolature in modo che venga venduto nei mercati, dove è molto appetitoso per la sua dolcezza e una grande quantità di vitamine, soprattutto minerali e calcio .

Quando il frutto matura è molto morbido al tatto . Il picciolo centrale può essere facilmente rimosso e la polpa bianca interna è facilmente separabile dalla pelle. Con la polpa dolce si possono fare anche frullati e gelati.

Come innaffiamo l’albero di mele alla crema?

 Il consumo di acqua in questo impianto è molto alto per effetto della cosiddetta evapotraspirazione della coltura.

L’ irrigazione localizzata con microirrigatori è la più conveniente . Riduce significativamente il ristagno d’acqua dei substrati .

Come seminare le mele alla crema passo dopo passo?

 Il processo di impollinazione manuale è il più adatto e ottimi risultati per ottenere frutti dolci e carnosi . L’intervento umano è fondamentale perché lo stesso fiore non può essere impollinato con lo stesso polline.

Ed è che il fiore presenta il fenomeno della dicogamia , caratterizzato dal fatto che possono essere maschi o femmine in qualsiasi momento della giornata, quindi l’impollinazione è difficile ed è per questo che deve essere eseguita manualmente e indotta.

 Un altro aspetto negativo è che i suoi fiori non sono attraenti per gli insetti che svolgono il lavoro riproduttivo.

Presenta difficoltà anche perché questa pianta del cosiddetto genere  anona include nei suoi semi un inibitore della germinazione,  quindi non è così facile farlo germogliare.

Ma la buona notizia è che il tasso di successo è superiore al 60%.

Passi da seguire:

  1. Raccogliere manualmente il polline, insieme agli stami dei fiori nella fase maschile.
  2. Viene conservato in un ambiente freddo, dopo aver raccolto il polline dalle 17:00 del pomeriggio.
  3. Depositare, con l’aiuto di un pennello, il polline nei pistilli dei fiori in fase femminile, durante le prime ore del mattino.
  4. La temperatura dovrebbe essere mantenuta intorno ai 25°C.
  5. La fioritura di solito avviene in tarda primavera e all’inizio dell’estate , a seconda del tempo. Una volta completato questo compito, il frutto si svilupperà fino a raggiungere la sua piena maturità in autunno .

Quali associazioni favorevoli ha?

Già dai tempi precolombiani praticavano associazioni chirimoya con piante di yucca , bouganville , tue, palme e persino stelle di Natale .

Più tardi, i sapori della crema pasticcera , dell’avocado o della papaya furono incorporati nella cucina europea .

La   versatilità degli usi di Cherimoya è molto, molto variaLe foglie sono state utilizzate nella concia delle pelli e sono estrae anche un colorante blu o nero. 

In alcune zone, il suo legno giallo tenero ma molto resistente viene utilizzato per realizzare gioghi di buoi.

Un altro uso incredibile è associato alle proprietà medicinali . Il frutto immaturo ha elevate concentrazioni di tannino . Viene essiccato, polverizzato e il suo uso è efficace come antidiarroico e contro la dissenteria. Usano anche la corteccia per le sue qualità astringenti quando è cotta.

C’è anche chi mette frammenti della corteccia sulle gengive, quando ha mal di denti in momenti inopportuni per andare dal dentista.

Potare la crema di mele

La potatura della crema pasticcera sarà effettuata nei primi tre anni. L’obiettivo di questo è garantire che l’albero abbia una struttura adeguata che gli consenta di resistere ai diversi rami e alle intemperie.

Ci concentreremo sul fare una potatura a vetro basso sui 3-6 rami principali, che sono alti circa 1 metro. In questo modo diminuiranno i problemi causati dal vento e sarà facilitata la raccolta dei frutti.

La potatura di mantenimento che verrà effettuata dopo tre anni sarà principalmente focalizzata sull’eliminazione dei rami secchi e anche dei rami interni che impediscono il passaggio di aria e luce (per la fotosintesi ).

Quali parassiti e malattie ha?

Per approfondire questo argomento: parassiti e malattie della mela cannella.

Subisci attacchi implacabili da  la mosca calcifica,  dove i suoi frutti non finiscono di maturare perché mummificati.

Soffre anche di attacchi del fungo identificato come Diplodia annonae , capace di infettare il fusto del frutto fino a ricoprirlo completamente.

In India i frutti prima della maturazione devono essere protetti con sacchetti o reti molto fitte per evitare danni causati dai pipistrelli della frutta.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.