Suggerimenti

Talee di bambù: [Concetto, tempo, radicamento e semina]

Cosa significa piantare per talea?

La messa a dimora per talea è il procedimento utilizzato per riprodurre una pianta mediante un frammento del suo fusto, foglia o radice.

Quando si esegue il processo di impianto per talea, si ha la sicurezza, se tutto è fatto correttamente, che la nuova pianta abbia le condizioni della specie che le ha dato origine.

Per orticoltori e giardinieri, la propagazione per talea è una tecnica in grado di riprodurre un gran numero di piante molto rapidamente, da un singolo esemplare e attraverso un processo semplice.

Al giorno d’oggi, piantare per talea è il processo più utilizzato dai principianti nelle arti del giardinaggio. La riproduzione asessuata o vegetativa del bambù, che consiste nella sua propagazione da rami, gemme, steli o rizomi , è il metodo migliore per la moltiplicazione della pianta.

Qual è il momento migliore per piantare talee di bambù?

Il momento migliore per la semina dovrebbe essere durante la stagione delle piogge poiché il terreno della pianta deve rimanere umido per i primi 30 giorni. 

Attualmente , le talee di bambù possono essere riprodotte durante tutto l’anno, purché siano offerte le condizioni necessarie, principalmente acqua, per il loro sviluppo.

Come far radicare correttamente le talee di bambù?

Il radicamento per talee di bambù avviene facilmente mentre si è in acqua o sulla terraferma. Sebbene non sia necessario aggiungere sostanze nutritive per far crescere le sue radici grandi e forti, la cosa più importante è che l’acqua non contenga cloro.

Come dobbiamo prendere le talee di bambù per piantarle?

Per ottenere un frammento o stelo di bambù da piantare, va scelta una pianta madre in buone condizioni fitosanitarie e robusta.

Prendi una talea di bambù dalla pianta madre facendo scorrere delicatamente le dita tra le radici per separarle e poi staccare uno stelo. 

Un taglio lungo e robusto dovrebbe essere scelto con un minimo di 2 nodi per garantire la riproduzione.

Dal bambù madre viene tagliata una talea che sia il più vicino possibile al suo stelo con l’ausilio di appositi attrezzi per il giardinaggio, disinfettata e pulita.

Successivamente si tolgono le foglie dalla parte inferiore della talea, avendo cura di lasciare intatte le foglie superiori in modo che la talea concentri la sua energia sullo sviluppo delle radici.

Successivamente la talea verrà immersa in un contenitore di vetro con acqua, quella che meglio si adatta all’estensione della talea in modo che il 40% della talea sia immerso nell’acqua e il resto sia protetto nel contenitore.

Quanto tempo dobbiamo lasciare le talee di bambù in acqua?

Il bambù è una delle piante che si riproducono più facilmente in acqua e che garantisce una maggiore percentuale di sequestro.

Una volta ottenuta la talea, è necessario riporla immediatamente in contenitori con acqua per evitare disidratazione e stress alla pianta.

Orticoltori ed esperti preferiscono l’uso di acqua in bottiglia o distillata perché non contengono cloro, che è un nutriente molto dannoso per il bambù.

Se si preferisce l’acqua del getto o del rubinetto, si consiglia di lasciarla riposare per circa 24 ore in modo che il cloro si decomponga, prima di introdurre il taglio di bambù.

La talea viene posta in acqua, ricoprendo alcuni dei suoi nodi e poi occorre attendere che escano le radici e si sviluppi la nuova pianta.

È conveniente usare il compost o il compost?

È conveniente utilizzare il compost per il miglior sviluppo degli steli di bambù, oltre all’uso di terreni fertili, che forniscono le condizioni per un numero elevato di ricrescite nel più breve tempo possibile. 

Si consigliano terreni limosi, alluvionali sabbiosi derivati ​​da ceneri vulcaniche, e in generale si può ottenere un buon raccolto di bambù con una miscela di 63% sabbia, 19% limo e 18% argilla.

Come misura di miglioramento del suolo, si consiglia di applicare compost e humus naturali, nonché l’applicazione di foglie secche ed erba per aumentare l’umidità del suolo. La talea va posta direttamente sotto la luce solare indiretta per un mese e poi va posta in luogo luminoso ma senza sole diretto.

Quando si piantano talee di bambù nel terreno, è necessario controllare le infestanti per evitare la competizione nell’assorbimento dei nutrienti.

Quanto tempo ci vuole di solito per uscire da una talea di bambù?

In una pianta di bambù riprodotta da un frammento del suo fusto, posta in acqua distillata o seminata nel terreno, può volerci un mese per produrre nuove radici e nuovi germogli.

Il sistema di riproduzione più conveniente per la generazione di piantagioni di bambù è noto come “riproduzione per chusquines”. 

I chusquine sono sezioni sottili di steli di bambù con radici che emergono dal rizoma e viste come una forma di germoglio. 

Con questo metodo di riproduzione, ogni pianta è in grado di produrre da 5 a 8 nuove piante in un tempo medio di quattro mesi.

Bibliografia e riferimenti

  • Bent Ana. (2019). Grande libro di giardinaggio indoor. Prima edizione. Servilibro Ediciones, SA Madrid-Spagna. PP 43-47.
  • Manuale di propagazione delle piante superiori. Università Metropolitana Autonoma. Prima edizione digitale 2017, Coyoacán. Messico PDF.

Banca dati digitale

  • Un semplice trucco per far crescere le piante per talea . Riprodotto da: https://www.youtube.com/watch?v=GfHWU_y_gX8
  • Ecured.com. talee Riprodotto da : https://www.ecured.cu/Esqueje
  • López D e Carazo N. La produzione di talee. Riprodotto da: https://www.researchgate.net/publication/28280218_La_produccion_de_esquejes
Nella nostra pagina puoi saperne di più sulla riproduzione per talea di alcune piante e alberi:
  • Talee di rosa.
  • Talee del cespuglio di rose in patata.
  • Talee di olive .
  • Ritagli di rosmarino .
  • Talee di lavanda.
  • Talee di gelsomino.
  • Talee di edera .
  • Talee di geranio.
  • Talee di mandarino.
  • Talee di cipresso.
  • Ritagli di garofano.
  • Talee di Dracena marginata.
  • Ritagli di garofano.
  • Talee di Camelia .
  • Talee di cactus.
  • Talee di bouganville.
  • Talee di bambù.
  • Talee di patate dolci.
  • Talee di bosso.
  • Ritagli di carciofi .
  • Talee di begonia.
  • Talee di alberi .
  • Ritagli di mandorle .
  • Talee di aloe vera.
  • Talee di oleandro .
  • Talee di agrifoglio.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *