Suggerimenti

Iresine: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

L’iresine è una pianta tropicale molto suggestiva perché le sue foglie sono di colore rosso , che offre un grande contrasto con il caratteristico verde di altre specie.

La sua funzione è principalmente ornamentale, quindi può essere decorata in giardino o al chiuso. Un punto da considerare quando si lavora all’aperto è che non resiste a temperature inferiori a 15ºC.

Questo porta a fare molta attenzione con l’arrivo dell’inverno nelle zone dove le temperature scendono molto durante questa stagione. 

Se vuoi godertelo e sei interessato a conoscere tutte le informazioni a riguardo, allora ti diamo questa guida completa.

Punti importanti quando si semina un iresine
  • Quando? Alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera.
  • Dove? All’interno o all’esterno in climi caldi e senza luce solare diretta.
  • Come prepariamo il terreno? Con comune terriccio da giardino, sabbia e materia organica.
  • Come dovremmo annaffiare? Abbondante d’estate e poco d’ inverno .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Quasi tutti i giorni in estate e solo quando la terra è asciutta in inverno .
  • Di che cure hai bisogno? Concimazioni ogni 15 giorni in primavera- estate , trapiantate.
  • Quali parassiti e malattie ha? Viene attaccato principalmente dagli afidi .

Quando seminare un’iresine?

La semina viene normalmente effettuata per talea durante le giornate di fine inverno o inizio primavera , sempre con riparo al chiuso. Quando prende piede nella pentola e le temperature scendono, può essere spostato in un ambiente più caldo all’esterno.

Dove piantare un’iresine?

La semina dell’iresine può essere indoor o outdoor . All’aperto riesce a prosperare anche se i suoi esemplari sono molto poco appariscenti. È necessario posizionarlo in uno spazio dove riceve molta luce ma non direttamente per evitare di danneggiarne le foglie.

All’esterno può essere posizionato vicino a un muro che offre ombra o un albero , mentre all’interno è l’ideale vicino a una finestra. Oltre a ciò, hai anche bisogno di protezione dalle forti correnti d’aria, un aspetto determinante della semina fuori casa.

Come preparare il terreno?

L’iresine non è molto impegnativo intorno ai terreni agricoli. Tuttavia, dovremmo prestare sufficiente attenzione a questo punto per renderlo perfetto.

L’utilizzo di terreno da giardino misto a sabbia è l’ideale. Sarà inoltre possibile aggiungere un piccolo substrato universale se disponibile.

Per essere ben nutrito, l’uso di materia organica naturale sarà il più raccomandato. Un buon piano è scommettere sulla materia organica fatta in casa come il compost o l’humus.

Come innaffiamo l’iresina?

L’iresine funziona bene in ambienti molto umidi, quindi l’impianto di irrigazione deve essere abbondante, preferibilmente durante il periodo estivo . Se tenuto in casa, vale anche la pena spruzzare acqua nella stanza se si percepisce che è troppo secca per aumentare il livello di umidità.

Ogni quanto annaffiamo l’iresina?

In estate le annaffiature devono essere abbastanza frequenti, quasi quotidiane se il terreno è più o meno asciutto, poiché necessita di una buona umidità. 

Con l’arrivo dell’inverno , questa frequenza diminuirà, eseguendo solo le annaffiature necessarie a mantenere il terreno leggermente umido.

Come seminare un’iresine passo dopo passo?

La semina dell’iresine viene effettuata utilizzando talee prelevate da una pianta esistente. La procedura sarà così:

  1. Seleziona una pianta adulta che sia in buona salute e taglia uno stelo lungo circa 6 pollici sopra un nodo.
  2. In un bicchiere d’acqua, immergere la talea in modo che la base sia immersa nel liquido. Se la talea ha foglie, è necessario rimuoverne la maggior parte, lasciandone solo 2 o 3 nella parte più alta, non immerse nell’acqua.
  3. Attendere circa 20 giorni fino a quando iniziano a comparire le prime radici .
  4. Prepara un vaso delle dimensioni adeguate e apri un foro abbastanza grande da poter posizionare la talea con le sue nuove radici in modo uniforme, senza intrappolarle.
  5. Posizionare la talea e coprire con terriccio premendo leggermente con le dita per garantire stabilità.
  6. Innaffia con poca acqua in modo che il terreno si assesti e le radici si stabiliscano nel nuovo ambiente.

Di che cure ha bisogno l’iresine?

Le concimazioni possono essere effettuate nel periodo primaverile-estivo ogni 15 giorni circa. È meglio utilizzare un prodotto che può essere aggiunto all’acqua di irrigazione per facilitare l’assorbimento dei nutrienti.

Quando la pianta è in piena crescita è necessario trapiantare in vasi più grandi ogni due anni. In questo modo le radici potranno essere aerate e l’iresina crescerà adeguatamente.

Nel caso della potatura, non è una specie che la richiede particolarmente a causa della sua crescita ordinata. Se si applica una leggera potatura sugli apici vegetativi, sarà possibile rendere la pianta più cespugliosa.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’iresine?

L’iresine può essere vittima dell’attacco degli afidi , che se non controllati provocheranno notevoli danni.

La buona notizia è che esistono prodotti biologici appositamente progettati per affrontarli, ma è necessario agire rapidamente.

Altri danni che l’iresine può subire sono dovuti alla mancanza di annaffiature costanti, che faranno appassire e cadere le foglie della pianta.

Quando invece la pianta non è tenuta in uno spazio dove riceve luce sufficiente ogni giorno, le foglie tendono ad apparire pallide e a perdere il loro colore. Tenendo conto che l’attrazione principale è proprio quel rosso vibrante delle foglie, bisogna esserne molto consapevoli.

Le eccezionali caratteristiche dell’iresine ne hanno fatto una specie eccezionale quando si tratta di selezionare piante per la decorazione d’interni. Il fatto che non fiorisca se tenuto in queste condizioni non provoca in realtà alcun effetto negativo di rilievo sulla sua bellezza.

Pertanto, tende ad essere un’opzione ideale da posizionare in appartamenti o in case dove si desidera rinfrescare gli spazi aggiungendo un tocco di colore. Certo, non bisogna dimenticare che ha poche ma particolarissime esigenze, soprattutto per quanto riguarda l’irrigazione e la luce.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.