Suggerimenti

Come piantare Tigernut: metodo di semina in una [Guida completa]

 Noce di tigre (Cyperus esculentus) È una pianta selvatica che produce tuberi rotondi e dalla consistenza ruvida che sono commestibili e vengono utilizzati per preparare bevande di horchata oltre alle sue proprietà come superalimento.

Già nell’Antico Egitto si sapeva che il tigernut era un alimento ipernutriente . Infatti, nei sarcofagi dei faraoni sono state trovate tigri. Si dice che fosse la bevanda che consumavano.

In generale, l’allevamento di tigernut non è facile . Tuttavia, se vengono seguiti i passaggi corretti, non dovrebbero esserci problemi perché non sono molto vulnerabili ai fattori ambientali (cosa che non controlliamo).

Hai il coraggio?

Punti importanti quando si piantano Tigernuts:
  • Quando?  Le colture seminate ad aprile hanno dimostrato di avere le produzioni più abbondanti.
  • Dove? Cresce bene nelle zone vicino al mare. Ha bisogno di molta luce solare. Non tollera il gelo, quindi predilige i climi temperati.
  • Come prepariamo il terreno? Bisogna mettere una buona quantità di materia organica o humus di lombrico. La terra deve essere ricca. Deve essere sciolto, coltivato e privo di erbacce .
  • Che tipo di terreno utilizziamo? Predilige i terreni sabbiosi.
  • Come innaffiamo? Ideale, irrigazione a goccia .
  • Quanto spesso annaffiamo? In estate , quasi tutti i giorni. È necessario che la terra sia umida, ma senza allagamenti. Il resto delle stagioni possiamo spaziare l’irrigazione, a seconda delle precipitazioni che ci sono .
  • Quando viene raccolto? Quando la parte superiore della pianta si asciuga. Questo di solito è nei mesi di novembre e dicembre.
  • Piaghe e malattie? Allevatore e afide.

Proprietà e caratteristiche del tigernut

Questo tubero è noto per essere ricco di vitamine e minerali essenziali.  Il suo contenuto più alto è carboidrati e fibre. Inoltre, fornisce antiossidanti come le vitamine C, E e l’arginina . Ha anche quantità moderate di omega-9.

Solitamente i tuberi sono tondi e allungati e di diverse dimensioni . La loro pelle è marrone con tonalità da chiare a scure a seconda del tipo di terreno e del tempo di raccolta. La sua polpa è gialla quando è secca.

La sua origine risale alle antiche civiltà egizie e fu introdotta nella penisola iberica con l’ invasione araba . Attualmente è coltivato nella maggior parte del mondo purché esistano le giuste condizioni climatiche.

Sul esterno , è una pianta che cresce le foglie in forma di una rosetta e di fronte all’altro .

Vengono a misurarsi tra  40 e 50 centimetri di lunghezza e sono verde scuro.

I suoi fiori sono molto piccoli, da 6 a 12 millimetri. Sono di colore rossastro e talvolta leggermente dorate . Di solito crescono insieme.

Quando piantare tigernut? Il tempo

La data di impianto dipende dai requisiti.

Di solito veniva seminato all’inizio di luglio o maggio ; comunque, il colture seminate ad aprile hanno dimostrato di avere le produzioni più abbondanti.

Fatto interessante, è stato fatto un tentativo di raccogliere la tigernut attraverso colture idroponiche , rivelandosi abbastanza conveniente poiché hanno anche aumentato la produzione.

Qualcosa che si consiglia di prendere in considerazione quando si pianta il tigernut è di notare che nei successivi cinque mesi  no c’è il gelo poiché, in caso di averli, la pianta crescita sarebbe essere effettuata con problemi o, direttamente, non sarebbe effettuata.

Dove piantare tigernut? Luce e temperatura

Tenendo conto dei mesi senza la presenza di gelate di cui il tigernut ha bisogno per crescere, può svilupparsi abbastanza bene nei climi temperati.

Le temperature che supporta meglio variano tra 13 e 25°C. Nel caso le temperature siano più basse, è meglio seminare in serra o aspettare che il tempo presenti condizioni migliori.

Per quanto riguarda i requisiti di luce , il Chufa preferisce luoghi soleggiati e cresce bene vicino a zone vicino al mare  poiché questo regola la temperatura.

Se non vivi in ​​un’area con corpi idrici vicini, puoi fornire più irrigazione in modo che l’umidità abbassi la temperatura del suolo.

Come prepariamo il terreno?

La crescita di Tigernut è fatta meglio in  terreni argillosi sabbiosi. 

Questo perché il terreno è più soffice ed è molto più facile raccogliere i tuberi . Inoltre, in questo tipo di terreno il tubero acquista un sapore più intenso , oltre che una dimensione maggiore e una migliore qualità della buccia.

Può invece crescere anche in terreni argillosi ; tuttavia i tuberi vengono lavati un po’ più tardi a causa del fango che rimane appiccicato ad essi .

Allo stesso modo possono crescere in terreni sabbiosi proprio per la mancanza di molti nutrienti le arachidi possono avere problemi per lo sviluppo di tuberi che siano di buone dimensioni e dal sapore dolce.

Inoltre assicura che il terreno abbia un buon drenaggio e sostanza organica . Se non ha queste caratteristiche, puoi mischiare i primi 30 centimetri di profondità con il compost . Nonostante il fatto che Chufa cresca bene nelle zone con il mare, non supportano terreni con elevata salinità.

Come innaffiamo il tigernut?

La quantità di irrigazione dipenderà dalla zona.

In estate è normale  la stagione più calda aumenta la quantità di irrigazione. Durante gli altri mesi, annaffiare regolarmente senza allagare l’area.

Mantieni il terreno leggermente umido. Per farlo come al solito, si consiglia l’irrigazione a goccia. 

Piogge intense e venti molto forti possono danneggiare il raccolto in quanto provocano una precoce incarnizione .

Per evitare ciò, coprite con un piccolo tetto in modo che continuino a ricevere la luce del sole. Se le piogge sono leggere, non ci saranno problemi con il raccolto, la stagione del raccolto può semplicemente essere ritardata un po’.

Come piantiamo il tigernut passo dopo passo?

  1. Puoi seminare il Tigernut direttamente a terra o in vaso; tuttavia, esistono metodi in cui viene prima lasciata germinare e poi piantata nel terreno.
  2. Una volta che avete acquistato i zigolo dolce assicurarsi che sono molto pulite , è importante che tu non li lavi con il sapone commerciale , ma solo con acqua poiché altrimenti il tubero potrebbe essere danneggiato.
  3. Poi metteteli in acqua per idratarli per circa due giorni interi . Butta via i tigernut che hanno buchi , che galleggiano o hanno un colore anomalo in quanto è molto improbabile che si sviluppino.
  4. Una volta che i semi sono pronti, seminare a circa due pollici di profondità e con una distanza di pochi centimetri tra loro per consentire loro di sviluppare il loro apparato radicale.
  5. Quindi coprire con terriccio senza pressarlo e annaffiare abbondantemente.
  6. Dopo alcune settimane inizieranno i germogli , che saranno piccole foglie verdi sopra il suolo.
  7. La raccolta del tigernut avviene tra i mesi da ottobre a novembre. Se hai mantenuto le condizioni di crescita, noterai che le foglie stanno crescendo e nei mesi del raccolto diventeranno marroni e inizieranno ad asciugarsi. Ciò significa che ora puoi rimuovere il tubero.
  8. Una volta tolto da terra , lavalo con abbondante acqua e lascialo asciugare completamente . Se non utilizzate tutte le noci di tigre che avete raccolto, potete conservarle come se fossero dei legumi oppure in frigorifero a temperature non inferiori ai 2°C.

Come e quando raccogliamo le noci tigre?

Dobbiamo iniziare a raccogliere il tigernut quando la parte superiore si asciuga. 

Questo accade alla fine dell’anno, in particolare durante  i mesi di novembre e dicembre. 

Dopo la raccolta, manuale o con macchine , si passa al successivo lavaggio, asciugatura e stagionatura.

Il tigernut va lasciato stagionare qualche mese per ottenere la dolcezza che lo caratterizza.

Quali associazioni favorevoli ha?

 Il tigernut cresce bene nelle monocolture,  cioè, solo con altri tigernut.

Tuttavia, è conveniente non effettuare due raccolti consecutivi di questa pianta poiché si generano carenze nel terreno . Per mantenere stabile il fabbisogno di vitamine e minerali , puoi piantare le cipolle una stagione prima o dopo.

Quali parassiti e malattie ha?

I principali parassiti sono i bruchi che attaccano le foglie, gli afidi e la piralide.

Il genere Cyperus è solitamente il più soggetto ad attacchi di piralide. Puoi evitarlo facendo quello che dice in la sezione sulle associazioni favorevoli. 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.