Suggerimenti

NOLE: rimedi ecologici per scacciare questa piaga da frutteti e giardini

Le talpe sono considerate, insieme ai conigli, arvicole e arvicole, i parassiti dei mammiferi vertebrati di giardini e frutteti. Questi animali possono diventare una seccatura, non solo per ciò che mangiano, ma anche per le buche e le tane che scavano e le malattie che possono portare e trasmettere.

In questo post ti diremo quali sono le soluzioni ecologiche più utili per metterle in pratica in caso di peste di talpe.

Cosa sono le talpe?

Sono animali mammiferi sotterranei che appartengono alla famiglia dei Talpidae .

Sono piccoli, pesano circa 100 grammi e sono lunghi circa 16 cm dal muso alla coda. Il colore dei loro capelli può variare dal nero al marrone chiaro. Da notare anche che le sue zampe sono robuste (soprattutto quelle anteriori) e larghe per scavare facilmente. Il senso dell’udito è molto sviluppato e anche l’olfatto, mentre quello della vista è il più limitato.

È abbastanza comune che i parassiti delle talpe si presentino nei frutteti e nei giardini dove scavano gallerie sotterranee per accedere alle radici delle piante. Nel caso degli orti, possono nutrirsi anche di ortaggi a radice (carote, ravanelli, ecc.) e tuberi (patate, patate dolci, ecc.).

Cosa fare ai primi segnali?

Per seguire un trattamento efficace contro i parassiti del giardino e del frutteto, è importante considerare tre passaggi essenziali:

  1. Identificare il parassita

Come con qualsiasi affettazione da frutteto o giardino, la prima cosa è identificare quale tipo di parassita o malattia è quello che vuoi controllare.

Per riconoscere la presenza di talpe, i segnali principali saranno tunnel, molehills e cunicoli (nell’immagine sotto). Lasciano cumuli di terra fresca e fine, generalmente a forma di mezzaluna, sulla superficie del terreno.

Le specie di talpe presenti nella penisola iberica sono, principalmente, la talpa europea ( Talpa europaea ) e la talpa iberica ( Talpa caeca occidentalis ), simili per dimensioni e abitudini alimentari ma, la seconda, endemica della penisola.

Hanno un corpo cilindrico e compatto, con arti anteriori molto più sviluppati dei posteriori, forti e a forma di pala, con unghie grandi e robuste appiattite. In totale, dalla testa alla coda, gli adulti possono misurare tra i 18 ei 30 cm, con un peso da 80 a 120 grammi.

La coda è corta, da 1 a 2 cm, ed è scarsamente ricoperta di peli, quindi è possibile vedere la sua pelle squamosa. Sul resto del corpo il mantello è denso, generalmente nero, anche se può avere una sfumatura bruno-bluastra.

Le talpe sono perfettamente adattate alla vita sotterranea, sono prive di padiglione auricolare e hanno un muso stretto, appuntito, di colore rosato con vibrisse sensibili, essendo molto sensibili alle vibrazioni del terreno e agli stimoli uditivi, questo essendo, insieme all’olfatto sviluppato, permettendo loro per cacciare la loro preda ed evitare i predatori.

La principale differenza tra le due specie è negli occhi. Mentre nel neo iberico sono nascosti sottopelle, nel neo europeo, pur essendo molto piccoli, sono visibili.

  1. Valuta il problema

Una volta identificato il tipo di mammifero la cui presenza spicca nell’orto o nel frutteto, è importante determinare se i danni che provoca sono sufficienti per cercare di controllarlo.

Le talpe si nutrono principalmente di lombrichi, larve di insetti, ragwort, conchiglie, millepiedi, millepiedi, grilli, molluschi e altri invertebrati.

Le loro gallerie sono profonde tra i 5 ei 30 cm, anche se possono scavare un po’ più in profondità, fino a circa 70 cm. I tunnel più superficiali sono per il foraggiamento, quelli più profondi si collegano con la tana e il sistema di tunnel che a sua volta si collega al territorio di altre talpe.

Necessitano di terreni moderatamente profondi, con terreno umido e non troppo compatto, ricchi dei suddetti alimenti. Per questo motivo le talpe sono potenti bioindicatori della salute del suolo , poiché sono anche molto sensibili agli inquinanti ambientali e vivono solo dove è disponibile il cibo.

Oltre all’impoverimento e al degrado dei suoli, l’essere umano è la principale minaccia della talpa, poiché l’ha accusata di danneggiare colture e giardini durante lo sviluppo delle sue gallerie, anche quando, in realtà, la sua attività può essere benefica .

Le talpe mobilitano il suolo dagli strati profondi, favoriscono la rigenerazione del suolo e consentono l’aerazione del terreno, oltre ad eliminare una notevole quantità di invertebrati che possono essere dannosi per le colture.

  1. Opzioni disponibili e accettabili per affrontare il problema

Trattandosi di un animale poco visibile, le strategie per controllarne la presenza sono solitamente estremamente aggressive, anche a rischio di compromettere l’incolumità del resto degli abitanti e degli utenti del giardino.

Esche tossiche, trappole e fumigazioni sono metodi sconsigliati, non solo perché hanno una grande possibilità di essere inefficaci, ma anche perché sono pericolosi per l’uomo a contatto con questo spazio e attraverso i prodotti che da lì vengono estratti per il cibo. spezie e aromi.

Controllo ecologico delle piaghe da talpe

Le soluzioni naturali per tenere a bada le talpe includono:

1. Il metodo di esclusione

L’obiettivo è impedire a questi mammiferi di entrare nell’area in questione. Consiste nel posizionare una rete metallica profonda 60 cm intorno all’area da proteggere e avente un’altezza di almeno 30 cm al di sopra della superficie.

È un metodo efficace quando si vuole proteggere un frutteto o alcune singole piante dalle talpe, e può essere efficace anche per impedire l’accesso di altri animali a quell’area.

2. Dispositivi repellenti

I dispositivi di scavenging che vengono installati come picchetti nel terreno, alcuni ad ultrasuoni, altri vibranti e persino le girandole decorative.

Le bottiglie riutilizzate per esercitare la vibrazione hanno riportato risultati efficaci, essendo un modo semplice e casalingo per scacciare le talpe. Sono molto facili da posizionare: in ogni talpa mettiamo una barra di metallo e mettiamo sopra una bottiglia di vetro capovolta. I nei sono molto sensibili alle vibrazioni e la vibrazione prodotta dalla bottiglia di vetro a contatto con la sbarra di ferro li infastidisce ed eviteranno andandosene.

3. Preparati vegetali

Ci sono due preparati che si distinguono per la loro efficacia:

  • Aglio e pepe di Caienna: marinare un cucchiaio raso di Caienna, una testa d’aglio (non pelata) in 1 litro di olio vegetale per 15 giorni. Dopo questo tipo, togliere l’aglio e aggiungere un cucchiaio di sapone. Applicare a spruzzo sulle talpe. Fai attenzione, questo rimedio può essere dannoso per i tuoi animali domestici e i tuoi bambini!
  • Olio di ricino: preparare una miscela con 1 parte di olio di ricino, un’altra parte uguale di acqua e aggiungere 2 cucchiai di sapone. Applicare a spruzzo sulle talpe.

4. Piante repellenti

Includi piante delle seguenti specie nel frutteto o nel giardino:

  • Euphorbia Lathyrus , nota come euforbia o erba di ginestra
  • Fritillaria imperialis , detta corona imperiale
  • Incarvillea delavayi , conosciuta semplicemente come incarvillea.

Molto efficaci, piantali intorno alle colture che vuoi proteggere. Sono un vero e proprio scudo vegetale contro i parassiti della talpa e anche contro i topi. Potrebbe essere la soluzione che funziona meglio a lungo termine.

5. Predatori naturali

Raggiungere le condizioni per la presenza di predatori naturali è un’alternativa efficace per limitare l’abbondanza di talpe, oltre a toporagni, arvicole, conigli, topi e arvicole.

Alcuni studi hanno rivelato che sembra esserci una relazione con le talpe ( Arvicola terrestre ), che colonizzano le gallerie scavate dalle talpe invece di scavare le proprie, facilitando l’insediamento di nuove colonie.

I predatori della maggior parte dei parassiti dei campi vertebrati sono uccelli, come il gufo e il gufo , mentre volpi, gatti e altri mammiferi, sebbene riescano a catturare le talpe, non le mangiano perché le ghiandole epiteliali causano un sapore sgradevole.

Per aumentare la presenza di specie come il barbagianni ( Tyto alba ), la civetta ( Athene noctua ) o l’ albanella minore ( Circus cyancus ), che possono catturare da 2 a 10 prede al giorno, vengono installate cassette nido su pali da 4 a e alto 5 metri, con l’ingresso rivolto a sud-est ed evitando i venti prevalenti nella zona.

Serpenti e donnole sono anche predatori alleati dell’agricoltura, soprattutto nel controllo dei parassiti vertebrati, quindi è importante aiutarli a trovare un modo per allontanarsi dall’area del giardino senza ucciderli.

Bibliografia

  • “Parliamo di Giardinaggio. Parassiti del giardino dei vertebrati, “Cheryl Wilen, consulente per la gestione integrata dei parassiti, estensione della cooperativa dell’Università della California. 2003
  • “Talpa occidentalis, talpa iberica”, Atlante e Libro rosso dei mammiferi terrestri della Spagna.
  • Talpa europea – Talpa europaea Linnaeus, 1758″, Ma. Carmen Hernández. Unità di Zoologia, Dipartimento di Biologia, Università Autonoma di Madrid. Enciclopedia dei vertebrati spagnoli, Museo Nazionale di Scienze Naturali. 2016
  • “Topo Iberico – Talpa occidentalis Carera, 1907″, Ma. Carmen Hernández. Unità di Zoologia, Dipartimento di Biologia, Università Autonoma di Madrid. Enciclopedia dei vertebrati spagnoli, Museo Nazionale di Scienze Naturali. 2016
  • “Lotta biologica della peste delle arvicole”, Carlos Cuéllar Basterrechea, Alfonso Paz Luna e Javier Viñuela Madera. Gruppo per la Riabilitazione della Fauna Autoctona e del suo Habitat. 2018

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *