Suggerimenti

Cura dell’orchidea bianca: [sporco, umidità, potatura e problemi]

Quali caratteristiche hanno le orchidee bianche?

Le orchidee bianche hanno un significato speciale, perché sono fedeli rappresentanti di purezza, amore puro, amore eterno.

Ecco perché hanno un posto speciale nei bouquet da sposa, poiché sono perfetti per simboleggiare l’impegno più sublime dell’amore.

Le orchidee bianche sono davvero molto eleganti. Il suo nome scientifico è Phalaeopnosis amabilis.

È una pianta epifita che ama vivere sui rami o sui tronchi degli alberi .

È anche conosciuta come l’orchidea della luna. La sua origine si trova nelle giungle tropicali del sud-est asiatico.

Ha foglie sempreverdi , non cadono facilmente, perché hanno una consistenza coriacea e di colore verde, dall’aspetto lucente. In questa varietà di orchidee le radici sono aeree, molto fitte e bianche . Ma cambiano colore a contatto con l’acqua, come se fosse una cartina di tornasole, diventando verdi.

Ciò indica che sono soddisfatti e che il processo di fotosintesi è stato completato con successo . I suoi fiori sono grandi, circa 4 cm e provengono da steli lunghi circa 90 cm. Hanno una composizione di tre sepali, che sono le strutture che danno forma al calice e ai tre petali.

Appaiono in primavera con la loro grande eleganza, anche se è anche possibile che la pianta possa fiorire anche in autunno e in estate. L’importante è che il tempo non porti gelo.

La sua versatilità gli permette di stare sia all’interno che all’esterno. L’importante è dargli la cura precisa che merita. Continua a leggere e avrai accesso ai migliori consigli relativi alla coltivazione dell’orchidea bianca.

Che bisogno di terreno hanno le orchidee bianche?

L’ideale è acquistare un substrato speciale per le orchidee se verranno coltivate in vaso, all’interno della casa. Ma se l’orchidea bianca avrà il posto d’onore nel giardino, allora si può usare una materia organica fatta in casa come il compost o il muschio di sfagno , disponibile anche nei vivai o nei negozi di giardinaggio.

I fertilizzanti , invece, sono di tipo specifico per le orchidee. Ci sono molte marche disponibili sul mercato.

Come far crescere le orchidee bianche forti e vigorose?

Una delle chiavi più importanti per la coltivazione delle orchidee bianche è legata al tempo. Questo determina se possono sopravvivere all’interno o all’esterno, in giardini e terrazze.

Posizione

Se vivi in ​​un luogo dove le temperature sono stabili, sopra i 10ºC è molto probabile che rimangano all’aperto .

La cosa principale è posizionare la pianta in un luogo con un’ottima illuminazione naturale, purché non riceva la luce solare diretta, perché è fatale per il suo sviluppo.

Se l’area in cui vivi è fredda, con gelate e notevoli cali di temperatura, allora l’opzione più praticabile per prendersi cura della pianta è un luogo molto luminoso all’interno della casa, ovviamente, dove la luce del sole arriva indirettamente.

Pot life

Un dato importante è sapere che l’orchidea bianca può vivere diversi anni in vaso, senza bisogno di trapianti, perché tollera i piccoli vasi.

Ciò che è rilevante in questo caso è la necessità di conservarlo in un vaso trasparente o bianco, al fine di identificare i cambiamenti di colore nelle sue radici, in modo che in questo modo riceva solo l’acqua di cui ha bisogno ed evitare un eccessivo marciume. liquido.

Riproduzione speciale

Un’altra caratteristica notevole è la sua moltiplicazione. Si riproduce per semi , ma questi germinano solo quando entrano in simbiosi con un fungo micorrizico.

Un’altra forma di moltiplicazione di questa specie di orchidee è attraverso i loro polloni o keikis, che producono i bastoncini floreali visibili in primavera. Questi vengono separati dalla pianta madre seguendo i seguenti passaggi:

  1. La prima cosa è aspettare che germoglino alcune radici.
  2. Vengono quindi tagliati con l’ausilio di forbici precedentemente disinfettate.
  3. Sono piantati in un vaso bianco o trasparente, separatamente. Uno per uno.
  4. Si annaffiano abbondantemente, ma prima bisogna fare in modo che il vaso abbia un ottimo sistema di drenaggio, per evitare pozzanghere.

Di quale umidità hanno bisogno le orchidee bianche?

Negli ambienti chiusi della casa è molto importante che la pianta non sia collocata in luoghi dove ci sono correnti d’aria.

L’umidità deve essere alta. Ciò si ottiene con l’uso continuo di un umidificatore nella stanza dove rimane la pianta, o posizionando contenitori con acqua intorno ad essa.

Un buon modo per mantenere l’umidità nelle regioni aride è posizionare alcune pietre che risparmiano acqua.

La sua rusticità è determinata dall’intolleranza al gelo o al freddo intenso. La sua gamma di temperature è tra 18-35ºC. Anche se ci sono varietà che sopportano un intervallo di temperatura minimo di 9ºC in poi.

Irrigazione

Per quanto riguarda l’irrigazione, va seguita alla lettera una chiara raccomandazione: l’acqua va aggiunta solo quando il substrato si asciuga, preferibilmente versando acqua piovana, senza calcare o osmosi.

In ogni caso è molto importante fornire acqua oligominerale, non acqua normale. Non è pertinente innaffiare le foglie, tanto meno i fiori. Questo provoca loro una putrefazione inarrestabile. Se si esegue l’irrorazione, devono essere puntuali, verso le radici.

È necessario potare le orchidee bianche?

Il rituale di potatura deve essere seguito dopo la disinfezione delle forbici con alcool. In questo modo proteggiamo la pianta da infestazioni indesiderate. Successivamente, le foglie secche e i fiori appassiti vengono accuratamente rimossi per evitare che la pianta perda vigore ed energia.

Quanto spesso dovremmo potare le orchidee bianche?

Viene potato dopo la fioritura, perché i fiori e le foglie appassiti non possono rimanere indefinitamente, poiché tolgono sostanze nutritive alla pianta. Ma anche i suoi steli devono essere potati quando la fioritura si interrompe e non appare alcuna ricrescita.

Deve essere fatto prima che diventi giallo a 1 cm dal primo germoglio visibile.

Come evitare parassiti e malattie delle orchidee bianche?

Anche se può non sembrare, la luna o orchidea bianca è molto resistente . Si ammala quando viene trattato male o se vive in un ambiente sano, perché questa situazione favorisce l’arrivo di un parassita molto fastidioso e ben noto: la cocciniglia .

Ecco perché è prudente effettuare una revisione periodica delle sue foglie, al fine di rilevare intrusi come la cocciniglia, che può rimanere felice nella parte inferiore delle foglie fino a rovinare completamente la pianta.

Vengono rimossi con l’aiuto di una soluzione di sapone o alcol da farmacia, con applicazioni dirette su ogni foglio. Negli ambienti umidi bisogna anche prendere delle precauzioni, perché l’acqua in eccesso facilita anche la comparsa di funghi che marciscono le radici.

Ecco perché non è saggio spruzzare le foglie con acqua. Nel caso in cui compaia qualche fungo, deve essere eliminato con un semplice trattamento dove viene applicato rame o zolfo in polvere.

In questo caso la chiave è spaziare, allungare le innaffiature e non spruzzare, soprattutto durante l’autunno e l’ inverno .

Forse ti interessano anche:
  • 6 tipi e varietà di orchidee più famosi
  • Cura dell’orchidea Phalaenopsis: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Cura delle orchidee in inverno: [sporco, potatura e problemi]
  • Cura dell’orchidea: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Talee di orchidee: [innesto, stagione, radicamento e semina]
  • Parassiti e malattie delle orchidee: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Irrigazione dell’orchidea: [necessità, frequenza e procedura]
  • Tipi di orchidee: [Caratteristiche e classificazione]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.